Utente 385XXX
Buongiorno, Ultimo ciclo 24/05, dovrei aver ovulato l’11/12 giugno. Valori HCG 25/06 61 IU/L, 27/06 147 IU/L, 02/07 1280 IU/L, 07/07 2110 IU/L, lo stesso giorno visto il quasi arresto della crescita faccio un’ecografia: si vede camera gestazionale e sacco vitellino ma non embrione. La dottoressa ha detto che il fatto che non si vede l’embrione potrebbe essere compatibile con l’età gestazionale, ma il fatto che le beta non siano cresciute di molto è cattivo segno (mi ha detto di non farmi tante speranze ma che non tutto è perduto). Mi ha invitata a fare ecografia e HCG dopo una settimana. Non sono resistita: ho rifatto le beta anche il 10/07/15 2045 IU/L… scese me la sono “messa via” pensando di aver avuto l’uovo chiaro (mi sembra si dica così) ed ho sperato che mi venisse il ciclo. Lunedì, cioè oggi, sono andata a fare l’ecografia in reparto (passando da pronto soccorso)… sperando che “in fretta” mi dicessero di fare raschiamento o altro.. stupore si vede embrione e battito. Mi hanno rifatto HCG (altro laboratorio rispetto al solito) risultato 2784 IU/L. Premetto che avevo detto alla dottoressa che mi ha visitato che giovedì 16 avrò appuntamento con la ginecologa (attualmente in ferie) che tra l’altro è la responsabile del reparto. Quindi la sensazione è che non si sia voluta tanto esprimere lasciando la decisione alla mia ginecologa.Comunque mi ha detto che se anche le beta non sono cresciute tanto non è un problema e che alle volte i laboratori sbagliano. Ora le chiedo: com’è possibile che con 2110 il 07/07 non si vedesse l’embrione e con 2045 si vede il battito? il calo delle Beta non è incompatibile con una crescita dell’embrione? Inoltre come ho letto qui e in molti altri siti la mancata o poca crescita delle beta non è quasi sicuramente presagio di problemi? Sono molto spaventata: io ho una figlia di 9 mesi ed abbiamo scoperto che ha una malattia genetica e il genetista ci ha detto visitandoci che dovrebbe essere una mutazione spontanea e non ereditaria. Per favore mi dia la sua opinione "nuda e cruda". Grazie di cuore.

[#1] dopo  
Dr. Marco Piermatteo

36% attività
4% attualità
16% socialità
LIVORNO (LI)
CASTAGNETO CARDUCCI (LI)
PORTOFERRAIO (LI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2011
Buonasera, come potrà leggere in altre risposte su MedicItalia, l'attendibilità delle beta non è altissima. Non è il laboratorio che sbaglia, si tratta piuttosto di lettura su reazioni chimiche, quindi i numeri che ne derivano sono passibili di errore. Il dato più importante è l'ecografia, ma anche in questo caso c'è differenza tra un apparecchio e l'altro, tra un operatore e l'altro. Il dato certo è la visualizzazione dell'embrione e dell'attività cardiaca: questo significa che fino a quel momento la gravidanza procede regolarmente. Nessuno può prevedere il futuro, quindi si procede con ulteriori controlli, distanziati di almeno una settimana per poter valutare l'accrescimento. Nessun legame tra valori delle beta e le mutazioni genetiche. Saluti, M. Piermatteo
Dr. Marco Piermatteo
Specialista in Ginecologia Ostericia - Fisiopatologia della Riproduzione - LIVORNO

[#2] dopo  
Utente 385XXX

Grazie dottore per la risposta.
La terrò aggiornata sull'andamento della gravidanza e vediamo se in questo caso le beta sono state ingannevoli!
Buona giornata.

[#3] dopo  
Utente 385XXX

Buongiorno,
la disturbo ancora. Ho fatto nuove beta mercoledì 15/07 ed erano 2985 IU/L (in crescita ma sempre basse). Giovedì ho fatto la prima visita con la ginecologa ed ha visto embrione con battito di 4,1 mm. Ho ovulato tardi (11/12 giugno quindi circa 5/6 giorni dopo il 14esimo giorno se avessi cicli da 28): sarei in 7+4 e sulla cartella clinica il feto mi sembra di leggere che corrisponde a 6+2. Secondo lei ci siamo con i valori? Le chiedo inoltre visti i miei bassi valori delle beta ho un rischio maggiore di aborto o morte del feto rispetto le altre donne con beta "regolari"?
La ringrazio infinitamente per il tempo che mi dedicherà, in queste situazioni emotivamente ogni parola che possa anche solo parzialmente sciogliere dei dubbi è davvero d'aiuto.
Buona giornata.

