Utente 394XXX
Gentili dottori, vi scrivo per trovare risposta a un dubbio che mi preoccupa, circa la mia salute. Fin da piccola, ho un ciclo piuttosto irregolare, pur avendo fatto tutti gli accertamenti del caso e non avendo riscontrato ovaio policistico, nè endometriosi o problemi ormonali. La ginecologa a cui mi sono rivolta mi ha sempre detto che si tratta di un problema che dovrebbe risolversi dopo una mia prima gravidanza e per scongiurare un ciclo che, da ragazzina, saltava anche per 3 mesi, ho fatto cure con la pillola anticoncezionale di 3 mesi, per vedere se per caso,
anche successivamente alla cura, il ciclo migliorasse. In realtà, è sempre stato come prima. Ora è un anno che, stanca per una situazione per la quale, pur avendo rapporti protetti con il mio fidanzato, mi trovavo sempre in ansia per il ciclo sempre in ritardo, la assumo di nuovo. La pillola che io prendo si chiama NAOMI e premetto che prima di prenderla non ho fatto particolari esami per la coagulazione del sangue, solo normali esami di routine ed ecografia. Essendo passato un anno dalle ultime analisi, ho preferito rifarle e stavolta, consultando la ginecologa, mi è stato detto di effettuare anche l'esame dell'OMOCISTEINA. Ho avuto i risultati ed è tutto nella norma (trigliceridi, colesterolo, transaminasi, emocromo, sideremia, ves ecc ecc), tranne l'OMOCISTEINA appunto, che è a 17, mentre sul referto vi è scritto che il limite è di 12. Ho chiamato la ginecologa e mi è stato detto di sospendere la pillola, prendere acido folico e se per caso a settembre i livelli di omocisteina si fossero abbassati, avrei potuto pensare nuovamente alla pillola. Sono preoccupata.. dovrei fare altri controlli? Non potrò più prendere la pillola? E soprattutto, come posso risolvere questa situazione,visto che anche prima, nei periodi in cui non assumevo la pillola, pur avendo con il mio ragazzo sempre rapporti protetti da profilattico, non vedendo il ciclo arrivare ero sempre spaventatissima?
Vi chiedo un aiuto, è da quando ho 18 anni che vivo nell'ansia aspettando questo ciclo,non so cosa fare.
Vi ringrazio per l'attenzione anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Io non le avrei fatto sospendere la pillola, perchè non risolve il problema , oltretutto lei in modo esagerato si è sottoposta ad esami per la coagulazione , che risultano normali.
Avrei aggiunto alte dosi di acido folico e rivalutato il dosaggio della omocisteinemia.
Assumere e sospendere periodicamente la pillola aumenta il rischio trombo-embolico ( criteri medici di eligibilità all'impiego dei contraccettivi - linee guida OMS ) .
SALUTI
Nicola Blasi, MD
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 394XXX

Dottore,innanzitutto la ringrazio moltissimo per la sua risposta. È strano che la ginecologa mi abbia detto di sospendere la pillola dicendomi 'e' a tua discrezione ',come se,nel caso succedesse qualcosa,lei non volesse assumersi alcuna responsabilità. Ed è strano anche che io abbia fatto spesso uso della pillola non in modo continuativo,cosa che comunque non mi ha risolto il problema dell'irregolarità .L'unica cosa è che ora non so che fare,provero' a consultare anche il mio medico curante per cercare di capire cosa fare. La ringrazio ancora moltissimo!

[#3] dopo  
Utente 394XXX

Gentile dottore,torno a scriverle perché ci sono stati degli sviluppi sulla mia vicenda. Le ricordo che assumo la pillola anticoncezionale NAOMI, sia come contraccettivo che per regolarizzare il ciclo, da un anno.
Dalle ultime analisi fatte è risultata l'OMOCISTEINA a 17. Ora, la mia ginecologa mi aveva consigliato di sospendere immediatamente l'assunzione. In seguito alla sua risposta ne ho consultata un'altra, la quale mi ha comunque consigliato di sospendere per due mesi la pillola,in modo da riassestare l'organismo, assumere acido folico e a settembre rifare l'esame dell'Omocisteina, oltre ai restanti esami per la coagulazione del sangue per essere completamente sicuri(ANTITROMBINA,PT, PTT, FIBRINOGENO,PROTEINA S, PROTEINA C, FATTORE V DI LEIDE, PROTOMBINA ). Inoltre, avendo TSH un po' elevata (4,52 quando il limite è di 4,2), mi ha consigliato di fare un'ecografia alla tiroide, per escludere tutto. Quello che volevo dirle è che..sono un po' spaventata nel tornare ad utilizzare il preservativo con il mio ragazzo, soprattutto perché un anno e mezzo fa circa ci è capitato che si sfilasse durante il rapporto (ma prima che lui venisse) e nonostante ce ne fossimo accorti subito, ho preferito assumere la pdgd. Ora,quello che le chiedo sono consigli pratici.
1)Un preservativo se si rompe si squarcia o esistono realmente dei micro fori difficilmente visibili?
2)Fare la prova riempendolo d'acqua alla fine del rapporto è sufficiente?
3)Nel caso ci capitasse che si sfili senza che lui sia venuto è giusto ricorrrere alla pillola del giorno dopo?
4)E può esserci d'aiuto abbinare l'uso del preservativo al coito interrotto?
5) Infine, se ci fosse del liquido pre eiaculatorio o dello sperma sulle mani, per toccare il CLITORIDE (non per penetrare con le dita) basterebbe pulirsi con un fazzoletto o è necessario lavarsi sempre accuratamente le mani con il sapone? Mi scusi per tutte queste domande, ma vorrei stare tranquilla e godermi un bel momento,per i prossimi due mesi. La ringrazio anticipatamente per tutte le risposte.

[#4] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
A questo punto , mi permetto di affermare che non sono d'accordo con il colleghi e che se vuole usare un metodo contraccettivo alternativo le consiglio l'uso di uno IUS ( Jaydess) ; sistema intrauterino che si può inserire anche nelle nullipare (donne che non hanno avuto figli ).
Se deve vivere con angoscia l'uso del preservativo è preferibile usare uno IUS
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#5] dopo  
Utente 394XXX

La ringrazio molto,dottore! Cercherò di tranquillizzarmi per quando riguarda l'uso del preservativo..e in caso contrario, mi informerò per la spirale. Le auguro una buona giornata :)

[#6] dopo  
Utente 394XXX

Gentile dottore, scusi se torno a disturbarla, ma purtroppo la mia ginecologa (come al solito) non risponde. Non so se ricorda la mia vicenda, comunque, in sintesi, ho interrotto la pillola per i prossimi tre mesi, vista l'OMOCISTEINA e il TSH un po' più alti dei valori di riferimento. Ho interrotto il tutto alla fine del blister e, come di norma, dopo 5 giorni ho avuto il ciclo da sospensione, l'ultimo 'da pillola',insomma. Per maggiore sicurezza, ho avuto durante tutto il blister (sapendo che non lo avrei ripreso) rapporti protetti dal preservativo con il mio ragazzo, per cui non sono preoccupata tanto per quelli, avendo noi anche fatto la prova, controllando e riempendo il profilattico con l'acqua. L'unica cosa strana è che a distanza di 3 giorni dalla fine del ciclo da sospensione ho notato delle macchioline di colore rosso scuro, quasi marroncine, come di quando sta per finire il ciclo, insomma. Ma a me era già finito da tre giorni! Di cosa si può trattare? Lei crede che vi sia bisogno di una visita? In attesa di una sua risposta la ringrazio anticipatamente e mi scuso per la lunghezza del messaggio, ma speravo in questo modo di essere chiara e farle capire tutto per bene.

[#7] dopo  
Utente 394XXX

Gentile dottore, mi perdoni se torno a disturbarla, ma vorrei essere tranquillizzata riguardo una certa situazione. Da quando ho smesso la pillola ho sempre e solo avuto rapporti protetti con il mio ragazzo, l'unico dubbio che ho è riguardo a ieri sera. Abbiamo avuto un rapporto, con preservativo, ma prima di iniziare, proprio mentre il mio ragazzo prendeva il preservativo, ha avuto delle perdite pre eiaculatorie. Io ero ancora vestita, indossavo una gonna, e un po' di liquido mi è finito sul ginocchio. So che non è 'colato' fino in vagina perché ero seduta e ho preso subito delle salviettine che erano vicino a me e mi sono pulita, così come il mio ragazzo, che ha pulito con una salviettina prima il pene e con un'altra le mani, per poi prendere il preservativo (che durante questo momento era ancora in bustina) e metterlo. Il rapporto è stato poi protetto e tra l'altro con eiaculazione esterna. So che sembra fantascienza, ma posso stare tranquilla o è utile ricorrere alla pillola del giorno dopo? La ringrazio anticipatamente, se vorrà rispondermi.

