Utente
Buongiorno, ho 43anni ed ho avuto sempre un ciclo regolare ma dall'ultima volta, che risale al 4 maggio (premetto che il flusso è stato sempre abbondate e lungo circa 7 giorni) è durato poco, 4 giorni circa. Dopo 17 giorni ho avuto delle perdite, precisamente dal 20 maggio e ancora non vanno via del tutto. Da due giorni ho i classici sintomi, seno gonfio e dolorante, il 31 dovrebbe arrivare il ciclo. La mia domanda è: può esserci un cambiamento del ciclo alla mia età? Può essere anche la prolattina alta? Nel 2005 ho fatto la cura per un anno assumendo il Dostinex, da allora non ho avuto più problemi. Assumo il ferro in gocce nel periodo mestruale. Lo stress può causare alterazioni come questa?
In attesa di una risposta, auguro buona giornata.

[#1]  
Dr.ssa Vincenza De Falco

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2009
Buongiorno signora,

lo stress può influenzare la regolarità ciclo mestruale, e la comparsa di mestruazioni irregolari può riflettere una situazione di disagio fisico (turni od orari di lavoro intensi e pesanti con alterazioni del ritmo sonno veglia, insonnia e conseguente stanchezza) e psichico (preoccupazioni, dispiaceri, lutti, ecc.) che innesca una serie di meccanismi che provocano uno squilibrio ormonale alterando il ritmo, la quantità e la durata del ciclo mestruale.

Anche uno squilibrio ormonale tiroideo, surrenalico, ipofisario oppure una oscillazione ormonale tipica del periodo che precede la menopausa possono alterare il ciclo mestruale.

Per il momento osservi come vanno le sue mestruazioni nei prossimi due-tre mesi annotando tutto quello che le accade (date mestruazioni, perdite, altro) relativamente al ciclo.

Cerchi intanto di eliminare o quanto meno ridurre le eventuali situazioni stressanti, impari a rilassarsi, faccia attività fisica regolarmente, segua uno schema alimentare corretto, non fumi, cerchi di dormire almeno 7-8 ore per notte, eviti bevande alcoliche.

Se le irregolarità del ciclo persistono contatti il suo ginecologo per valutare se è il caso di fare dei dosaggi ormonali e una visita eventualmente completata da un'ecografia pelvica transvaginale.

Un caro saluto.
Dott.ssa Vincenza De Falco, Ginecologa, Roma
www.menopausaserena.org