[#4] dopo  
Dr. Marco Piermatteo

36% attività
4% attualità
16% socialità
LIVORNO (LI)
CASTAGNETO CARDUCCI (LI)
PORTOFERRAIO (LI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2011
Buonasera, come le ho detto le beta non sono molto attendibili, quindi non può mettere in relazione il valore di laboratorio con la possibilità di aborto. Il dato fondamentale è che sia visualizzata l'attività cardiaca, il resto non conta. La datazione precisa della gravidanza si pone intorno alla 11a settimana, non prima, perché giocando su millimetri si può essere molto imprecisi, quindi la corrispondenza con le settimane può essere inesatta. In questa epoca la valutazione dell'accrescimento si a distanza non inferiore alla settimana, quindi per valutare un andamento regolare della gravidanza potrà ripetere l'ecografia dopo almeno sette giorni. Le suggerirei di vivere la sua gravidanza in modo più sereno in modo da poter apprezzare la gioia di apprestarsi a diventare mamma, altrimenti ogni volta che dovrà fare un esame sarà fonte di ansia. I migliori auguri, M. Piermatteo
Dr. Marco Piermatteo
Specialista in Ginecologia Ostericia - Fisiopatologia della Riproduzione - LIVORNO

[#5] dopo  
Utente 385XXX

Buongiorno,
la disturbo ancora per porle una domanda in base agli sviluppi che ci sono stati: Ier1 (21/07) mi sono recata in pronto soccorso per delle perdite marroni e dei crampi nel basso addome. In ospedale mi hanno fatto le beta hcg e sono risultate 3954 (sempre basse) e dall'ecografia l'embrione ha ancora battito cardiaco e risulta cresciuto (corrisponde a 6+5 - circa una settimana di ritardo come evidenziato in tutte le altre ecografie). In questa ecografia hanno tuttavia trovato sull'ovaia destra una "formazione cistica DX di 23X20 mm anacogena, corpo luteo DX di 23X20 mm, minimo versamento retrouterino". Tolto che non ho capito bene di cosa si tratti mi sembra di aver capito che c'è del sangue nel corpo luteo". Mi hanno prescritto degli ovuli di progesterone da prendere mattina e sera (li sto prendendo ma non sono molto d'accordo perché sono dell'idea che se natura non vuole che io proceda con questa gravidanza un motivo ci sarà ... speriamo di no). Oggi le perdite marroni continuano. Devo dire che la sera prima che comparissero le perdite ho avuto un rapporto sessuale.
Vorrei chiederle: possono essere la ciste e il corpo luteo con il sangue che rallentano la mia produzione delle Beta hcg? Sto seguendo il suo consiglio e mi sto basando solo sulle ecografie che fino ad ora dicono che tutto procede e la camera è ben posizionata in utero e non ci sono distacchi, ma non riesco ad "arrendermi" nel capire il perché le mie beta indichino che invece non sta andando per il verso giusto. La ringrazio infinitamente per la pazienza e per i consigli che mi ha dato.

[#6] dopo  
Dr. Marco Piermatteo

36% attività
4% attualità
16% socialità
LIVORNO (LI)
CASTAGNETO CARDUCCI (LI)
PORTOFERRAIO (LI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2011
Buongiorno, ha tutto il diritto di non arrendersi ma.... io invece mi sono arreso molto tempo fa! Unica spiegazione: sono solo dati di laboratorio, il valore è tratto da reazioni chimiche non è una bilancia. Il corpo luteo contiene FISIOLOGICAMENTE tracce di sangue, quindi è normale quello che le hanno descritto. L'altra piccola cisti di neanche 2 cm, a termine di linee guida ecografiche, potrebbe anche non essere descritta e questo significa che non ha alcuna importanza. Il progesterone ha una storia tutta particolare: nessuno studio ha dimostrato che sia realmente efficace, danni non ne fa, nessun medico ha il coraggio di smettere di "proporlo". Le donne poi sono piuttosto strane: se non si propone la terapia vorrebbero qualcosa a sostegno della gravidanza, ma quando la si propone allora preferirebbero non prendere farmaci!! Concludo: non è indispensabile assumere il progesterone, basta che in caso di arresto della gravidanza non si lamenti perché nessuno le ha prescritto una terapia adeguata. Saluti, M. Piermatteo
Dr. Marco Piermatteo
Specialista in Ginecologia Ostericia - Fisiopatologia della Riproduzione - LIVORNO

[#7] dopo  
Utente 385XXX

Buongiorno dottore, mi dispiace se sono sembrata "arrogante". Sto assumendo il progesterone: non sono un medico, mi fido di ciò che il mio ginecologo mi ha consigliato, mi sono semplicemente posta una domanda. La ringrazio vivamente di tutti consigli che mi ha dato fin ad ora e del tempo che mi ha dedicato. Buona giornata.

