Utente 369XXX
Buonasera,
vi scrivo per avere delucidazioni riguardo l'assunzione di antibiotici durante la settimana di sospensione della pillola. Ho riscontrato pareri discordanti e vorrei averne di ulteriori per chiarirmi le idee. Una settimana fa, in seguito ad una forte cistite con sangue nelle urine, tremori e mal di schiena, al pronto soccorso mi è stata data la levofloxacina 500mg x 6 giorni, in attesa di avere i risultati dell'antibiogramma. Oggi era l'ultimo giorno di levofloxacina, così come l'ultimo giorno di pillola. Ritirando ieri l'antibiogramma son risultata positiva al Proteus mirabilis, sensibile a ciprofloxacina. Dal medico mi è stata data quest'ultima da 500mg da prendere 2 volte al giorno, x 5 giorni. La terapia con Ciprofloxacina cade quindi nei 7 giorni di sospensione della pillola (che faccio perchè ho già unito due blister il mese scorso per evitare il sanguinamento in quanto ero in vacanza). Ho letto che antibiotici della famiglia dei chinoloni non interferiscono con l'efficacia contraccettiva, ma a me il dubbio rimane: sono protetta a partire dal blister successivo oppure no? Perchè comunque il ciclo di antibiotici è piuttosto lungo tra levofloxacina finita oggi e ciprofloxacina ancora da iniziare. Finirei la ciprofloxacina il giorno prima di riprendere la pillola, sono quindi coperta a partire dalla nuova scatola di Loette? Vi ringrazio molto
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Con questo tipo di antibiotico non ci sono interazioni con la pillola estroprogestinica, per eccesso di zelo si evitano i rapporti durante l'assunzione, ma successivamente non deve adottare nessuna contraccezione alternativa (vedi preservativo ) .
La Scuola Anglo-sassone riporta delle precauzioni anche nei 2/3 giorni successivi alla sospensione , ma è comunque una esagerazione , ed è riferita a particolari antibiotici.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 369XXX

Gent.mo Dr. Blasi,
vorrei porLe ancora una domanda, dato che ho il ginecoloco fuori città e m'è sorto un dubbio. Ho finito da 13 giorni l'assunzione di ciprofloxacina, l'urinocoltura è negativa, ma dal nuovo blister ( iniziato l'ultimo giorno di antibiotico) ho iniziato ad avere dolori leggeri alle ovaie e all'utero. Oggi a distanza di 13 giorni ho spotting. E' normale dopo una terapia antibiotica così lunga? Mi mancano 8 pillole alla fine del blister, lo finisco? So che lo spotting in sè non indica una riduzione di efficacia ma non mi era mai capitato dopo un antibiotico quindi ho qualche dubbio.
La ringrazio molto
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
In corso di terapie antibiotiche lunghe può accadere per un impegno epatico maggiore.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI