Utente 424XXX
Buona sera dottore, racconto brevemente la mia storia. Qualche mese fa mi è stato diagnosicato tramite un tampone vaginale l ureaplasma parvum poiché manifestavo perdite gialle e maleodoranti. Ho fatto la cura per 30 giorni con due antibiotici: bassado e un altro antibiotico. Ho rifatto il tampone dopo due settimane che ho finito la cura ed e tutto negativo. Con il mio fidanzato ho sempre continuato a farlo con il preservativo ovviamente. A lui è capitato infilare il preservativo male e poi rigirarlo e farlo con me più un volta. Dice secondo lei che potrei aver ripreso l ureaplasma? Dato lui ancora non ha fatto gli accertamenti se gliel ho attaccata io oppure no.. ora come ora, anche dopo un rapporto con lui protetto ho dei bruciori intimi, e perdite bianche di un color giallo chiaro. Sono preoccupata molto. Aspetto gentilmente un consiglio su cosa fare.

[#1] dopo  
Dr. Lucia Vecoli

44% attività
4% attualità
20% socialità
LUCCA (LU)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2014
Gent. Sig., fortunatamente l'uraplasma parvum è meno aggressivo dell'urealyticum, altro componente di questa famiglia di microorganismi intracellulari. Una volta terminata la terapia antibiotica può essere utile fare un nuovo tampone vaginale ed una spermiocoltura al partner, per valutare la guarigione sua e l'eventuale infezione di quest'ultimo. Un'altra buona pratica è iniziare un trattamento con lattobacilli per acidificare la vagina, ristabilendo così il pH fisiologico. Ne parli naturalmente col suo specialista di fiducia. Cordiali saluti.
Dr. Lucia Vecoli