Utente 203XXX
Salve Gent. Dottori, ringrazio fin da ora per la gentile attenzione, sono un ragazzo di 23 anni, vivo a Padova,

fin da piccolo , inizialmente sottovalutando tali sintomi pensando che fosse stress,
accuso, in relazione al movimento del capo (particolarmente se mi sto muovendo, se alzo la testa in senso verticale e soprattutto se è un movimento veloce)

-forti dolori (come aghi) all’occhio sinistro (in particolare sopra la cavità orbitale) ed emisfero sinistro viso
-rigidità muscolare nel movimento (come se istintivamente cercassi di bloccare il collo)

Inoltre soprattutto quando cammino:
-perenne contrattura al trapezio sinistro (compenso posturale?)
-tensione alla bocca dello stomaco
-cattiva respirazione
-dolore e “pressione” alla zona cervicale e prime vertebre dorsali (come se il peso si scaricasse totalmente in quella zona)

Inoltre:
-quando deglutisco sento una specie di tensione a livello cervico-occipitale

I sintomi sopradetti
Diminuiscono
- tenendo la testa in basso (posizione che adotto istintivamente)
- alzando le braccia in avanti
- stando disteso
-sorreggendo il capo (es. il mento) con le mani

E scompaiono totalmente
- con la iperestensione del capo all’indietro,

in quest’ultimo caso però
-dolore alle prime vertebre dorsali

Premetto che da piccolo soffrivo di
- sovrappeso
- postura sbagliata (con aumento delle fisiologiche lordosi cervicali e lombari e lieve cifosi )
-deglutizione atipica (lingua tra i denti e denti perennemente chiusi)
- leggero progenismo (prognatismo mandibolare)
- mandibola leggermente laterodeviata a destra
-tendenza a parlare con la bocca leggermente storta a destra

I primi tre problemi sono stati risolti con dieta, terapia posturale (parzialmente) e terapia mio funzionale, gli ultimi tre problemi tuttora rimangono, nonostante poi nell’occlusione il contatto mandibola-mascella ritorni in perfetta simmetria)

-negli ultimi mesi rendendosi conto che non poteva essere solo stress o postura, il mio medico di base mi prescrive visita neurologica,

-la Neurologa, sospettando una problematica a livello cervicale, mi prescrive RMN cervico-occipitale e nervo trigemino di cui aspetto risposta nei prossimi giorni..

A questo punto vi chiedo:

-può un aumento della cifosi e della lordosi cervicale (con ipotetiche compressioni vertebrali) causare questi sintomi interferendo con la parte neurologica? Se sì, in che termini?

-può l’aumento della lordosi cervicale diminuire la spazio della laringe adibito alla respirazione? (dato che respiro meglio con la testa in giù?)

-fino a che punto i problemi mandibolari anzidetti possono interferire con l’apparato neurologico e posturale?

-che eventuali esami dovrei fare ancora (RMN cervico-dorsale? RMN Articolazione Temporo Mandibolare?)

-a quale prossimo specialista devrei rivolgermi (ortopedico? Osteopata? gnatologo? …?)

Grazie di cuore per l’attenzione, ve ne sarò per sempre grato

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
capisco che vorrebbe avere delle risposte e anche chiare-derimenti ma purtroppo con una situazione così complessa, come da lei descritta, già tra l'altro seguita, almeno in passato da diversi specialisti e con manifestazioni cliniche in parte sovrapponibili o interferenti e senza ns valutazioni ed esami strumentali non è possibile essere chiari.
sicuramente è un quadro polispecialistico ove probabilmente più colleghi dovranno confrontarsi, dallo gnatologo all'osteopata, dal neurologo all'ortopedico o acnce altri specialisti che posso pensare essere idonei alla sua situazione
cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#2] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Condivido quanto detto dal collega. Il Suo caso avrebbe bisogno di un'esame assai clinico che duri a lungo (usando anche strumentazione adeguata). Rispondere ad una domanda è semplice, a due poco meno. Con l'aumentare del numero delle domande aumenta la complessità della risposta. Senza visita clinica la vedo ardua.
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum