Utente 451XXX
Buonasera,
ho alcune domande a cui vorrei trovare delle risposte.
Dopo una serie di controlli da più dottori che non vi sto neanche ad elencare a causa di alcuni sintomi iniziati con un ovattamento totale da mesi delle orecchie in particolare quello destro, dolore cervicale con maggiore tensione sul lato destro, guancia destra gonfia,turbinato destro gonfio, ronzii, click mandibolari in apertura, mal di testa non invalidante, comparsa di un rigonfiamento zona parte finale dell'orecchio/mascella a seguito di uno schiocco della mandibola e dopo un periodo molto stressante ho svolto come ultima passo una visita gnatologica.
Mi è stato consigliato un bite notturno o comunque da utilizzare nei momenti in cui sento una particolare tensione o stress in quanto si è capito che tendo a stringere la dentatura con una conseguente infiammazione atm e un principio di infiammazione del trigemino con formicolii non dolore d è circa 1 mese e mezzo che lo porto.
Da quello che ho capito l'infiammazione atm accade quando lasciatemi passare il termine il cuscinetto di unione tempora-mandibolare non è più in posizione corretta giusto?
Non sto però trovando un particolare beneficio o meglio i sintomi sono "leggermente" migliorati ma non come avrei sperato.
è normale? serve più tempo ? va portato magari per ore al giorno invece che solo alla sera ?
Vi spiego i primi giorni che l'ho portato mi è sembrato di stare meglio a parte i classici dolori iniziali poi però i sintomi sono tutti ritornati anzi a volte alcuni mi sembrano peggiorati ad esempio quando lo levo al mattino noto che il lato destro è sempre molto dolorante rispetto a quello di sinistra per quale motivo continua cmq a farmi male ? è a causa del continuo spostamento ?
Ho gia modificato più volte il bite nel corso di tutto questo tempo e il mio gnatologo è molto disponibile ma non capisco il perché dopo tutto questo tempo i sintomi non sono migliorati.
Non so se vanno aggiunte altre cose oltre al bite
Premetto che non posso assumere antinfiammatori se non prodotti naturali come l'arnica quindi non so fisioterapia? osteopatia ? ginnastica mandibolare? vacanza al caldo ;) ?

spero mi possiate dare maggiori delucidazioni.

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, la prescrizione di un bite, in un caso come il suo è corretta, ma dire "un bite" é come dire "una pillola" : rappresenta un trattamento assolutamente individuale, e , come una pillola consiste nello sbocco terapeutico di una diagnosi che deve essere corretta, e corretta deve essere anche la modalità di assunzione, (e solo a queste condizioni una pillola può risolvere una patologia), così il bite rappresenta la configurazione tecnica e artigianale di un ragionamento diagnostico e di una ipotesi terapeutica formulata dal dentista-gnatologo che lo prescrive e fa realizzare: è quest’ultima, cioè la prestazione culturale che il paziente acquista, non l''oggetto artigianale che qualunque tecnico realizza in un''ora di lavoro, e che è di infimo valore venale se disgiunto dalla prima.
Se però dopo alcuni mesi di bite, ,che a mio parere va portato 24 ore al giorno pasti esclusi, non si arriva ad un risultato, delle due l''una: o i suoi problemi non dipendono dall''occlusione e dall''ATM (ma ne dubito), oppure il bite potrebbe essere inadeguato, o, infine, non è stato prescritto con le caratteristiche adeguate al suo caso.
Sul funzionanento dell''ATM può avere qualche ulteriore informazione nel mio sito internet.
Purtropo via rete, senza un esame diretto non credo si possa dire di più.
Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente 451XXX

ok allora magari inizierò portandolo più spesso per vedere se magari cambia qualcosa invece che portarlo solo esclusivamente di notte tanto male penso che non faccia.

Ma sono convinta che questa sia la strada giusta dopo aver fatto mi creda visite su visite da ogni tipo di specialista.

Inoltre mi sono resa conto che il formicolio e il turbinato gonfio era dato dal fatto che mi toccassi in continuazione il naso e provassi a stappare in continuazione le orecchie come un tic nervoso e al momento sono 3 giorni che non lo sto più facendo e toccando ferro non mi è più successo.

Giusto per avere un idea in più ad esempio lei come svolge una visita gnatologica ? per capire se quello che ho fatto io e la prassi corretta.

grazie mille

[#3] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Questo argomento prevede in prima battuta, un approccio essenzialmente clinico (accurata anamnesi, occhi e mani dell’operatore) , e anche le scelte terapeutiche sono in gran parte individuali: ogni gnatologo, oltre a tener conto ovviamente del caso che tratta, segue le indicazioni della propria scuola e della propria esperienza, anche nelle caratteristiche tecniche e costruttive del bite. E’ evidente che ciò può comportare sconcerto per il paziente, ma non è solo in Gnatologia che operatori diversi possono avere idee diverse e anche opposte.
Approfondimenti diagnostici possono essere disposti dal curante , se il caso lo richiede: personalmente lo faccio molto raramente, e solo in casi molto gravi. Nella maggior parte dei casi le indagini radiografiche e le TAC non sono nemmeno indicate, e la Risonanza Magnetica il più delle volte non aggiunge nulla a quanto uno gnatologo esperto può ricavare da un attento esame clinico.
La cosa importante é che il dentista-gnatologo sia veramente esperto in problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare (ATM), e soprattutto nei rapporti fra ATM ed orecchio: non tutti i dentisti amano coltivare questa sottospecialità.
Le suggerisco anche di leggere gli articoli che si aprono con questi link. Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/934-cefalea-viene-bocca.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/2326-dolore-cronico-disturbi-sonno-disfunzioni-cranio-mandibolo.html?refresh_ce
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/2326-dolore-cronico-disturbi-sonno-disfunzioni-cranio-mandibolo.html?refresh_ce
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#4] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Non stia a concentrarsi sul fatto di metterlo per più tempo.
Non è questo il problema.
Indossare il bite 24 ore al giorno non è infatti un orientamento universalmente condiviso: non è assolutamente vero infatti che
"24 ore è giusto, solo la notte è sbagliato".

Alcuni fanno bite con successo da portarsi 24 ore al giorno, altri fanno bite con successo da portarsi solo la notte.
Alcuni sbagliano bite da indossare solo la notte, altri sbagliano bite da mettere 24 ore al giorno.

La notte è più che sufficiente, e i benefici (parlo per quelli che allestisco io, per altre tecniche non posso esprimermi) li voglio fin dai primi giorni, prime settimane al massimo e decisi, non "leggermente meglio".

Concordo con le conclusioni del collega Bernkopf: un collega veramente esperto nel campo è fondamentale.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)