Utente 432XXX
Buonasera, da 3 mesi soffro di acufene pulsante, impanicato corro dal medico curante che mi prescrive ansiolitici (Io non li prendo e cambio medico curante), un po di toremento un po d'ansia vado a richiedere delle visite audiologiche, in prima battuta controllo cerume e terapia mucolitica non ha sortito effetto.
Effettuo esami audiologici, (pacchetto audilogico) tutto risultato nella norma.
Adesso sto aspettando il 13 gennaio per gli esami Cardiologici, consistenti in RM Encefalo e tronco encefalico con conseguenze angio senza mezzo di contrasto, visita Cardiologica e Eco doppler TSA. E sto facendo autonomamente la trt per essere più riposato e diminuire l'ansia e una dieta iposodica anche con l'intenzione di dimagrire, cosa difficile sotto natale avendo un colesterolo di 260 ml/dl LDL 172.

Adesso ho delle osservazioni da fare e spero che voi mi possiate aiutare a capire e darmi spunti.

1. Iperestendendo la mandibola il suono varia per un attimo.

2. Soffiandomi il naso con forza sento uscire aria dall'orecchio interessato (destro).

3. Tendo a mangiare dal lato destro, causa due molari mancanti nell'arcatasuperiore sx

4. Dormo con due cuscini ritorti con una postura innaturale.

5. Lavorando con tablet o mobile ho una postura scorretta.

6. Avete mai visto cronicizzazioni del somatosound?

Aiutatemi anche voi.
Grazie anticipatamente.

P. S. Spero risponderanno pure audiologi e dentisti gnantologi, mi sono documento sull'argomento ma sapere qualcosa di più mi farebbe pazientare in modo più disteso.

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica

Le invio una possibile spiegazione per quel che riguarda la possibilità di associazione tra acufeni e Disordini-Cranio-
Cervico-Mandibolari.
L'associazione è tutt'ora controversa,in quanto le ipotesi a favore,sono tante quanto quelle a sfavore ed anche gli studi
sono limitati.

Gli acufeni sono sensazioni di fischi o ronzii, fruscii, soffi e pulsazioni riferiti all'orecchio ,non generati nell'ambiente (cioè in assenza di uno stimolo sonoro) percepite solo dal paziente.

Tra le varie possibili cause individuate, vi sono le affezioni dell’orecchio esterno, come un banale tappo di cerume;
patologie dell'orecchio medio, come otiti catarrali acute e croniche, otosclerosi ecc.
. L’acufene d'origine neurosensoriale può essere causato da patologie del recettore periferico (orecchio interno), delle vie e dei centri uditivi o di entrambi i sistemi. Le affezioni della coclea e del nervo acustico sono causate principalmente da patologie vascolari, esposizione a rumore (ipoacusia da trauma acustico acuto o cronico), farmaci detti ototossici (es. alcuni antibiotici), età (presbiacusia), malattie degenerative (labirintopatie tossiche, Sindrome di Menière), dismetaboliche e neoplastiche (neurinoma del nervo VIII), malattie autoimmuni.

Gli acufeni sono associati ai DCCM in una percentuale di casi variabile tra il 25% e il 65% secondo la letteratura scientifica, discordanza originata dalla mancanza di conoscenza del meccanismo di associazione delle due malattie.

Una possibile spiegazione è data dal coinvolgimento secondario del muscolo tensore del timpano all'interno della disfunzione muscolare da DCCM perchè questo muscolo è innervato dal nervo trigemino insieme a tutta la muscolatura masticatoria.

Quando viene contratto il tensore del timpano, si ha lo spostamento in senso mediale del martello e quindi si avrà una maggiore tensione della membrana del timpano. Questo muscolo è innervato da un ramo del nervo mandibolare del trigemino.

Rimane probabilmente coinvolto anche il muscolo pterigoideo esterno che governa il movimento articolare temporo mandibolare.

Le consiglio,dopo gli esami che dovra' effettuare anche una visita
Gnatologica.

Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia