Utente 255XXX
Gentile dottore,
vorrei sapere quale sarebbe l'eventuale percentuale di invalidità che potrebbe essermi riconosciuta con le seguenti patologie:
agenesia renale, duplicità delle vie uretrali, tiroidite di hascimoto con ipotiroidismo, fibromialgia. Inoltre recentemente mi sono state diagnosticate crisi epilettiche plurisettimanali, che secondo il mio medico (neurologo ed epilettologo) potrebbero essere parziali con generalizzazione secondaria.
Fino ad ora l'invalidità mi era sempre stata negata col solo problema del rene e della tiroidite, ora vorrei sapere se anche stavolta potrebbe succedere lo stesso o se invece mi spetta avere l'ivalidità e a quanto ammonterebbe.
In attesa di una sua risposta, la saluto cordialmente.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
20% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
A mio parere potrebbe raggiungere almeno il 50%. Dipende molto dalla certificazione per la fibromialgia e dalla patologia neurologica (epilessia) e dalla periodicità delle crisi che risultano certificate dal suo neurologo (di struttura pubblica). Le faccio presente che in presenza di crisi epilettiche periodiche non potrà guidare la macchina per almeno 1 anno dall'ultima crisi. La commissione invalidi segnalerà la patologia alla Motorizzazione Civile per una revisione d'ufficio della patente.

Cordiali saluti
Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona

[#2] dopo  
Utente 255XXX

La ringrazio Dottore per la sua risposta.
io sono in possesso dlla documentazione riguardo la fibromialgia da parte di due diversi reumatologi di due strutture pubbliche, come pure della documentazione per l'epilessia che come le ho già detto compare con crisi plurisettimanali.
Mi sembra comunque che con il 50% non sia possibile avere l'assegno di invalidità! Quindi lei mi dice che con tutte le mie patologie non mi verrebbe comunque riconosciuto il diritto alla pensione di invalidità?
In attesa di una sua risposta la saluto cordialmente.