Utente 457XXX
Salve ho 22 anni e peso 90kg, ho avuto il ciclo l ultima volta dal 24-28 gennaio, ora sta in ritardo di 28 giorni precisamente. Di solito il ciclo mi fa qualche giorno di ritardo 3/4 ogni tanto e nn mi preoccupano, in passato a volte anche 15 gg . Comunque in pratica a gennaio ho avuto l influenza intestinale con febbre , poi verso la seconda settimana di febbraio ho avuto la febbre alta per 3 /4 gg che è arrivata anche a 40 e ho preso tachipirima 1000 per un paio di giorni poi nn resistendo ho preso una bentelan ed è passata la febbre anche se mi sono uscite moltissime herpes il giorno dopo. Ed ora da giovedì 15 marzo a ieri ho avuto la febbre sui 38 causata questa volta dalla gola quindi ho preso per 4 giorni la tachipirina due volte al giorno e da ieri l antibiotico klacid (da prendere x 7 gg). Potrebbero essere queste influenze e virus che ho avuto a causare il ritardo? Perché nn ho avuto rapporti sess. Con nessuno perché non sono fidanzata. Ci sta da dire che ho l ansia xk nn vedo l ora che mi arrivino e mi preoccupo, poi io lavoro e studio anche insieme quindi nn sto sempre molto tranquilla e rilassata. Sapreste dirmi la causa del ritardo? Grazie mille.

[#1] dopo  
Dr. Lucia Vecoli

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
LUCCA (LU)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2014
Gent. Sig., se non sussistono rischi di gravidanza, le cause del ritardo mestruali possono essere molteplici.
Il ciclo mestruale è sotto il controllo dell'asse ipotalamo-ipofisario, che stimola le ovaie a produrre estrogeni e progesterone, ormoni che, agendo da stimolo sulla mucosa uterina, ne provocano il sanguinamento periodico. Tale complesso sistema neuroendocrino risente di stimoli variquali lo stress, l'ansia, la paura, i cambiamenti climatici, il peso corporeo, le malattie, l'assunzione di farmaci, ecc. Non è possibile determinare un fattore causale in quanto da lei citato a livello anamnestico. Le consiglio pertanto di effettuare una visita ginecologica, per poter porre una diagnosi precisa ed intervenire nel modo più opportuno sul piano terapeutico.
Dr. Lucia Vecoli