Utente 467XXX
Salve, un mese fa ho avuto un rapporto orale passivo con uno sconosciuto, che ha eiaculato nella mia bocca...Ho effettuato il test hiv all'ospedale giovanni di dio e ruggi d'aragona di salerno ed attendo ancora i risultati. Sono disperato in quanto ho 19 anni e solo ora mi rendo conto del rischio che ho corso, richio che potevo benissimo evitare. Vorrei conoscere ora se si può definire una percentuale di rischio nel caso in cui l'attivo fosse stato sieropositivo. Ovviamente non per le prossime volte che saranno sicuramente protette, ma per tranquillizzarmi un pò in attesa dei risultati del test, siccome ormai non dormo da 7-8 giorni. Sono veramente disperato,aiutatemi!!!! Grazie per il servizio offertomi!

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,
le possibilità di contagio sono decisamente inferiori rispetto a quelle legate ad un rapporto sessuale di tipo penetrativo ma certo non si può escluderle in modo categorico soprattutto se, al momento del rapporto, erano presenti lesioni o "ferite aperte" nel cavo orale.
Cordiali saluti.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org

Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
In completo accordo con il collega Beretta le confermo che il contatto descritto indica un basso rischio. Ripeta il test comunque a 100 giorni, se come tutti auspichiamo, quello attuale sarà negativo. Protegga i suoi prossimi contatti fino a risposta negativa e non doni il sangue.
Marcello Masala MD
Marcello Masala MD

[#3] dopo  
Utente 467XXX

come lesioni o ferite aperte si intende anche una carie interna?

[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Si intendono soprattutto lesioni sanguinanti, "aperte".
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#5] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto

28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
GIOIA DEL COLLE (BA)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
lesioni sanguinanti anche gengivali
dr Giuseppe Benedetto
www.giuseppebenedetto.netfirms.com

[#6] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Concordo con i Colleghi.
Non alimenti ansie immotivate, effettui gli esami e le rivalutazioni oltre a programmare meglio il suo futuro sessuale.

Carissimi saluti
Dott. Luigi LAINO
Ricercatore Specialista Venereologo,
Malattie Sessualmente Trasmissibili, ROMA
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
spero che tutte queste rassicurazioni le portino una certa serenità.
Ancora un cordialissimo saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com