[#8] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
NESSUN PROBLEMA !!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#9] dopo  
Utente 394XXX

La ringrazio infinitamente, non sa quanto mi ha tranquillizzata!

[#10] dopo  
Utente 394XXX

Dottore, scusi la mia insistenza, ma..ieri sera (25 giugno) ho notato sugli slip del muco abbastanza denso di colore marroncino. Le ricordo che ho assunto la pillola anticoncezionale NAOMI per un anno, che l'ultimo ciclo da sospensione è stato il 10 giugno, quindi sono in attesa del mio primo ciclo naturale, e ho avuto poco dopo la fine del ciclo delle perdite marroncine, simili a spotting, per tre giorni (dal 18 al 20 giugno). Può trattarsi di ovulazione? E il muco potrebbe essere, in quel caso, marroncino? Ho cercato un po' in internet, ma ho trovato solo notizie riguardanti muco marroncino in gravidanza..io e il mio ragazzo però abbiamo avuto solo rapporti protetti fin dall'inizio dal preservativo, tra l'altro abbiamo controllato ogni tanto durante il rapporto che non si sfilasse e alla fine abbiamo fatto una prova riempendolo d'acqua. Inoltre lui è sempre venuto fuori, per di più. Mi sembrerebbe assurdo pensare davvero ad una gravidanza..

[#11] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Potrebbe essere ovulazione, ma se ha adottato le precauzioni contraccettive , non deve preoccuparsi
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#12] dopo  
Utente 394XXX

Grazie mille per la risposta, dottore! Comunque, nel caso in cui non si trattasse di ovulazione (oggi non ho nulla, per esempio), di cosa potrebbe trattarsi? Mi conviene fissare una visita, secondo lei? Prima di assumere la pillola non ho mai avuto perdite da ovulazione marroncine, ma sempre trasparenti, mi sembra strano.
Per quanto riguarda le precauzioni contraccettive, dottore, io sono piuttosto sicura che sia andato tutto bene. Innanzitutto,ho avuto unicamente due rapporti in questo mese, entrambi protetti dal preservativo, controllato spesso durante il rapporto oltre che alla fine. Di questi due, uno è avvenuto al penultimo giorno di pillola (sapendo di non doverla più riprendere, io e il mio ragazzo abbiamo preferito cominciare ad utilizzare già il profilattico) e il secondo è quello di cui le ho scritto il 24 giugno, circa quella piccola perdita preeiaculatoria sul ginocchio, sulla quale lei mi ha rassicurato (le domandai anche se ci fosse bisogno della pillola del giorno dopo). Insomma, visto quanto siamo stati scrupolosi, credo di potermi definire pienamente tranquilla. Lei è d'accordo?

[#13] dopo  
Utente 394XXX

Gentile dottore, mi scusi se torno a scriverle qui, ma non riesco ad aprire un nuovo quesito in Ginecologia. Scusi anche per l'argomento imbarazzante, ma ho un dubbio. Domenica 28 agosto (cioè, in realtà, sabato notte, quindi 27 agosto) ho avuto un rapporto con il mio fidanzato. Prima di iniziare il rapporto, protetto dal preservativo come sempre, gli ho praticato del sesso orale, aiutandomi anche con la mano. Avevo la mano bagnata, non so se di liquido pre eiaculatorio o di mia saliva, ma comunque ricordo di essermi strofinata le mani tra di loro per pulire la mano e di essermi appoggiata al lenzuolo, insomma, ricordo di aver avuto la mano asciutta. La paura mi sorge perché, nel momento in cui il mio ragazzo ha indossato il preservativo, l'ho aiutato, toccando il preservativo, nella penetrazione e ho paura di aver sbagliato qualcosa. Poi il rapporto è stato protetto, con eiaculazione esterna e controllo del preservativo con l'acqua, come sempre.Non so se sia per via dell'ansia, ma ora faccio fatica a ricordare dei passaggi. Quindi, la mia domanda è questa:se per caso non avessi strofinato per bene le mani e quel "bagnato", che fosse saliva o liquido pre eiaculatorio, si fosse semplicemente seccato, ho rischiato grosso? Lei crede che debba ricorrere alla pillola del giorno dopo? In casa ho una confezione di Ellaone, comprata per le emergenze, ma ,quando ho chiamato alla Guardia medica, mi è stato detto che non vi era bisogno. Se può esserle d'aiuto, il mio ultimo ciclo è iniziato il 19 agosto e terminato giovedì 25 e da quando ho sospeso la pillola ho avuto cicli di 33/34 giorni. La ringrazio moltissimo in anticipo.

[#14] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Secondo il mio parere non ci sono le condizioni per l'insorgenza di una gravidanza indesiderata.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#15] dopo  
Utente 394XXX

Quindi, niente Ellaone? Grazie mille,dottore, non sa quanto mi ha tranquillizzata!

[#16] dopo  
Utente 394XXX

Dottore, mi scusi, rileggendomi ho paura di non averle fatto capire bene il perché del mio dubbio. Se questo liquido (che sia saliva o liquido pre eiaculatorio) si fosse semplicemente seccato sulle mani, che ricordo essere state asciutte, ho rischiato di rendere il preservativo pericoloso, toccandolo per facilitare la penetrazione al mio ragazzo? Scusi ancora e la ringrazio se vorrà rispondermi..

[#17] dopo  
Utente 394XXX

Gentile dottore,torno a disturbarla dopo un mese. Mi perdoni, ma è sempre difficile aprire nuovi consulti in ginecologia. Non so se si ricorda quello che le scrissi un mese fa, quindi glielo copio e incollo qui per farle avere tutto più chiaro:

Gentile dottore, mi scusi se torno a scriverle qui, ma non riesco ad aprire un nuovo quesito in Ginecologia. Scusi anche per l'argomento imbarazzante, ma ho un dubbio. Domenica 28 agosto (cioè, in realtà, sabato notte, quindi 27 agosto) ho avuto un rapporto con il mio fidanzato. Prima di iniziare il rapporto, protetto dal preservativo come sempre, gli ho praticato del sesso orale, aiutandomi anche con la mano. Avevo la mano bagnata, non so se di liquido pre eiaculatorio o di mia saliva, ma comunque ricordo di essermi strofinata le mani tra di loro per pulire la mano e di essermi appoggiata al lenzuolo, insomma, ricordo di aver avuto la mano asciutta. La paura mi sorge perché, nel momento in cui il mio ragazzo ha indossato il preservativo, l'ho aiutato, toccando il preservativo, nella penetrazione e ho paura di aver sbagliato qualcosa. Poi il rapporto è stato protetto, con eiaculazione esterna e controllo del preservativo con l'acqua, come sempre.Non so se sia per via dell'ansia, ma ora faccio fatica a ricordare dei passaggi. Quindi, la mia domanda è questa:se per caso non avessi strofinato per bene le mani e quel "bagnato", che fosse saliva o liquido pre eiaculatorio, si fosse semplicemente seccato, ho rischiato grosso? Lei crede che debba ricorrere alla pillola del giorno dopo? In casa ho una confezione di Ellaone, comprata per le emergenze, ma ,quando ho chiamato alla Guardia medica, mi è stato detto che non vi era bisogno. Se può esserle d'aiuto, il mio ultimo ciclo è iniziato il 19 agosto e terminato giovedì 25 e da quando ho sospeso la pillola ho avuto cicli di 33/34 giorni.


Dopo questo evento, lei mi aveva tranquillizzata, non c'erano le condizioni per preoccuparsi. Il 20 settembre ho avuto il ciclo, il quale è stato abbondante i primi TRE GIORNI (da riempire l'intero assorbente,insomma), il QUARTO un po' meno, il QUINTO giorno abbastanza abbondante, per poi concludersi il sesto e il settimo giorno con le classiche perdite scure che mi capitano di solito. Secondo lei, si tratta di un ciclo normale? Lo domando solo per questa differenza tra il QUARTO e il QUINTO giorno (prima di meno, poi di nuovo normale, insomma). Mi sembrerebbe assurdo parlare di falso ciclo innanzitutto perché questo rapporto è stato completamente protetto dal preservativo e in secondo luogo perché il ciclo è stato abbondante e di colore rosso vivo. Lei dice che posso definitivamente mettermi l'anima in pace? La ringrazio tantissimo per il suo aiuto.

[#18] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
A me sembra tutto normale.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#19] dopo  
Utente 394XXX

Grazie mille,dottore! MI ha davvero tranquillizzata!