Utente 195XXX
Buongiorno.
Vorrei un consiglio, perché sono davvero in ansia.
Sono a 23+4 e non sono immune alla toxoplasmosi. Eseguo regolarmente i controlli e le ultime analisi sono negative.
Mia madre ha un gatto e un cane. Il gatto non resta sempre in casa, vaga in giardino e si scontra con altri gatti.
Non tocco assolutamente la lettiera, e nemmeno lui, non essendo molto socievole, in genere è lontano.
Ma ovviamente sale sui divani e sui letti.
Vorrei sapere se il suo pelo può essere portatore di toxoplasmosi.
Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La trasmissione del TOXOPLASMA non avviene attraverso il pelo ma per via alimentare legata all'ingestione di carni crude o poco cotte, frutta , verdure e più raramente di acqua , latte non pastorizzato o uova crude.
Anche la convivenza con il gatto o il contatto delle mani con la mucosa orale o congiuntivale , dopo la manipolazione di materiali contenenti cisti e oocisti ( carni crude, terriccio, lettiera del gatto , ecc., ..) rappresentano possibili modalità di contagio per la gestante.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 195XXX

Grazie, dottore. Sono sempre molto attenta nel lavare frutta e verdure e nel non ingerire verdura cruda, così come anche la carne. Inoltre, ho letto alcune sue risposte in cui, se contratta dopo la 20esima settimana non produrrebbe gli stessi danni delle prime settimane.
Vorrei chiederle un'altra cosa, ho sofferto per anni di attacchi di panico e fobie varie, curate con paroxetina che, devo dire, mi ha ridato una vita.
Con la gravidanza ho smesso di prendere la compressa quotidiana, ma da alcune settimane panico e fobie sono ritornati con una certa gravità. Il mio ginecologo ha rimesso la decisione nelle mani del neurologo, ma la cura mi è stata data dal medico curante. Ci sono stata proprio questa mattina e mi ha chiesto un paio di giorni per un consulto incrociato con neurologo e ginecologo. Mi rendo conto che se fin'ora ho vissuto la gravidanza in maniera serena, non patologica, ora inizio ad avere problemi che non fanno bene a me, al mio bimbo e a chi mi circonda. Ho una figlia quindicenne e non voglio assolutamente trasmetterle un messaggio negativo sulla gravidanza. Né tantomeno demonizzare un povero micio che se ne sta per conto suo.
Ci sono farmaci adatti a tenere sotto controllo il panico? Alternative valide alla paroxetina?
Grazie e buona giornata in

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Risulta fondamentale un’attenta valutazione da parte dello psichiatra circa la loro reale necessità di utilizzo in corso di gravidanza; in tale fase può essere utile sostituire la paroxetina con un altro farmaco della stessa categoria associato a minore effetto sui nascituri; molti studi hanno documentato che gli antidepressivi SSRI non sono teratogeni, cioè non determinano aumento del rischio di malformazioni neonatali e nessun incremento di malformazioni è stato registrato in pazienti in trattamento con Fluoxetina (Prozac), Setralina (Zoloft), Citalopram (Seropram, Elopram) e Paroxetina (Sereupin, Eutimil) rispetto a chi non assume alcuna terapia.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente 195XXX

Buonasera, dottore.
Torno a scriverle per un consiglio.
Da lunedì sono ricoverata per piccole perdite marroni e alcune contrazioni. Fino ad oggi ho avuto la flebo di buscopan e riposo.
Utero chiuso e alto, placenta ok e anche il mio bimbo sta bene.
Giovedì mattina senza nessuna avvisaglia in bagno scopro una bella chiazza di sangue rosso, di nuovo ecografia, visita interna, nessun cambiamento.
Dalla visita interna il ginecologo ha visto che il sangue (si era già bloccato dopo quell'unica perdita) era scuro e veniva dal collo dell'utero. Forse un capillare rotto. Non ci sono polipi o paghette.
Mi fanno una sola fiala di tranex e, a parte quell'unica perdita, fino ad oggi mi ritrovo solo con piccoli filamenti di muco marrone e nemmeno tutti i giorni.
Mi hanno detto di stare tranquilla e a riposo perché è tutto a posto, ma ovviamente io sono molto ansiosa.
Domani vorrebbero dimettermi e anche a casa dovrò osservare il riposo.
Dal tracciato fatto non risultano contrazioni e il battito è perfetto.
Volevo chiederle può capitare che un capillare dell'utero si rompa così senza un motivo?
Posso stare tranquilla?
Mi scusi ma provo una forte angoscia.
Grazie

[#5] dopo  
Utente 195XXX

Scusi, lunedì era a 25+1

[#6] dopo  
Utente 195XXX

Buongiorno, dottore.
Sono stata dimessa dopo eco interna.
Le invio il risultato sul foglio di dimissioni:
Urinocultura: negativa
Altri esami: nella norma.
Ecografia ostetrica: sviluppo regolare per l'epoca.
Cervicometria: 6 cm, no funneling.
Terapia domiciliare: buscopan 1cp x 2 due x 7 GG;
Riposo
Multifolico
Ho ancora qualche residuo di muco marroncino, ma proprio puntini. Mi hanno detto che è normale, anche perché la sonda interna di poco fa ha favorito l'ulteriore uscita e di non preoccuparmi nel vederlo nei giorni a seguire.

[#7] dopo  
Utente 195XXX

Scusi, sono appena tornata a casa e come in tutta Italia, nevica.
Entrando ho perso per un attimo l'equilibrio, perché ho appoggiato il piede pieno di neve sul gradino di marmo. Non sono caduta, ho solo, come le dicevo, perso per un attimo l'equilibrio.
Posso aver arrecato danno?
Devo tornare in ospedale?

[#8] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
NESSUN DANNO , tranquilla.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI