Utente 179XXX
Gentilissimi Dottori,
4 mesi fa, per dolori all’addome superiore destro, mi sono sottoposto a ecografia: tutto è risultato nella norma, tranne che per un leggerissimo ingrossamento del fegato, che non era preoccupante secondo l’ecografista. Questi mi ha fatto poi un’ecografia dei muscoli addominali, rilevando piccole distrazioni parcellari multiple del muscolo retto dell’addome, alle quali ha attribuito il mio dolore.
Mi sono rivolto quindi ad un ortopedico, che mi ha praticato 20 sedute di tecarterapia e di laserterapia. Inoltre per 30 giorni sono stato a riposo dall’attività sportiva (pratico nuoto non agonistico) e attento a usare il meno possibile gli addominali, anche in gesti quotidiani come l’alzarsi dal letto. Purtroppo il dolore non è passato, e in particolare si manifesta quando, stando in piedi con i muscoli addominali rilassati, do con la mano dei “colpetti” all’addome, subito al lato destro della bocca dello stomaco, e immediatamente al di sotto dell’ultima costa. Stranamente, invece, non avverto dolore effettuando gli esercizi per gli addominali (crunch).
A questo punto vi chiedo:

1) Può trattarsi di un problema a qualche organo interno, non rilevato dall’ecografista? (preciso che non ho altra sintomatologia)

2) Qualora invece il dolore sia effettivamente dovuto alla lesione muscolare, il suo permanere, e quindi il permanere di uno stato infiammatorio del muscolo retto dell’addome, può portare a qualcosa di preoccupante, o posso convivere con questo fastidio?

Vi ringrazio infinitamente per la vostra eventuale risposta.

[#1] dopo  
Dr. Pasquale Bergamo

36% attività
4% attualità
12% socialità
SCALEA (CS)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2010
Salve. Volevo riportare alcuni concetti basilari di fisiopatologia sulle lesioni muscolari. Universalmente la lesione di un muscolo volontario è secondaria ad uno sforzo o ad una iperelongazione che ha prodotto il superamento del punto massimo di resistenza.
Per "capire" lo stato di sofferenza di un muscolo, che si teme essere lesionato, in genere si fanno eseguire degli esercizi per ottenere una contrazione valida.
Se lei non ricorda che a seguito di uno sforzo abbia avuto un improvviso fastidio a quel livello e addirittura afferma che nel praticare degli esercizi che impegnano i muscoli addominali non avverte alcunchè, credo siano condizioni che possano escludere che attualmente i suddetti muscoli siano affetti da una lesione muscolare.
Provi a riprendere cautamente a nuotare e mi faccia sapere.
dr Pasquale Bergamo

[#2] dopo  
Utente 179XXX

Egregio Dott. Bergamo,
Le sono infinitamente grato per la Sua risposta, che fra l'altro non fa che confermare i miei sospetti, ovvero che il dolore che avverto non sia dovuto ad una lesione muscolare. Infatti, come ho già detto e come Lei ha sottolineato, non avverto affatto dolore quando svolgo gli esercizi per gli addominali. Invece, stando in piedi, e mantenendo gli addominali completamente rilassati, se do con la mano dei colpetti, neanche tanto forti, a livello della bocca dello stomaco e subito ai lati di questa (specialmente a destra), avverto un dolore abbastanza forte. La situazione peggiora qualche ora dopo un pasto particolarmente abbondante. Alla luce di ciò mi permetto di porLe queste due domande:

1) A Suo giudizio si tratta di un qualcosa di pertinenza gastroenterologica? Se sì, mi devo preoccupare, e quindi devo rivolgermi ad un gastroenterologo, oppure posso convivere col fastidio, che peraltro ho da circa un anno?

2) E' possibile che le piccole lesioni trovate dall'ecografista siano asintomatiche? Il risultato preciso dell'Eco muscolo-tendinea è il seguente:
"Al terzo medio-superiore del muscolo retto addominale destro, in sede di irregolarità clinica, si evidenziano aree di alterazioni strutturali di diamentro massimo di 3-6 mm, ove si rilevano fibre muscolari inspessite ed ipoecogene. Il reperto è significativo di distrazioni muscolari parcellari multiple di primo grado."

Grazie in anticipo per la Sua eventuale risposta.

[#3] dopo  
Dr. Pasquale Bergamo

36% attività
4% attualità
12% socialità
SCALEA (CS)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2010
Penso proprio che debba farsi visitare da un gastroenterologo. La saluto e mi ricontatti dopo la visita.
dr Pasquale Bergamo