Utente
Gentilissimi,
avrei necessità di un vostro parere in merito a virus HPV e displasia lieve.
A maggio 2019 ho effettuato un pap test (l'ultimo risaliva a marzo 2017, e nel frattempo ho avuto una gravidanza, nascita di mio figlio ottobre 2918) per il consueto screening preventivo. Il referto, arrivato a giugno, segnalava la presenza di L-SIL associata ad HPV. Ho chiamato il ginecologo il quale mi ha detto che avremmo, con calma, effettuato una colposcopia a settembre, in tutta serenità. Nel frattempo, mentre aspettavo settembre, ho effettuato a fine giugno un secondo pap test presso il consultorio, per verificare la eventuale falsa positività del primo test. Il secondo pap test è risultato negativo (solo una lieve flogosi associata a candidosi).
A settembre mi sono sottoposta in ogni caso a colposcopia, nella quale i medici hanno evidenziato una minuscola zona biancastra, e hanno deciso pertanto di effettuare una microbiopsia e procedere all'esame istologico. Il referto, ritirato qualche giorno fa ha evidenziato una displasia lieve di grado CIN 1.
Il ginecologo mi ha detto di stare tranquilla, ripetere il pap test tra 6 mesi ed eventuale colposcopia. Nel frattempo mi ha detto di vaccinarmi per HPV.

Ho però qualche domanda da porvi, in attesa di vaccinarmi per HPV e di ripetere pap test:
1. come è possibile che il secondo pap test fosse negativo? è possibile che il mio corpo abbia debellato il virus nel frattempo?
2. E' possibile avere pap test negativo e colposcopia positiva?
3. dovrei sottopormi a HPV test per una tipizzazione e vedere se ho ancora il virus e di che tipo è?
4. mio marito deve fare qualcosa? come possiamo capire se ha anche lui hpv? dobbiamo avere rapporti protetti?
5. Io e mio marito avevamo il desiderio di una seconda gravidanza. E' meglio aspettare il prossimo pap test oppure non ci sono controindicazioni, dato che la gravità era lieve? Ci potrebbero essere problemi per me e per il feto?

Confidando in Vs cortese riscontro, saluto cordialmente.

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Il fatto di avere una infezione da HPV (se confermata da HPV test) non deve portare a un cambiamento delle abitudini sessuali.L'infezione è infatti molto comune, la trasmissione al proprio partner può sfuggire a qualsiasi misura che potremmo mettere in atto e, infine , non provoca alcuna conseguenza nella maggioranza dei casi. Il controllo di suo marito non aggiunge informazioni utili nè per lei nè per lui , perché un HPV test negativo non significa che l'infezione non ci sia stata..L'infezione , infatti, potrebbe essere avvenuta nel passato ed essere regredita. Inoltre non è stato stabilito nessuna regola per eseguire un corretto prelievo al maschio, si sta prendendo in considerazione forse la ricerca dell'HPV su liquido spermatico.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Grazie Dottore per la Sua rapidissima risposta.
Per quanto riguarda invece le altre domande che ho posto, pensa che comunque potrebbe essere utile sapere che ceppo del virus sia, ammesso che a questo punto ci sia ancora, dato l'ultimo pap test negativo? Secondo Lei è più probabile che il risultato del secondo pap test sia un falso negativo, oppure che effettivamente il virus sia stato debellato? E cosa mi consiglierebbe per l'ipotesi seconda gravidanza? Grazie infinite

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Se il pap test è negativo , non c'è l'indicazione alla colposcopia.
L'infezione da HPV può essere transitoria (L-SIL ) e poi scomparire .
Infatti in caso di L-SIL (lesione intra -epiteliale di BASSO grado ) si consiglia di ripetere il PAP test a 6 mesi .
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente
Mi scusi Dottore, ma allora non mi è chiara una cosa. Come è possibile che la colposcopia abbia rilevato una displasia lieve? La colposcopia è fatta a seguito dei 2 pap test, il primo, positivo per hpv, fatto da ginecologo, il secondo fatto su mia scelta al consultorio a un mese e mezzo dal primo., con esito negativo. La colposcopia era già stata prenotata, quindi mi sono sottoposta all'esame in settembre.

La colposcopia ha rilevato displasia lieve.. Come poteva essere negativo il Pap test fatto 2 mesi prima?

[#5]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La colposcopia non fa diagnosi ISTOLOGICA , è una interpretazione di un quadro colposcopico (dipende dalla esperienza dell'operatore ) .
DISPLASIA LIEVE è una diagnosi istologica!
La diagnosi di negatività del PAP TEST viene fatta da un anatomo-patologo , e lei sta affermando che l'esito è sbagliato!
Non riesco a comprendere quali criteri adotta per fare una affermazione del genere.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#6] dopo  
Utente
Mi scuso Dottore, forse non mi sono spiegata bene. So esattamente che sono esami differenti ed eseguiti anche da figure diverse. Quello che non mi era chiara era quanto segue: il Pap test è il primo strumento di screening preventivo, con il quale viene segnalato se vi è qualcosa di anomalo. Il secondo pap test risultava negativo, non era evidenziata alcuna anomalia. Se io non avessi prenotato l'esame colposcopico prima di effettuare il secondo Pap test e "me ne fossi stata" serenamente dell'esito negativo del secondo pap test, di certo non avrei fatto la colposcopia, che invece ha riscontrato lesioni. Era solo questa la cosa che mi sembrava strana. Grazie in ogni caso per la sua risposta.