Utente 283XXX
Buongiorno,
qualche giorno fa sono stata dal ginecologo perchè soffro di cistiti post coitali frequenti. Durante i rapporti ho anche spesso un pò di dolore e/o scarsa lubrificazione.
Dalla visita è emersa una sospetta candida diagnosticata senza tampone e/o pap test per la quale mi sono stati prescritti 2 ovuli di falvin (oltre al d-mannosio per la cistite)
Il medico ha detto che avevo abbondante leucorrea con presenza di muchi biancastri e questo era sufficiente a sospettare la candida. Io ho specificato che le mie perdite sono sempre (da anni) state bianche e attualmente non ho prurito o bruciore (se non il bruciore durante la minzione) che possano farmi sospettare qualcosa. Vorrei capire se sia corretto somministrare fenticonazolo senza una effettiva positività. Ringrazio in anticipo chiunque voglia rispondermi a riguardo.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Non me ne voglia il Collega ma io non sono d'accordo su somministrazioni di terapie senza una precisa diagnosi.
Probabile non significa certa.
Un esame a fresco del fluor vaginale , un tampone vaginale specifico per miceti avrebbe dato più peso alla prescrizione.
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 283XXX

Ho da diverso tempo una serie di problemi che non riesco a credere che non siano associati. è molto frustrante uscire dallo studio di un medico con più domande rispetto a quelle che avevo e senza nessuna soluzione. Provo a sintetizzare:
1) cistite ricorrente soprattutto post coitale (acuta ed emorragica 3 volte negli ultimi tre mesi e costante bruciore durante la minzione)
2) negatività urinocultura (ripetuta diverse volte)
3) dolore bruciore durante i rapporti, a volte sensazione di avere dei taglietti sulle pareti interne che mi costringono all'interruzione
4) scarsa lubrificazione
5) sensazione di contrazione dei muscoli pelvici
6) visita ginecologica non ha evidenziato nulla, solo una sospetta candida diagnosticata senza tampone
7) ultimi tamponi vaginali negativi
8) intestino non proprio regolare

non è possibile considerare tutti questi sintomi in un ottica più globale e non limitandosi alla propria specializzazione? Non so a chi rivolgermi

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Dalla sintomatologia che descrive , si dovrebbe prendere in considerazione anche una possibile vulvodinia, una VAC ( vulvite allergica da contatto acuta ) oppure una VAC cronica, cioe reazioni immuno-mediate a sostanze di natura chimica o biologica che vengono a contatto con cute o mucosa vulvare con conseguente risposta infiammatoria.
Anche una alterazione del FLUOR VAGINALE (pH e lattobacilli di DODERLEIN) può svolgere un ruolo importante.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI