Visite sanitarie in gravidanza iniziale

Buonasera,
vorrei sapere se una dipendente in stato gravidico iniziale sia ugualmente tenuta a sottoporsi alle visite posturali e oculistiche pianificate dal proprio datore di lavoro.
Ci possono essere rischi per il feto? Nel caso di esonero, è necessario rendere nota la gravidanza?
Grazie per il vostro cortese riscontro
[#1]
Dr. Domenico Spinoso Medico del lavoro 695 81 11
Gentile utente,
La legge non specifica quando la lavoratrice deve comunicare il proprio stato di gravidanza. La norma dice solo che la lavoratrice lo deve comunicare prima del periodo di astensione obbligatoria (quindi in teoria anche al settimo mese!).
Io consiglio sempre di comunicarlo (all’inizio magari solo verbalmente) al più presto al datore di lavoro in quanto dal momento in cui il datore di lavoro viene a conoscenza dello stato di gravidanza ha l’obbligo di attuare tutte le precauzioni atte a tutelare la madre ed il feto.
Riguardo la visita medica, se la lavoratrice è in servizio ed è in scadenza la visita medica periodica, deve effettuarla.
Premesso che la normale visita effettuata dal medico competente e l’esame oculistico, non sono dannosi per il feto, è sempre opportuno comunicare al medico il proprio stato (se non si vuole che il datore di lavoro lo sappia è sufficiente comunicarlo al medico che comunque è vincolato dal segreto professionale).
Cordiali saluti

Dr. Domenico Spinoso
Medico del Lavoro

[#2]
dopo
Utente
Utente
Molte grazie per la tempestiva e puntuale risposta. Un cordiale saluto

Gravidanza: test, esami, calcolo delle settimane, disturbi, rischi, alimentazione, cambiamenti del corpo. Tutto quello che bisogna sapere sui mesi di gestazione.

Leggi tutto

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test