Utente 129XXX
Buongiorno, inanzitutto ringrazio anticipatamente per il consulto che vorrete offrirmi. Soffro da anni di endometriosi che, nonostante un intervento chirurgico e anni di terapia ormonale, non tende a migliorare anzi i dolori sono continui e quest'inverno ho avuto delle complicazioni che mi hanno portato ad una salpingite e ad una proctite ulcerosa. Purtroppo a causa di questa malattia non ho potuto avere figli con conseguenze psicologiche che vi lascio immaginare...
Oggi vorrei presentare una domanda di invalidità civile, e vorrei sapere come muovermi visto che la malattia al momento non è classificata tra quelle previste dalla legge competente.
Visto che sono anche affetta da un lieve prolasso della valvola mitrale, per entrambi i lembi, e da lieve insufficienza cardiaca per la quale devo seguire una terapia con betabloccante, chiedo se posso provare ad includere anche questa patologia nella mia domanda per arrivare, se fosse possibile al 46%.
Grazie ancora per l'attenzione
Grazia

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

Purtroppo, il fatto che l'endometriosi sia stato un ostacolo alla gravidanza, non ha rilevanza in fatto di invalidità civile.
Quanto alla valvulopatia alla voce 6441 "miocardiopatie o valvulopatia con insufficienza cardiaca lieve (I classe NYHA) il punteggio tabellato va dal 21% al 30%.
Bisogna vedere se la sua valvulopatia rientra in questo range.

Nella domanda di invalidità, certamente può citare tutte le patologie di cui soffre, sia l'endometriosi che la valvulopatia perché la Commissione farà una valutazione complessiva della sua situazione clinica.
Personalmente sono scettico sul raggiungimento del 46%.

In ogni caso, vorrei chiederle quale beneficio si aspetta, ammesso che le riconoscano una invalidità del 46%.
Tale grado minimo consente l'iscrizione al collocamento protetto presso i Centri per l’impiego, se disoccupati, in mobilità, con contratto interinale. Se si intende essere collocati al lavoro, occorre specifica valutazione ai sensi della L. 68/99.
E' questo che vorrebbe?

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Utente 129XXX

Gentile Dott. Corcelli,

grazie per la sua risposta.
Come insegnante precaria l'invalidità civile ai sensi della L. 68/99 mi garantirebbe un posto come riservista in graduatoriea e quindi più possibilità di ottenere finalmente il ruolo.
Ovviamente solo se la mia patologia me ne desse il diritto... mi sono permessa di porre questo quesito in quanto una mia amica, purtroppo con la stessa patologia, anche se è riuscita ad avere figli, ha ottenuto il 36% di invalidità.
Le assicuro che questa malattia è estremamente invalidante anche se ancora non riconosciuta come tale, solo chi ne soffre può capirlo. La valvupatia, anche se non grave, mi costringe comunque a continui controlli e riesco a tenerla sotto controllo solo con una continua terapia.
Sinceramente non conosco la procedura per ottenere tali benefici, ho voluto "approfittare" della vostra gentilezza proprio per rendermi conto se era il caso di iniziare una serie di procedure burocratiche per poi non arrivare a nulla... se vorrà darmi un consiglio gliene sarei davvero grata.
Cordiali saluti e grazie per il servizio che ci offrite.

[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

nel fare la domanda all'ASL per il riconoscimento di invalidità civile, deve anche chiedere la valutazione specifica ai sensi della legge 68/99.
Come insegnante precaria, raggiungere il grado minimo di invalidità certamente può risultarle utile.

La sua ASL di residenza ha già tutti i moduli predisposti per la domanda, alla quale dovrà allegare la documentazione medica.
In particolare, per la sua cardiopatia, si faccia indicare dal suo cardiologo a quale classe NYHA appartiene.

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#4] dopo  
Utente 129XXX

Gentile Dott. Corcelli,

grazie per i consigli, mi recherò sicuramente dal mio ginecologo e dal mio cardiologo per avere informazioni su quale documentazione medica dovrò portare, credo che gli esiti delle ecografia (ecocuore ed eco addominale) e l'esito dell'intervento saranno sufficienti.
Ho anche qualche punto già riconosciuto per problemi alla rachide cervicale a causa di un incidente... certo sembra quasi una raccolta punti...
Ma tentar non nuoce.
Grazie ancora e buon lavoro.
Cordiali saluti