[#8] dopo  
Dr. Marco Piermatteo

36% attività
4% attualità
16% socialità
LIVORNO (LI)
CASTAGNETO CARDUCCI (LI)
PORTOFERRAIO (LI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2011
Buonasera, a me non ha dato l'impressione di essere arrogante e mi spiace se le sono sembrato irritato; non corrisponde affatto alla realtà. Proprio perché lei non è medico, ribadisco che ha il diritto di porsi ancora domande, mentre per quel che riguarda il mio lavoro, negli anni ho imparato che di alcuni esami non ci possiamo fidare ciecamente. Tra questi ci sono le beta. Molti pazienti ci chiedono risposte certe, ma in medicina le certezze sono davvero poche. Da qui derivano le mie considerazioni. Mi affido più propriamente all'ecografia, magari facendone una in più, piuttosto che ripetere inutilmente le beta che a questo punto si rilevano inaffidabili. Anche per il progesterone non abbiamo la certezza scientifica sulla sua efficacia: per questo è mi abitudine spiegare alle mie pazienti quanto ho esposto anche a lei, cercando di capire se preferiscono stare alla sorte o assumere un farmaco che, se non ha una efficacia documentata, almeno le toglie dall'ansia di non poter far niente. Purtroppo il linguaggio scritto non rende bene il tono delle argomentazioni e, nel mio caso, voleva essere tranquillizzante e conciliante. Lei non mi ha innervosito o irritato, mi spiace se invece sono stato io a provocare tali sensazioni in lei. Saluti, M. Piermatteo
Dr. Marco Piermatteo
Specialista in Ginecologia Ostericia - Fisiopatologia della Riproduzione - LIVORNO

[#9] dopo  
Utente 385XXX

Buongiorno, grazie delle parole chiarificatrici che mi ha scritto. Mi rendo conto di essere eccessivamente ansiosa, ma non sto vivendo molto bene questa gravidanza, probabilmente a causa di quel che mi è capitato con la prima bimba: ho fatto una gravidanza a dir poco spettacolare senza nausee, nessun problema di beta, analisi del sangue senza "asterischi", ho lavorato fino al giorno prima di partorire... e la mia piccola è malata... da mamma la domanda che rimbomba nella testa è "se con la prima gravidanza perfetta è nata una bimba malata, dalla seconda che già è partita male cosa ne uscirà?". Grazie dottore per aver ascoltato il mio sfogo e, la ringrazio davvero di cuore per il tempo che mi ha dedicato. Se tutto andrà bene a fine febbraio circa riceverà un mio messaggio. Buon fine settimana.

[#10] dopo  
Utente 385XXX

Buongiorno, volevo aggiornare la situazione. Questa mattina ho fatto una visita ecografica di controllo (ero a 10+1) e purtroppo non c'era più battito. Vista la crescita, secondo la ginecologa, deve essersi fermato 4/5 giorni fa. Nei prossimi giorni il raschiamento. Volevo chiederle un consiglio: la mia ginecologa dice che, essendo il primo aborto, non faranno l'analisi del materiale abortivo. C'è modo di poterlo richiedere ugualmente seguendo altre vie? L'esame genetico della mia bambina non è ancora arrivato quindi di fatto non ho ancora in mano un documento che possa attestare la sua malattia (NF1). E di fatto mi è venuto il pensiero che magari sono io che non posso procreare "figli sani". Penso che facendo l'analisi del materiale abortivo, magari posso far chiarezza. Lei cosa mi consiglia? Secondo lei che strada posso seguire? In altre parole, se fossi una sua assistita (dato che non ho precedenti - a parte la mia bimba - non ho in famiglia casi particolari, e sono "sana" senza particolari problemi) lo considererebbe come un caso "isolato" oppure lo considererebbe come una base di partenza per particolari accertamenti? Grazie davvero per la disponibilità.

[#11] dopo  
Dr. Marco Piermatteo

36% attività
4% attualità
16% socialità
LIVORNO (LI)
CASTAGNETO CARDUCCI (LI)
PORTOFERRAIO (LI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2011
Gentile signora, sono dispiaciuto per l'evoluzione negativa della sua gravidanza. Le esprimo il mio parrebbe sapendo che ha poco valore, perché se fare o non fare l'esame l'esame genetico può deciderlo soltanto l'ospedale in cui viene eseguito il raschiamento. Dato che ha ancora qualche giorno davanti a se, cercherei di avere una consulenza genetica urgente: se da questa risultasse importante l'esame sul materiale abortivo, lei avrebbe un documento di uno specialista qualificato con il quale poter a buon diritto esercitare una specifica richiesta. Se l'esame fosse negato (sono tempi in cui le spese sono ipercontrollate e ridotte ai minimi termini) potrà sempre rifiutare l'intervento e rivolgersi ad altro ospedale in cui l'esame venga eseguito. Questo, ovviamente, se la consulenza genetica lo riterrà un esame utile anche per una scelta terapeutica future. I migliori auguri, M. Piermatteo
Dr. Marco Piermatteo
Specialista in Ginecologia Ostericia - Fisiopatologia della Riproduzione - LIVORNO

[#12] dopo  
Utente 385XXX

Grazie, seguirò il suo consiglio e contatterò il genetista. Buona serata.