Vaginosi persistente

Salve , vi scrivo per un parere su una vaginosi che va avanti da più di un anno . Ho iniziato a luglio 2017 ad avere delle perdite giallastre maleodoranti, ho effettuato il primo tampone ad agosto dove risultava ureaplasma ed e-coli il ginecologo mi prescrive fermenti orali e mac mirror ovuli ma la situazione non migliora effettui un altro tampone ad ottobre che da lo stesso risultato è mi prescrivono una confezione di zitromax. Passa un mese la situazione non migliora e mi prescrive nuovamente il ginecologo 2 confezioni di levofloxacina a distanza di una settimana.. sto bene per poco e le perdite ritornano , a gennaio oltre alle perdite inizio a soffrire di cistite e prendo un altro ciprixin.. a febbraio 2018 effettui un altro tampone che diagnostica gardnerella e il ginecologo mi fa risssunere il levoxacin .. a maggio decido di cambiare ginecologo che mi rieffettua un altro tampone con risultato chlamydia, mi fa prendere due pillole di zitrimax in un giorno , macmirror in crema e fluogenil... ad oggi la situazione non è migliorata ho sempre perdite gialle e maleodoranti e sono molto sconfortata .. chiedo a voi un parere su come poter debellare definitivamente questa vaginite .. grazie in anticipo
[#1]
Dr.ssa Vincenza De Falco Ginecologo 2,5k 68 206
Buongiorno,

esistono dei protocolli specifici che poi vanno personalizzati sulla paziente per la vaginosi ricorrente, che prevedono il ripristino della flora batterica vaginale e intestinale.

Molto importante è anche lo stile di vita e alcune abitudini quotidiane come l'uso di biancheria intima in cotone bianco, assorbenti ipoallergenici, evitare fibre sintetiche e indumenti stretti, seguire una corretta alimentazione, regolarizzare la funzione intestinale (stipsi, colon irritabile,ecc.)

Com'è la sua funzione intestinale? Usa salvaslip o biancheria intima sintetica?

Dott.ssa Vincenza De Falco, Ginecologa, Roma
www.menopausaserena.org

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test