Utente 567XXX
Buongiorno, come da titolo un mese fa ho fatto visita per aggravamento d'invalidità civile.
Avendo io dal 2009 ottenuto un 46% con asma bronchiale (intrinseca)ed oculorinite in soggetto poli sensibilizzato ad acari e pollini. Dermatite da contatto. Bav di primo grado. Ipoacusia recettiva maggiore a sinistra che allora non portavo protesi acustiche.
In seguito a peggioramento ho dovuto protesizzare il destro perché il sinistro nonostante i scarsi residui uditivi non permette protesizzazione se non con metodo by cros.
Quindi ora l anamnesi e asma bronchiale e oculorinite in soggetto polisenibilizzato ad acari e pollini, dermatite da contatto, bav di primo grado, ipoacusia bilaterale con scarsi residui uditivi a sinistra da forma distrofica della capsula ottica di tipo osteosclerotico, osteoporosi da corticosteroidi, cedimenti vertebrali D8 con riduzione di ampiezza dello spazio discale D8/D , sospetta osteogenesi imperfetta.
Esito della visita mi hanno dato 4 punti in più ossia il 50% d'invalidità, premesso che prima nel verbale del 2009 avevo riconosciute ben tre patologie con sistema ICD 10 ossia Asma intrinseca, BAV di primo grado e L'ipoacusia; ora invece hanno usato sistema ICD 09 e hanno contemplato nel verbale solo asma e ipoacusia.
Premesso che so che senza poter visionare tutta la documentazione è difficile dare una risposta specifica, mi chiedevo se sia normale nonostante l'aggravarsi delle patologie e l'aggiungersi di altre aggravanti, un punteggio così ridotto e inoltre come mai possono aver tolto il blocco atrio ventricolare, pur io avendocelo ancora???
Grazie se mi farete un po di chiarezza.
Saluti

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

se ben ricorda Le avevo risposto in passato, facendo presente che nel caso di istanza di aggravamento la condizione di invalidità del richiedente, e quindi la percentuale di riduzione della capacità lavorativa, viene rivalutata alla luce dello stato clinico corrente.
La nomenclatura ICD (versione 9 o 10) inoltre non è rilevante ai fini delle percentuali assegnate.

https://www.medicitalia.it/consulti/Medicina-legale-e-delle-assicurazioni/293941/Posso-ottenere-un-increnento-del-punteggio-d-invalidita

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 567XXX

Grazie della risposta, ma possono togliermi una patologia come il blocco avere nonostante io tale patologia c'è l'abbia inalterata nel tempo e ad aver inoltre una dilatazione all'aorta? ?? Non capisco perché non l'abbiano più calcolata ne riportata nel verbale...Grazie

[#3] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

come già avevo sottolineato, per le patologie in questione non risulta specificamente l'inserimento tabellare nell'allegato al D.M. 5 febbraio 1992, che disciplina l'argomento, e quindi esse possono essere valutate dalla Commissione con il criterio dell'analogia ad infermità simili, per natura e gravità, che sono riportate nelle tabelle.
Tale criterio lascia grande discrezionalità ai valutatori, che ove valutassero la menomazione di tali infermità inferiore al 10%, non ne terrebbero conto nella percentuale complessiva.

Ancora Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#4] dopo  
Utente 567XXX

Grazie ancora, quindi mi conviene tenermi quel che mi hanno dato. Visto che con le menomazioni respiratorie , uditive e osteoarticolari nessuno mi vuole assumere nemmeno come categoria 68/99 posso aver qualche possibilità con la legge222/84? Buona giornata

[#5] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,
la legge 222/84 riguarda gli assicurati INPS con determinati requisiti contributivi, che presentino permanente riduzione della capacità lavorativa in occupazioni confacenti alle attitudini a meno di un terzo.
Ne consegue che l'accoglimento dell'istanza dipende:
- dalle annualità di contributi versati
- dalle caratteristiche delle occupazioni confacenti alle attitudini dell'assicirato
- dalle menomazioni, che devono limitare tali occupazioni a meno di un terzo rispetto alla totale abilità

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]