Utente 399XXX
Gentilissimi,
Dei tamponi vaginali effettuati per un dolore alla minzione, sono risultata positiva alla klebsiella pneumoniae.
Mi sto curando con ciprofloxacina e ovuli, abbinati a delle lavande vaginali. Ho molte domande che sono riluttante a fare al mio medico:
1) visto che poco dopo la fine del trattamento vedrò il mio fidanzato (che vive in america, quindi non ho modo di fare un tampone di controllo), potrò avere rapporti sessuali orali e anali? Se i sintomi sono spariti, vuol dire che il batterio è debellato? non mi preoccupo di quelli normali in quanto usiamo sempre una protezione.
2) è possibili debellare completamente questo batterio?
3) c'è qualche precauzione che posso prendere per non prenderlo di nuovo? so che è naturalmente presente nell'intestino, e visto che quando vado di corpo sono spesso fuori casa, ho pensato che potesse essere dovuto ad una igiene non corretta..

Ho avuto inoltre un po di prurito esterno...potrebbe essere una relazione agli ovuli o alle lavande? come faccio a capirlo?

Grazie in anticipo, cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Questi batteri sono presenti in quantità non patologica nell'ambiente vaginale , quindi bisogna riportare alla normalità la flora lattobacillare che viene sostituita da questi microorganismi che provengono principalmente dal serbatoio intestinale(attenzione alle norme igieniche duranti i rapporti anali).
Un rapporto anale non deve essere seguito da una rapporto vaginale e durante l'igiene intima evitare di lavarsi partendo dalla zona perianale verso la zona vulvare
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Dr. Cesare Gentili

28% attività
20% attualità
12% socialità
CARRARA (MS)
VIAREGGIO (LU)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008

La flora batterica vaginale è ricca di batteri che soli in taluni casi posso provocare disturbi. Una delle condizioni che si verifica più frequentemente in seguito alla presenza si questi microrganismi è la vagite batterica che si manifesta con bruciori e senso di fastidio della parte.
Molto spesso però, anche se rilevati dalle colture questi germi non creano fastidio alcuno. La klebsiella è uno di questi.
Pertanto per ritornare al suo caso se i sintomi sono spariti non mi starei più a preoccupare della sua klebsiella. Come ha rilevato lei giustamente può essere presente nell'intestino e in piccole quantità anche in vagina pertanto non c'è da usare precauzione alcuna.
I germi banali quali appunto l'E.Coli, la Klebsiella, il Proteus e molti altri non fanno parte di quei microorganismi che si trasmettono sessualmente, pertanto può avere rapporti liberi
Infine se gli ovuli effettuati contenevano un antibiotico è possibile che il prurito sia determinato da una sopraggiunta infezioni micotica da verificare, se i disturbi non recedano ( magari dopo qualche lavanda a base di acido borico o bicarbonato) , con una visita medica e/o con un nuovo tampone
Dr. Cesare  Gentili
www.cesaregentili.it

[#3] dopo  
Utente 399XXX

Vi ringrazio per le vostre risposte! Dopo 6 giorni di cura il dolore alla minzione è praticamente sparito, e il prurito e secchezza vaginale diminuiti, anche se presenti. Non ho perdite e sto prendendo molti fermenti, quindi credo e spero che non siano causati dalla candida.

Gli ovuli che sto usando sono di clotrimazolo e metronidazolo...non so se questi siano antibiotici. Credete che sia opportuno fare un tampone di controllo una volta arrivata in USA?

Ho molta paura di trasmettere qualcosa al mio fidanzato perché lui ha un pessimo rapporto con i dottori ed è difficilissimo convincerlo a curarsi!

Ps per questi primi 6 giorni ho messo gli ovuli al mattino (avevo letto male la ricetta del mio medico), invece che prima di andare a dormire..non so se questo possa aver influito su qualcosa.

Grazie ancora!