Utente 279XXX
Salve,

Vi espongo il mio problema che purtroppo mi sta tormentando da un bel pò. Circa 3 anni fa ho iniziato a soffrire di crisi peridoiche di vertigini e abbassamento dell'udito all'orecchio dx che duravano alcune ore ed erano accompagnate da forti acufeni. Passate le crisi tornavo al 100% in perfetta forma, sia come equilibrio sia come udito. la situazione è andata però peggiorando negli anni soprattutto per quanto rigurada l'udito. Dopo aver effettuato una RMN con mezzo di contrasto che ha scongiurato il neurinoma mi è stata diagnosticata quasi da subito la Sindrome di Meniere, ed ho fatto varie cure: flebloclisi di cortisone e glicerolo, vertiserc+microser, infiltrazioni di gentamicina....il problema però persiste. Una cosa che ho notato è che in concomitanza all'insorgere di questo problema l'occhio destro si infiamma nell'estremità adiacente all'orecchio, con la rottura di alcuni capillari ed inoltre mi capita talvolta di soffrire di un dolore acuto e pulsante agli occhi. Un'altra cosa che vorrei aggiungere è che ho giocato per 14 anni a pallavolo a livello agonistico e dunque non escludo la possibilità di qualche tipo di trauma legato ad una pallonata eccessivamente forte (anche se non è ho memoria...). Attualmente sono in cura da uno gnatologo che mi ha consigliato di provare ad utilizzare un bite per l'ATM in quanto i disturbi potrebbero essere legati ad un malocclusione. Ultima cosa che aggiungo è che noto che ho spesso la narice destra ottoruta soprattutto al risveglio..non so se questo può essere collegato in qualche modo al mio problema, visto che dalla RMN ed un denstal scan che ho effettuato per altri motivi, è fuoriuscita una flogosi/ispessimento dei seni mascellari.
Spero di aver inserito tutte le infromazioni per una possibile diagnosi.

Grazie mille!

[#1] dopo  
Dr. Alfredo Luglio

20% attività
0% attualità
0% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2012
Le vertigini e gli acufeni potrebbero effettivamente identificarsi con una alterazione della dinamica masticatoria dovuta ad un problema di malocclusione, nulla posso dire in relazione a quanto espone riguardo i seni mascellari per l'esiguità di quanto espone.
La necessità di applicare o meno un Bite dipende dall'esito di un esame clinico posturale, coadiuvato da tests chinesiologici e visione diretta degli esami radiografici.
Cordiali saluti.
Dr. alfredo luglio

[#2] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
I meccanismi fisiologici della malocclusione sono descritti nel file http://www.danieletonlorenzi.it/atm/gnatologo-gnatologia-ovvero-studio-dell%E2%80%99articolazione-temporomandibolare-atm/. La malocclusione può essere correlata anche a vertigine https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1466-vertigini-dise-equilibrio-postura-malocclusione-dentale.html.
La presenza di ipoacusia IMPONE che non abbandoni le terapie otorino.
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum