Utente
Buonasera, da cinque anni a questa parte soffro di candida. La prima volta che si è manifestata è stata in conseguenza di una cura antibiotica dovuta ad una cistite. In seguito al primo tampone, il ginecologo mi ha prescritto il Diflucan,crema vaginale ,lavande e fermenti lattici specifici. Da allora l'infezione si è ripetuta ad intervalli regolari negli anni, ogni 3\4 mesi ed ogni volta in forme sempre più forti e di conseguenza con dosaggi sempre maggiore di antimicotici e cure sempre più a lungo termine che,comunque, non sono mai andate oltre i tre mesi. Lo scorso anno, in seguito ad uno sfogo molto forte ho consultato un altro ginecologo,il quale mi ha prescritto una cura annuale, a base di diflucan 200mg, ganazolo crema vaginale, fermenti lattici ed AB300 come cura preventiva. Allo scadere dei primi sei mesi di cura,sono stata bene ma quanto ho interrotta, su consiglio del ginecologo ed ho iniziato a prendere la pillola anticoncezionale "Lerna" ,in meno di un mese mi si è riscatenato il problema. Ho eseguito nuovamente il tampone (vaginele,uretrale e cervicale) ed il risultato è sempre un infezione da candida. Ho ricominciato la cura di antimicotico,crema,e fermenti ma l'infezione non se na va. Ad oggi sono due mesi che assumo il farmaco e non ho avuto nessun miglioramento. Il bruciore mi impedisce qualsiasi tipo di rapporto sessuale, mi crea prurito durante tutto il giorno a prescindere da qualunque cosa indossi. Ho sempre seguito attentamente lo schema per l'assunzione dei farmaci, lavo asciugamani e biancheria intima a 90 gradi, il mio ragazzo ha fatto tutte le volte la cura con me, cerco di stare attenta all'alimentazione anche se ogni tanto faccio degli strappi alla regola.

Quello che vorrei sapere è:
1) Perchè non rispondo più alle cure? Le cure sono appropriate o c'è qualcosa che non ho fatto o fatto male?
2) Fin ora nessun ginecologo mi ha conesso il problema con l'intestino, me ne parlò un osteopata. A quale medico specialista devo rivolgermi?


Vi rangrazio anticipatamente per l'attenzione e la cortesia
Cordiali saluti
Sara

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
1 , se continuerà a fare tamponi la candida la troverà sempre perchè è un SAPROFITA della vagina . Una cosa è la presenza di candida, un'altra cosa è la infezione da candida (con ife e sporulazione in atto) .
I sintomi che lei avverte potrebbero addebitarsi anche ad una vulvite da contatto , di tipo allergico . NON tutti i bruciori e pruriti sono addebitabili alla candida.
2. se veramente si fosse trattato di una infezione da candida a partenza dall'intestino , con tutto il DIFLUCAN che ha assunto avrebbe risolto il problema.
Trattasi sicuramente di CANDIDOSI VAGINALE?
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio, per prima cosa, della sua risposta. I risultati di Ogni tampone che ho effettuato fin ora sono sempre stati controllati da entrambi i ginecologi da cui sono stata e tutti mi hanno diagnosticato infezione da candida. Mi rendo conto di non essere stata del tutto chiara, oltre ai bruciori sono presenti, sempre, delle perdite bianche e grumose, ( mi perdoni ma non ricordo il nome tecnico). Il punto,ora come ora, è che ovviamente io non ho gli strumenti per capire quale sia la natura del problema, posso solo riportare ció che fin ora mi è stato detto di fare dai Suoi colleghi da cui sono stata in cura e sicuramente se avessi risolto il problema non starei qui a chiedere il Vostro aiuto.
La ringrazio per il tempo dedicatomi, attendo una sua risposta
Cordiali saluti
Sara

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
In questo momento non ho i criteri clinici per poter fare una diagnosi certa, quindi devo affidarmi a quello che mi descrive.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente
Se non ha abbastanza criteri clinici potrebbe chiedermi quello di cui ha bisogno per fornirmi un Suo parere medico.

[#5]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Non ho parlato di sintomi , ma di segni clinici, che hanno potuto osservare i miei Colleghi.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI