Utente 185XXX
buongiorno vorrei chiedere un'informazione... premetto che io sono una grande obesa di 36 anni con problemi di varie discopatie e operata 2 volte in l4 l5. fin da bambina ho sofferto ogni tanto di sbandamenti simili a un senso di disequilibrio e di mal di testa però tipo nevralgia, ovvero solo da un lato... dolore tipo da sopra la tempia fino ai denti
da un periodo la situazione alla quale mi ero abituata (imparato a conviverci) è peggiorata, non mi compaiono più frequenti nevralgie, ma piùttosto senso di sbandamento e dolori fissi e alle volte formicollii a fianco agli occhi dove c'è quella fossetta, non so se è la tempia, poi anche dietro la nuca e alle orecchie delle fitte e alle volte anche un rumore come se ci fosse qualcosa che trema dentro e dolori anche alla fronte... io digrigno i denti a tal punto che la notte alle volte non so più come mettermi in quanto ho dolori alla schiena per i vari problemi alla colonna e in più il collo e la mandibola sono sempre come rigidi e alle volte mi viene quel rumore nelle orecchie... poi prendo un po' di valium e riesco ad addormentarmi

ho fatto RM encefalo e tronco encefalico per le vertigini e non ha evidenziato nulla di rilevante da giustificare le vertigini (inspessimento dell'osso frontale, spazi liquorali para...non mi ricordo la parola lievemente più ampi) e RM cervicale che ha evidenziato un po' di scoliosi a sinistra, atrosi e protusioni... la protusione in c3 c4 impronta lievemente il sacco durale ma il dottore mi ha detto che non può essere la causa dei miei problemi

io sono un soggetto molto molto ansioso e ora mi sto accorgendo che digrigno i denti anche da seduta se non ci penso... non so se ha rilevanza, ma mesi fa ho masticato una cevingum per un'oretta (non mastico praticamente mai la cevingum) e il giorno dopo avevo malissimo alla mandibola).

i miei problemi potrebbero dipendere da una malocclusione? in caso cosa devo fare?

cordiali saluti e grazie a chi vorrà rispondermi

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
sicuramente una visita da un collega gnatologo è indicata onde valutare la situazione occlusale, articolare ( all'articolazione temporo-mandibolare ) e muscolare
difficile purtroppo rispondere in modo chiaro alle sue domande e individuare le eventuali correlazioni esistenti, via mail, ma se vi sono alterazioni occlusali chiaramente queste possono influenzare gli equilibri muscolari ed essere responsabili anche di disturbi neurologici
cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#2] dopo  
Utente 185XXX

grazie per le informazioni ^_^

[#3] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Ritengo che si debba agire su un doppio livello.

1-
Il bruxismo, facendo tutto il possibile per ridurlo o annullarlo.
Qui entra in campo lo gnatologo.

2-
L'ansia, apprendendo le tecniche per gestirla e contenerla: training, dinamica mentale, yoga, meditazione, e tutte le tecniche per imparare a rilassarsi e a contenere ansia e stress.
Utile l'ausilio di uno psicologo.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#4] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Le correlazione tra dolore cervicale (cervicalgia) e disturbo dell’articolazione temporomandibolare rappresentano davvero una novità. Nel file https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8953478 troverà spunti interessanti. Studi che correlano dolori al collo (cervicalgia), dolori orofacciali e disturbi del trigemino con la malocclusione cominciano davvero ad essere molti. Per verificare questa frequente sovrapposizione di sintomi basta cercare su un qualsiasi motore di ricerca “Temporomandibular Disease and cervical spine disorders”, molti lavori affermano che:
• I pazienti con disordini temporomandibolari mostrano spesso i segni e sintomi legati ai disturbi della colonna cervicale;
• Pazienti con disturbi del rachide cervicale possono mostrare segni e sintomi relativi a disordini temporomandibolari.
• Molti autori hanno sottolineato l'esistenza di correlazioni neuroanatomiche e biomeccaniche.
Una visita gnatologica io la farei.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum