Utente
Salve sono una ragazze di 24 anni,sabato scorso ho scoperto di essere incinta tramite un test,dopo circa mezz'ora dal test sono iniziate macchie,la domenica mattina mi sono recata al ps e c'era una piccola camera di 6 mm vuota.Secondo il gine del ps la mia gravidanza dovrebbe essere di 6 settimane ma siccome non sono precisa potrebbe essere una partita in ritardo.Lunedi faccio i beta e sono 1492 per il gine bassi,le perdite continuano...da sabato quasi come un ciclo solo meno abbondanti con alcuni doloretti.Lunedi ho rifatto i beta e sono solo a 2341 il ginecologo dice ancora bassi...di aspettare fino a lunedì per vedere cos'è successo!!In tutto cio sto facendo una cura con proggeffik aspirinetta e fertifol!! cosa mi dite voi?QUALCUNO MI RISPONDE? può essere aborto?o qualcuno mi tranquillizza

[#1]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
16% socialità
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
SOLOFRA (AV)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
L'incremento delle beta in una settimana avrebbe dovuto essere molto più elevato. Credo, in assenza di errori nel dosaggio, che la gravidanza si sia interrotta. Importante è l'evoluzione morfologica della camera gestazionale che può essere eseguita con delle ecografie ripetute.

Auguri.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#2] dopo  
Utente
Grazie ma purtroppo la gravidanza si è interrotta con una fortissima emoraggia e di seguito un raschiamento!!! incrociamo le dita per la prossima!!

[#3]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
16% socialità
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
SOLOFRA (AV)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Non si sconsoli...
Molto probabilmente la prossima andrà benissimo.
Mi tenga informato se crede.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#4] dopo  
Utente
Mi scusi ancora siccome alla dimissione non mi hanno detto nessun comportamento post raschiamento!!!potrebbe gentilmente dirmi come comportami sia per una prossima gravidanza quando riprovarci e quando si possono riprendere rapporti?
Grazie mille per la sua disponibilità

[#5]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
16% socialità
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
SOLOFRA (AV)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
In genere ci si dovrebbe astenere dalla ricerca di una gravidanza per almeno 2 o 3 cicli. Un trattamento antibiotico dovrebbe essere intrapreso per 5 giorni e si dovrebbe eseguire una ecografia di controllo vaginale dopo 10 - 15 giorni dal raschiamento.

saluti.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#6] dopo  
Utente
Grazie,e per quanto riguarda la ripresa dei rapporti quanto tempo deve passare?
Bisogna avere rapporti protetti o altre precauzioni?
GRAZIE CORDIALI SALUTI A LEI

[#7]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
16% socialità
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
SOLOFRA (AV)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Nei mesi in cui è bene astenersi dalla gravidanza direi sì ai rapporti protetti che potrebbero riprendere dopo 20 giorni dal raschiamento.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#8] dopo  
Utente
Stamane ho ritirato l'esame istologico
Diagnosi:" RESIDUI DECIDUALI CON AREE DI FLOGOSI PURULENTA"
Cosa vuol dire?
Grazie

[#9]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
16% socialità
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
SOLOFRA (AV)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Vuol dire che, all'aborto, era associato un quadro di importante infezione dell'utero, addirittura di tipo purulento (con pus).
E' importante una specifica terapia antibiotica iniettiva da iniziare quanto prima, seguita da controlli mirati, così da accertarsi della definitiva eradicazione del problema prima di programmare qualunque altro passo successivo.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli