Gravidanza lavoro di parrucchiera

Salve!
Vi scrivo per mia moglie.

Ha fatto i test di gravidanza ed è risultata incinta.
Volevamo sapere se ci sono rischi per la gravidanza, per il bambino o per lei continuare a lavorare come parrucchiera (e quindi essendo esposta a lacca, tinte, ecc.
) fin quando si sentirà bene.

Ringraziamo anticipatamente
[#1]
Dr. Domenico Spinoso Medico del lavoro 664 80 11
Gentile utente,
in linea generale la mansione di parrucchiera può essere a rischio per la futura mamma e per il bambino, non solo per il rischio chimico ma anche per la necessaria postura in piedi prolungata. Ad ogni buon conto ogni azienda può avere una maggiore o minore rischiosità.
La valutazione sulla eventuale mansione a rischio in caso di gravidanza deve essere, in ogni azienda, preventivamente valutata e l’esito di tale valutazione deve essere riportata nel documento di valutazione dei rischi che ogni azienda deve aver redatto.
Consiglio a sua moglie di comunicare lo stato di gravidanza al suo datore di lavoro che, ove la mansione dovesse essere stata valutata a rischio, avrebbe l’obbligo di comunicare ciò alla direzione provinciale del lavoro per porre sua moglie in astensione anticipata per mansione a rischio.
In ogni caso sua moglie stessa può richiedere astensione anticipata alla direzione provinciale del lavoro che, dopo le necessarie valutazioni, accetterà o meno la richiesta.
Cordiali saluti

Dr. Domenico Spinoso
Medico del Lavoro

[#2]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno dottore.
Da quello che sappiamo le parrucchiere possono richiedere di stare a casa in maternità fin da subito, per questo le chiedavamo se ci fosse un livello di rischio elevato.
Sarebbe intenzione di mia moglie andare a lavorare ancora un po' di mesi, in maniera da poter usufruire di un maggior periodo di maternità dopo il parto. Secondo lei sarebbe una cosa ragionevole?
Grazie
[#3]
Dr. Domenico Spinoso Medico del lavoro 664 80 11
Gentile utente,
l'entità del rischio, soprattutto quello chimico, dipende da vari fattori che possono essere diversi nelle diverse realtà lavorative. Il rischio può essere più o meno importante in base al tipo di prodotti utilizzati, alla loro quantità, alla tipologia dei locali dove vengono effettuate le miscele (se è più o meno aereato, se è presente o no aspirazione, se è più o meno ampio, se più operatori lavorano contemporaneamente, ecc.).
Come le dicevo nella mia precedente risposta, se il documento di valutazione dei rischi aziendale lo prevede, la dipendente non può continuare a lavorare e deve essere posta in astensione anticipata.
Pur con tutti i limiti del consulto a distanza e non conoscendo a fondo le caratteristiche dei locali, delle modalità di lavoro e dei prodotti utilizzati nel lavoro di sua moglie, ritengo che la mansione di parrucchiera, salvo la possibilità di adottare importanti limitazioni e prescrizioni, non sia compatibile con lo stato di gravidanza e con il periodo dell'allattamento.
Cordiali saluti

Dr. Domenico Spinoso
Medico del Lavoro

[#4]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno dottore.
Quando sono rimaste incinta le.altre due sue colleghe, da quello che so, avevano la facoltà, ma non l'obbligo di rimanere a casa fin da subito. Comunque non hanno un medico del lavoro, per quello avevamo molti dubbi.
Grazie mille per il consulto e buona Pasqua!

Gravidanza: test, esami, calcolo delle settimane, disturbi, rischi, alimentazione, cambiamenti del corpo. Tutto quello che bisogna sapere sui mesi di gestazione.

Leggi tutto

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio