Utente 107XXX
Buongiorno. Vi scrivo per chiedervi un'informazione. Devo sostenere la visita per conseguire l'idoneità di prima classe per diventare pilota civile. Le normative vigenti riportano questi limiti:
JAR-FCL 3.220 Requisiti Visivi
(a) Acutezza visiva da lontano. L'acutezza visiva da lontano,
con o senza correzione, deve essere 7/ 10 o più in ogni occhio
separatamente e l'acuità visiva binoculare deve essere di
10/ 10 o più [vedere JAR-FCL 3.220 (h) seguente]. Non
devono essere applicati limiti all'acuità visiva non corretta.

Il potere di correzione delle lenti che utilizzo è pari a 2.75 diottrie. Ma non so quanti decimi mi mancano. A quanti gradi equivalgono 2.75 diottrie?

Rientro nei limiti per conseguire l'idoneità di prima classe?
E anche nel caso non rientrassi, la tecnica laser per correggere la miopia causa l'inidoneità alla prima classe? Oppure si può fare?

Perchè sentivo dire che se una persona ha un deficit visivo che supera i limiti consentiti, anche operandosi, non otterrà l'idoneità...

[#1] dopo  
Dr. Antonio Rufo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
4% attualità
16% socialità
AMASENO (FR)
TERRACINA (LT)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2003
Gentile Utente per chiarire la differenza tra diottrie e decimi semplificando al massimo possiamo dire che:

le diottrie ti dicono la forza di una lente.
Con i decimi si "misura" il risultato ottenuto (con o senza lenti).

Se le sue lenti hanno un errore refrattivo di +/- 2,75 diottrie dovrebbe essere considerato idoneo.

La informo inoltre che la visita medica prevede anche la valutazione dell'acuità visiva binoculare, eventuale diplopia, la presenza o meno di una convergenza, o uno squilibrio dei muscoli oculari, campo visivo.
Pertanto l'idoneità al volo per la 1° Classe inoltre prevede altri requisiti generali e specifici.

Le scrivo inoltre alcuni dei requisiti visivi necessari per l'idoneità

----------------------------------------------------------

Gli aspiranti per l'idonetà al volo per la 1° Classe devono essere considerati idonei per quanto riguarda l'errore refrattivo se incontrano i requisiti
di seguito riportati:

1) Alla prima visita l'errore refrattivo non deve
superare ± 3 diottrie.

2) Alle visite di rinnovo, il richiedente un certificato
medico considerato soddisfacentemente esperto dall'Autorità Competente per il rilascio delle licenze, con errori refrattivi fino a +3/-5 diottrie e con storia di visione stabile può essere considerato idoneo dall’AMS (vedere Paragrafo 2 dell’Appendice 13 relativa alla Sottoparte B).

3) In un richiedente con errore refrattivo con una
componente astigmatica, l’astigmatismo non deve eccedere 2
diottrie.

4) La differenza nell’errore refrattivo tra i 2 occhi
(anisometropia) non deve eccedere 2 diottrie

Se un requisito visivo è raggiunto solamente con
l’uso di correzione, gli occhiali o le lenti a contatto devono permettere una funzione visiva ottimale ed essere idonee per scopi aeronautici.

N.B. Consulto Richiesto dall'utente, i contenuti sono a scopo informativo e in nessun caso può sostituire la visita medica specialistica la prescrizione, il trattamento o il rapporto diretto con il proprio medico curante.
Dott. Antonio Rufo