Utente 218XXX
Gentili Dottori,
a due anni dall'allarme influenza A e dal chiacchieratissimo vaccino si hanno notizie di effetti collaterali gravi? Si può finalmente stare tranquilli o c'è ancora il rischio di eventuali danni a lungo termine?
Grazie e complimenti per il servizio che offrite.

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Signora,

nulla di nuovo, al momento, per quanto riguarda il virus A/H1N1.
Fortunatamente, le previsioni della vigilia di due anni fa non si sono avverate, ma era giusta l'allerta ed era a giusto l'approvvigionamento del vaccino, anche se in gran pare questo è rimasto inutilizzato.
Poi, di critiche se non possono sempre fare, come è successo per l'uragano Irene; quando è arrivato su New York, fortunatamente ha ridotto la potenza, trasformandosi semplicemente in violento acquazzone; eppure, anche lì le critiche sono sorte dai soliti "sicuri di sè" sul fatto che secondo loro è stato fatto terrorismo psicologico sulla gente.

Non avendo la sfera di cristallo, non possiamo dire cosa succederà in futuro, ma confermo la mia opinione sulla vaccinazione antinfluenzale: di influenza si guarisce anche senza la vaccinazione.

http://www.medico-legale.it/vaccinazione_influenza.html
https://www.medicitalia.it/minforma/igiene-e-medicina-preventiva/167-vaccinarsi-influenza.html
http://www.medico-legale.it/vaccino_e_adiuvante.html
https://www.medicitalia.it/minforma/igiene-e-medicina-preventiva/166-vaccino-adiuvante.html
http://www.medico-legale.it/influenza_2009.html
https://www.medicitalia.it/minforma/igiene-e-medicina-preventiva/431-influenza-suina-2009-2010-tiriamo-somme.html

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Utente 218XXX

Gentile Dott. Corcelli,
grazie per la Sua risposta, concordo sul fatto che era giusto fornirsi di vaccino perchè le cose sarebbero potute andare diversamente, ma ribadisco la mia richiesta: coloro che si sono allora vaccinati possono stare sereni sui temuti effetti collaterali e ormai considerarlo come un "normale" vaccino antinfluenzale o c'è ancora il rischio di eventuali danni?
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
mi scusi, ma non avevo colto la sua precisa richiesta riguardo a chi si è vaccinato.

Da molti anni l'OMS ha attivato un sistema di sorveglianza dell'influenza (EISS), a cui partecipa l'Italia; il sistema si serve dei cosiddetti "medici sentinella", ovvero medici e pediatri di famiglia che segnalano i casi da loro osservati; i dati sono raccolti ed elaborati dall'Istituto Superiore di Sanità.
L'identificazione dei virus influenzali è fatta presso i laboratori virologici regionali.

Dai dati raccolti emerge che anche per la vaccinazione contro il virus A/H1N1 gli effetti collaterali sono consistiti in reazioni locali, cioè dolore, eritema, gonfiore nel sito di iniezione; rare le reazioni allergiche; non osservati altri eventi più gravi, come distruzione di piastrine e disordini neurologici. Nessuna evidenza anche per la sindrome di Guillain Barrè, tanto evocata in siti dalla vocazione anti-vaccinazionale.

Quanto alla vocazione anti-vaccinazionale, curiosamente, in molti di questi i siti, dopo avere sconsigliato la vaccinazione (qualsiasi tipo di vaccinazione), si consigliano prodotti omeopatici, i quali meglio garantirebbero la protezione dalle malattie virali.
Domanda: i vaccini, tra cui quello antinfluenzale, vengono prodotti da industrie farmaceutiche solo allo scopo di arricchirsi e con la complicità di una classe medica ufficiale compiacente, mentre i farmaci omeopatici vengono distribuiti gratis per beneficenza da una contro-industria grazie alla collaborazione di eroici medici non convenzionali che a loro volta non si fanno pagare?
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#4] dopo  
Utente 218XXX

Gentile Dott.Corcelli,
Il quesito da Lei posto è senza dubbio rilevante, andrebbe approfondito e valutato con attenzione e, comunque, bisognerebbe riflettere bene su temi così tanto delicati prima di mettere su una campagna anti-vaccino che ha allarmato un pò tutti.
Penso che quando si tratta della salute della gente sia d'obbligo agire con coscienza e pertinenza.
Grazie ancora per la Sua disponibilità e professionalità.
Buon lavoro.