Utente 546XXX
salve ho 38 anni .. un figlio di 4 anni arrivato subito e naturalmente.. con gravidanza perfetta... dopo un anno di tentativi per avere un figlio e avendo scoperto di avere una riserva ovarica molto limitata (valora ahm 0.40) ho provato con l'inseminazione ... sono rimasta incinta ma si è interrotta spontaneamente verso la sesta settimana.. beta basse che non raddoppiavano ma crescevano lente e poi di colpo scendevano... tornato il ciclo post aborto ci ho riprovato naturalmente e sono rimasta nuovamente incinta... ma ahimè di nuovo aborto verso la sesta settimana con le stesse modalità di quello precedente(beta basse ecc)... nel frattempo ho effettuato un'isteroscopia per controllare che non ci fosse qualcosa di anomalo nell'utero.. ed è risultato tutto ok.. utero normale senza problemi... ho aspettato che mi venisse di nuovo il ciclo dopo l'isteroscopia e ci ho riprovato... di nuovo incinta.. ma stavolta sembrava andare meglio... beta che raddoppiavano.. non altissime ma raddoppiavano... purtroppo all'eco mi diagnosticavano una camera gestazionale piccola rispetto all'embrione...ho fatto la villocentesi ed è risultata una triploidia... e infatti dopo domani dovro' ricorrere all'aborto terapeutico... questa volta stavo seguendo una profilassi antiaborto molto piu' forte delle precedenti.. forse per questo sono arrivata alla 12 settimana senza abortire(il cuore ad oggi batte ancora)... ho assunto cortisone.. seleparina.. progesterone.. metforal..e fertifol.... specifico che ho fatto ad oggi tantissimi esami... isterosalpingografia tutto ok... cariotipo mio e di mio marito tutto ok.. spermiogramma di mio marito tutto ok...studio delle varie mutazioni tutto ok.. insomma mi chiedo una cosa... possibile che i miei ovuli vista la ridottissima riserva ovarica , siano di scarsissima qualità e possano quindi essere la causa dei miei aborti?

[#1] dopo  
Dr. Lucia Vecoli

44% attività
4% attualità
20% socialità
LUCCA (LU)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2014
Gent. Sig., quanto lei prospetta è purtroppo è purtroppo possibile. Con l'avanzare dell'età il patrimonio follicolare della donna diminuisce e le possibilità di ottenere una gravidanza si riducono. Questa è " lex, sed dura lex", direbbero i latini, cioè questa è la regola, anche se dura da accettare.
La infertilità così diffusa oggi in Italia dipende dal fatto che siamo diventati il paese con le mamme più vecchie del mondo.
Cosa fare? Secondo me ci sono 3 possibilità: 1- continuare a provare, sperando di avere più fortuna; 2- ricorrere all'ovodonazione, andando all'estero; 3- adottare un bambino sfortunato, abbandonato dalla madre biologica in orfanotrofio.
Sono tutte e tre scelte difficili, purtroppo nella vita le cose più belle e importanti hanno un prezzo non indifferente, sia a livello psicologico che economico.
Ha tutta la mia comprensione. Cordiali saluti e auguri.
Dr. Lucia Vecoli

[#2] dopo  
Utente 546XXX

ma se i follicoli fossero cosi di scarsa qualità... non dovrebbero non riuscire ad essere fecondati e quindi non dovrevve essere impossibile l'instaurarsi di una gravidanza?? lo chiedo perchè sono tre volte consecutive che resto incinta e mi chiedo come possa essere possibile se i miei ovociti fanno cosi schifo... e poi la scarsa qualità ovocitaria puo' causare anomalie cromosomiche del feto o questa è una cosa che succede indipendentemente dalla qualità dell'ovulo..grazie ancora

[#3] dopo  
Dr. Lucia Vecoli

44% attività
4% attualità
20% socialità
LUCCA (LU)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2014
Gent. Sig., purtroppo l'aborto è una complicanza della gravidanza che aumenta di incidenza con l'età materna, perché, all'aumentare dell'età, aumenta il rischio di anomalie cromosomiche del prodotto del concepimento. Questa è la spiegazione della maggior parte degli aborti spontanei nelle donne attempate. Esistono molte altre cause di aborto, per cui è possibile fare accertamenti ( anomalie uterine congenite o acquisite, patologie materne quali malattie infettive, endocrine, metaboliche, ecc.). A volte non si trova una causa specifica. Nel suo caso, il mio consiglio è di affidarsi al suo ginecologo di fiducia, che già le ha fatto fare tante indagini, per fare il punto della situazione. Come le ho già detto, in questi casi o si rinuncia o , se il desiderio di maternità è forte, si puo' percorrere varie strade per realizzare il proprio sogno di diventare mamma. Sperando di esserle stata di aiuto, le porgo sinceri auguri
Dr. Lucia Vecoli

[#4] dopo  
Utente 546XXX

io vorrei sapere una cosa... la scarsa qualità ovocitaria puo' dare luogo ad anomalie cromosomiche o li subentrano altri fattori? io sicuramente faro' approfondimenti genetici.. anche se gran parte già ne avevo fatti... ma mi chiedo avendo avuto già un figlio sano.. possibile che siano insorte successivamente delle anomalie genetiche in me e mio marito... ? non dovremmo averle già dalla nascita?grazie

[#5] dopo  
Dr. Lucia Vecoli

44% attività
4% attualità
20% socialità
LUCCA (LU)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2014
Gent. Sig. , la spiegazione che lei richiede è molto semplice. Con l'avanzare dell'età materna aumenta in maniera esponenziale il rischio di anomalie cromosomiche nella prole. Mentre a 20 anni una donna ha un rischio di incorrere in anomalie cromosomiche nel nascituro di circa 1 su 1667 per la Sindrome di Down e di 1 su 526 per le altre, a 40 tale rischio arriva a 1 su 106 per la sindrome di Down e a 1 su 66 per le altre ( dati tratti da Hook EB., " Rates of chromosome abnormalities at different maternal ages." Obstetrics and Gynecology 58:282285,1981 Poiché la maggior parte di embrioni con alterazioni cromosomiche viene abortita spontaneamente, per un processo naturale a tutela della specie, è ovvio che le donne attempate hanno un rischio di aborto nettamente superiore rispetto alle giovani. Noi donne nasciamo con un corredo di oociti fisso, che diminuisce progressivamente con l'età. Man mano che invecchiamo i nostri oociti hanno un potenziale riproduttivo sempre più scarso, perchè aumenta il numero delle aneuploidie.L'uomo invece rinnova continuamente i suoi spermatozoi, quindi, se sano, puo' avere figli anche da vecchio. Questa è legge di natura. Poi la scienza ha messo a disposizione delle aspiranti mamme delle tecniche per aiutarle, ma, se la fecondazione naturale o artificiale non riesce, o si adotta un bambino o ci si fa donare da donne giovani, disponibili a farlo, gli oociti necessari. Oggi addirittura stanno sorgendo delle banche in cui le giovani donne possono congelare i propri oociti in attesa di avere tempo o voglia di diventare mamme. Con questo spero di avere esaurito i suoi dubbi. Cordiali saluti.
Dr. Lucia Vecoli