Utente 232XXX
In passato ho sofferto sporadicamente di problemi alle ATM che si sono sempre risolti spontaneamente dopo pochi giorni.
L'evento più grave si verificò a 28 anni, quando non potevo quasi mangiare da quanto scroscio avevo al lato destro della bocca. Andando in un centro specializzato in problemi alla bocca feci una serie di esami diagnostici e alla fine, essendo passato tutto, venni liquidato con problemi causati dallo stress. L'unico particolare degno di nota che caratterizza la mia bocca è avere i denti del giudizio dell'arcata inferiore inclusi e posizionati orizzontalmente.
Da un paio di anni a questa parte soffro di dolori costanti alla base destra della nuca, a cui si sono aggiunti un anno fa acufeni all'orecchio destro e in misura più leggera all'orecchio sinistro e dopo un paio di mesi sporadici click durante la masticazione e dei tic tac mentre parlo sempre sul lato destro.
Dopo aver girato ortopedici, fisioterapisti, fisiatri, otorini e osteopati, alla fine ho capito che i miei problemi sono legati alle ATM.
Per questa ragione da luglio, su consiglio della mia osteopata porto un attivatore dentale e sono seguito da un dentosofo, che ritiene che la mia mandibola sia leggermente retrusa e con un semplice spostamento in avanti i problemi potranno risolversi.
In effetti da quando ho iniziato questa terapia i dolori al collo sono quasi scomparsi e anche gli acufeni sono molto attenuati. Rimane il click sporadico durante la masticazione e mentre parlo sempre sul lato destro, cui si è aggiunto di recente anche sul lato sinistro.
Preoccupato da questa situazione mi sono rivolto ad uno gnatologo che mi ha suggerito di fare una cone beam e una risonanza magnetica della ATM.
Dalla cone beam l'unico elemento emerso fuori dalla normalità è un leggero appiattimento del condilo mandibolare sinistro, mentre dalla risonanza è emerso quanto segue sia per l'ATM di destra che di sinistra "Assenza di lesioni ossee di tipo focale evolutivo.Normale il condilo mandibolare la cavità glenoide. Menisco articolare normale per morfologia e comportamento di segnale. Non alterazioni del legamento posteriore. Assenza di alterazioni delle strutture capsulo legamentose e muscolo-tendinee in esame. In particolare non sono apprezzabili alterazioni della inserzione dei muscoli pterigoidei. Assenza di versamento endoarticolare. In fase di massima apertura della poca si rileva regolare traslazione del condilo mandibolare che raggiunge l'eminenza articolare del temporale. Non segni di incoordinazione condilo meniscale".
Non ho ancora fatto visionare questi esami agli specialisti che mi seguono, ma non mi sembra ci siano grossi problemi.
Come mai allora continuo ad avere i disturbi che ho citato sopra?

[#1] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Dalla risonanza e Cone Beam emerge un quadro di normalità, che poteva comunque essere già dedotto dal semplice racconto.

Gli attivatori polifunzionali hanno una azione ben più complessa del semplice "portare in avanti la mandibola".
Agiscono però su tempi lunghi.


"i dolori al collo sono quasi scomparsi e anche gli acufeni sono molto attenuati. Rimane il click sporadico"
"Preoccupato da questa situazione mi sono rivolto ad uno gnatologo"
"Come mai allora continuo ad avere i disturbi che ho citato sopra?"

Perchè è preoccupato?
Perchè cervicale e acufeni sono quasi scomparsi?
La preoccupa stare bene?

Il click sporadico è un segnale, non è di per se da curare se non da disturbi.

Perchè non continuare a farsi seguire da chi le ha impostato una terapia efficace (non ancora finita) che le ha risolto la maggior parte dei problemi, e andare invece da chi le ha fatto fare esami radiologici inutili?
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#2] dopo  
Utente 232XXX

La mia preoccupazione nasce dal fatto che dall'inizio della mia terapia con l'attivatore il click mandibolare, che prima era limitato solo a destra, ora lo sento, per quanto sporadicamente, anche a sinistra.
Inoltre anche parlare e sentire continuamente un click che rimbomba nell'orecchio è parecchio fastidioso e su questo fronte la situazione è peggiorata.
E' come se alcuni fastidi si attenuassero ma venissero compensati da altri.
Per questo ho pensato di sentire un'altra campana e i risultati sono quelli sopra esposti.
E finora ancora non ho una diagnosi!

[#3] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Si consulti con lo gnatologo che l'ha in cura (quello che la sta trattando con gli attivatori polifunzionali).
Il click è dovuto ad un problema meccanico del disco all'interno dell'articolazione temporo-mandibolare.
Non sapendo il piano di trattamento nei dettagli e non avendola visitata, non conoscendo il punto di partenza, non posso ovviamente formulare una diagnosi.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)