Utente 376XXX
Salve, vi scrivo perche sono in uno stato di angoscia.
Giorni fa mentre condividevo il letto con uno sconosciuto che mi ospitava mentre ero in vacanza (couch surfing) questi ha iniziato a toccarmi e masturbarmi. Li per li preso dal momento ho ricambiato la masturbazione, ma minuti dopo mi sono accorto che emetteva abbbondante liquido pre eiaculatorio che mi e finito sul polso e temo anche sulla mano dove avevo una piccola bolla che avevo "scoppiato" e che quindi si vedeva lo strato di pelle sotto. Inoltre il tizio mi ha anche praticato una fellatio. L indomani ho pure notato che aveva dei cerotti alle dita con le quali mi aveva masturbato e ora sono angosciato.
Vorrei porvi delle domande,
1) esiste il rischio di infezione da hiv tramite liquido preseminale a contatto con la spellatura di una bolla sulla mano?
2) e se lui aveva delle ferite sulle dita, dato che l indomani aveva i cerotti, potrebbe avermi infettato toccando il mio pene/glande?

Sono angosciatissimo

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
ha avuto quindi un rapporto a rischio.
Fellatio ricevuta compresa.
Non è possibile escludere il rischio di MST compreso HIV(basso) e Sifilide.
Le consiglio i test per queste patologie a 30 e 90 gg dal rapporto a rischio.
Se le compare un sifiloma primario i test per la Sifilife (VDRL/TPHA/ FTA-ABS) potrà farli prima.
Saluti,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 376XXX

Quindi se ho capito bene, il rischio di hiv considerato la modalita di contattto, é minimo?
E riguardo la sifilide, si contagia cosí facilmente che basta ricevere un "pompino" (perdoni il termine volgare)? Non avrei dovuto accorgermi se in bocca il tipo avesse dovuto avere dei sifilomi? Inoltre considerato che quasi nessuno fa sesso orale protetto, non dovrebbe esserci una pandemia?

Infine, la sifilide si cura o e una di quelle malattie che uno si porta finche vive?

Grazie

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Si, ha capito benissimo: il rischio è minimo ma non inesistente.
In quanto al pompino, come lo chiama lei, mi spieghi: come fa a escludere la presenza di una lesione primaria nel cavo orofaringeo di chi le pratica la fellatio? E soprattutto come fa a escludere che il soggetto non abbia una sifilide secondaria?
I casi di Sifilide stanno aumentando esponenziamente proprio perché, nell'immaginario collettivo, il "pompino" continua a essere spacciato come un rapporto sessuale sicuro, quando in realtà non è tale, è un potenziale veicolo di MST e come tutti i rapporti sessuali deve essere protetto dal profilattico.
La sifilide, la gonorrea, la Chlamydia, il Mycoplasma, tutti trasmissibili con una fellatio insertiva non protetta possono essere trattate: con le infezioni virali il discorso cambia parecchio.
Arrivederci,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.