Utente 285XXX
Buongiorno, il quesito riguarda mia moglie di 49 anni che da piu di un anno soffre di mestruazioni troppo abbondanti e irregolari con conseguente calo dell'emoglobina.
La ginecologa da sei mesi le ha prescritto il primolut, il ciclo le si é regolarizzato ma i primi giorni le perdite sono troppo abbondanti ed é costretta a prendere il tranex.
Da diversi anni ha un mioma intramurale attualmente di 5,1x5 cm ed ora dopo una eco transvaginale la ginecologa ci ha detto che é meglio procedere con un isterectomia subtotale in quanto il mioma sta crescendo non fuori ma verso l'utero e che visto il fallimento della terapia col primolut é la maniera per risolvere queste emorragie.
L'assunzione di ferro in compresse le ha riportato i valori nella norma, ma certo assumere sempre un antiemorragico potrebbe essere dannoso..
La ginecologa ci ha detto che con la menopausa il problema si risolve ma avendo 49 anni nel caso ci vada a 55 sarebbe un problema.
Vorrei sapere se é possibile un alternativa che preveda la conservazione dell'utero.
Con l'assunzione del ferro in compresse l'emoglobina é tornata a valori normali ma il medico di famiglia mi ha parlato di possibili problemi col midollo al perdurare di questa situazione e ai rischi dell assunzione periodica dell'antiemorragico.
Mia moglie é terrorizzata nel dover affrontare questo intervento e ci chiedevamo se ci fosse una soluzione diversa..
grazie

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Come primo passo proporrei una ISTEROSCOPIA DIAGNOSTICA per escludere la presenza di un MIOMA SOTTOMUCOSO , e se si esclude la presenza in sede sottomucosa , non esiterei ad inserire MIRENA IUS al levonorgestrel che ha una indicazione terapeutica per flussi mestruali abbondanti con associata anemia.(non soltanto contraccettiva). Il progestinico agisce direttamente sulla mucosa endometriale.
Nella mia esperienza ho evitato spesso la ISTERECTOMIA.
Un tentativo va fatto !
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 285XXX

Intanto grazie della cortese risposta. Mia moglie ha già eseguito l'isteroscopia diagnostica circa un anno fa. Prima di eseguire la eco transvaginale ci ha infatti proposto la spirale mirena ma dopo l'esame ha detto che non poteva essere piu messa per via del mioma...
Sul referto é indicato mioma fundico intramurale attualmente a salienza sottomucosa, endometrio sottile di 3,4 mm.
Non abbiamo alternative?
grazie