Utente 530XXX
Buonasera, vi espongo il mio problema.
Sono un ragazzo di 30 anni che da un momento all'altro ha accusato una forte vertigine improvvisa che ha costretto la mia ragazza a chiamare il 118. al PS mi somministrano Betaistina e Vertigoval. Rimane un senso di instabilità costante che mi permette di stare perlopiù coricato ad occhi chiusi. Mi dimettono invitandomi ad eseguire visita da otorino il giorno seguente: espongo allo specialista che ho il setto nasale leggermente deviato riscontrato in una visita (anno corrente ) per accertamenti in seguito a forti vertigini sorte in aereo(caso isolato fino al 16 marzo), tutto nella norma lo specialista mi consiglia una visita neurologica. Trascorsa una settimana inizio nuovamente ad accusare una forte vertigine che mi provoca un attacco d'ansia: chiamato il 118 decidono di trasportarmi in PS per ulteriori accertamenti. Nell'attesa di essere chiamato accuso un attacco di panico con iperventilazione. Effettuati gli accertamenti risultano nella TC encefalica e angio TC delle cisti nel setto pellucido non preoccupanti, comunque tutto nella norma. La sensazione di oscillazione e instabilità costante non diminuisce: ancora in malattia dal lavoro da un mese, non accetto questa situazione e mi rivolgo sotto consiglio di un’amica ad una psicoterapeuta: quest’ultima mi indirizza da uno psichiatra per assumere farmaci per debellare l’ansia provocata da questa situazione: risulta inoltre che avendo un trascorso familiare travagliato, ho accumulato così tanto stress sin da quando ero piccolo che questa sensazione di instabilità sia causata dall’inconscio. Lo psichiatra mi prescrive lo Zoloft per 8 mesi e Deniban per 2 mesi che dovrebbero far svanire le vertigini nessuno dei due medicinali debellano i sintomi che anche secondo lo specialista sono provocati da uno stato d’ansia in quanto ho un trascorso familiare particolare. Per me inaccettabile mi sono rimesso alla ricerca sul web di questi sintomi e ho letto di medici che consigliano una visita specialistica odonto-gnatologica.
Qualche mese fa ho avuto questi sintomi che mi hanno portato a fare accertamenti:
-dolore alla mandibola sinistra (svanito dopo qualche settimana).
-Dolore ai denti e otturazione dentale : dopo questa otturazione ha iniziato una forte salivazione salata snervante che tuttora permane ( 6 mesi circa)
-scosse occasionali alla parte superiore della testa ( da 2mesi mesi fino ad oggi)
- fischio discontinuo all’orecchio sx. Inoltre dopo che soffio il naso sembra che sempre l’orecchio sinistro si stappasse.
- dolori alla cervicale e spalle (ho frequentato un fisioterapista ma nessun miglioramento.
il 6/05 avrò l'esito della RMN encefalo e del tronco encefalico.
Dunque vi chiedo, è possibile che nonostante i sintomi discontinui questo senso di continua oscillazione possa essere causata da un disturbo ATM?
dopo questo non so più cosa pensare.
vi ringrazio in anticipo per l'attenzione, sperando di trovare risposta a questi sintomi.

[#1] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
la Sua situazione è comune nei soggetti con disordine temporomandibolare e per approfondire il senso di instabilità e le correlazioni con la mandibola legga https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1466-vertigini-dise-equilibrio-postura-e-malocclusione-dentale.html.
Ulteriori informazioni le trova digitando "sintomi clinicamente inspiegabili".
Legga questi due articoli con attenzione e credo avrà qualche chiarimento.
Sono naturalmente a disposizione per altre informazioni.
Saluti
Daniele Tonlorenzi
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#2] dopo  
Utente 530XXX

Buonasera, la ringrazio per la tempestiva risposta. Attendero' gli esiti della risonanza e nel frattempo ho prenotato una visita odontognatologica. Scriverò ulteriori aggiornamenti. Saluti

[#3] dopo  
Utente 530XXX

Buongiorno,
come avevo anticipato Vi aggiorno riguardo la mia situazione.
i sintomi di intontimento/vertigini non sono svaniti.
oggi ho avuto l'esito da uno specialista gnatologo che ha riscontrato la mia mandibola eccessivamente fuori asse. valutazione dell'occlusione dentale--> valori:
POC TA 24,42 % SX
POC MM 72,33 % SX
BAR 56 ,19% A
TORS 53,35 % SX
IMP 79,29 %
ASIM -62.04% SX
mi ha proposto un bite da utilizzare di notte ma non mi ha dato alcuna certezza in quanto tempo questi sintomi possano svanire o se addirittura svaniranno del tutto...
dunque dottori mi chiedo, questi sintomi potrebbero non svanire mai nonostante il problema riscontrato??
vi ringrazio per l'attenzione,
spero che qualcuno possa aiutarmi...
saluti

[#4] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Gentile utente si dovrebbero fare le ricerche in lingua inglese per accedere alla medicina che conta, google mette in prima posizione gli articoli della banca dati mondiale della sanità (pubmed). Nel Suo caso dovrebbe cercare "temporomandibular disease diagnostic criteria" e compariranno nelle prime tre posizioni.... quelli più importanti. Il primo ha oltre 1000 citazioni, quelle sono le fonti che contano e che servono per fare diagnosi. L'elettromiografia di superficie è di sicuro un valido aiuto ma che per la diagnosi della sua malattia non può che essere un contorno. Parola di pubmed. Usi queste informazioni come crede meglio.... e magari senta un'altra campana.
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum