Utente cancellato
Salve,
3 settimane fa mi sono infortunato al ginocchio giocando a calcetto: io stavo tirando e sono stato spinto, cadendo devo aver fatto qualche movimento strano con la gamba ed ho sentito subito dolore. Sono stato a riposo con ghiaccio e argilla 1 settimana per far sgonfiare. Il ginocchio è già stato operato due volte: la prima nel 2000 al legamento crociato anteriore, mentre la seconda nel 2005 al menisco. Per ora sono in attesa di fare una visita da uno specialista, ma vorrei sapere se dovrò sottopormi ad una nuova operazione o se sarò sufficiente un po' di fisioterapia e più o meno i tempi per il recupero. Questo è l'esito della risonanza magnetica:

Presente sottile falda liquida nei recessi paracondilari e sovrarotuleo.
Menisco laterale piccolo in esiti di meniscectomia selettiva e il residuo meniscale è un po' disomogeneo per note degenerative.
Esiti di intervento di ricostruzione del ligamento crociato anteriore con tunnel osseo femoro tibiale; il neo ligamento è un po' sinuoso, iperintenso al terzo medio per trauma distrattivo recente.
Evidente lesione traumatica recente con edema ed iperemia allo spigolo posteriore del piatto tibiale esterno al condilo femorale esterno in piani medi.
Nei limiti il menisco mediale, il tendine rotuleo, il ligamento crociato posteriore e i collaterali.
Rotula in sede. Cartilagini femororotulee non apprezzabilmente alterate.

Grazie

[#1]  
Dr. Ruggiero Calabrese

32% attività
0% attualità
0% socialità
CAVALLINO (LE)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2003
In rapporto al referto non si evincono lesioni post-traumatiche di sicuro interesse chirurgico è tuttavia necessaria una valutazzione obiettiva funzionale specialistica ortopedica al fine di escludere eventuale lassità del legamento crociato anteriore.

Dott.Ruggiero Calabrese
sito Istituto: www.xraycalabrese.it
DOTT. Ruggiero Calabrese
www.xraycalabrese.it

[#2]  
Dr. Carlo Benedetto De Palo

24% attività
0% attualità
16% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2000
Gent. Utente,
sono del parere anche di una buona riduzione di peso corporeo che potrà giovare ai carichi all'apparato osteoarticolare del ginocchio.
Cordiali saluti
Carlo Dr. De Palo