Utente 329XXX
Buongiorno dottori,
Io e la mia ragazza abbiamo avuto un rapporto a rischio il 17 aprile, le ultime mestruazioni sono iniziate il 7 aprile e solitamente lei è molto regolare, la maggior parte delle volte arrivano anche in anticipo di 2-3 giorni. Ce le aspettavamo quindi per il 6-7 di maggio e sabato, dopo 5 giorni di ritardo, abbiamo fatto un test con le prime urine del mattino che è risultato negativo. Il test è stato effettuato dopo un buon periodo di tempo o rischiamo un falso negativo? Perché ad oggi lei continua a non manifestare neanche un minimo sintomo, ne dolori, ne gonfiore, ne stanchezza, niente di niente. Stamattina si è recata ad un consultorio che le ha consigliato di effettuare le analisi del sangue, il punto è che non ha mai fatto prelievi e la cosa la spaventa molto. I consultori non dovrebbero mettere a disposizione ginecologi che effettuano visite gratuite? Anche perché lei studia fuori quindi le verrebbe complicato tornare per fare una visita dal suo ginecologo, inoltre più tempo passa più le sale ansia e panico, quindi vorremmo risolvere questa situazione il più presto possibile.
Quali solo le nostre alternative?
Vi ringrazio caldamente in anticipo per le risposte e per il vostro tempo.

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
L'unica conferma alla negatività del test sulle urine è il dosaggio delle betaHCG nel sangue (prelievo ematico ) , non ci sono alternative .
Questo perchè non vogliamo fidarci del test commerciale sulle urine.
Ricordo che l'assenza di mestruazione potrebbe derivare da uno stress psico-fisico che porta ad un aumento della prolattinemia con conseguente ritardo mestruale.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 329XXX

Buonasera Dottore e grazie per la risposta. Quindi nemmeno una visita ginecologica potrebbe confermare l'esito?
Cordiali saluti.