Nel pomeriggio abbiamo deciso di portarla in pronto soccorso, dopo averle fatto gli analisi di

Egr.Dott. a mia suocera è successo che dopo una notte passata con un forte mal di testa strano, la mattina abbiamo chiamato il medico di guardia e misurandole la pressione l'ha trovata molto alta, e secondo lui il mal di testa era dovuto proprio alla pressione alta, a questo si univa vomito e diarrea, le ha dato solo una pasticca per farle diminuire la pressione. Nel pomeriggio abbiamo deciso di portarla in pronto soccorso, dopo averle fatto gli analisi di routine, visto che il forte mal di testa non diminuiva, le hanno fatto una tac e li' è risultata un'emorragia cerebrale, e cosi' è stata trasportata in un reparto di neuro chirurgia. Le scrivo il risultato della tac (senza contrasto). "A dx si documentano multiple raccolte iperdense di tipo ematico intraparenchimali, prevalentemente nel polo temporale anteriore e nella scissura silviana, con interessamento anche degli spazi liquorali sub-aracnoidei omolaterali. La raccolta principale presenta ipodensità peri-lesionale da edema e provoca effetto massa sul ventricolo laterale dx, con spostamento della linea mediana verso sinistra. Nulla da segnalare in fossa cranica posteriore." Ora è ricoverata in ospedale, fino a stamattina era in stato soporoso, lei ha gli occhi chiusi, muove tutti gli arti, se le domandi qualcosa risponde, ad esempio come ti chiami, chi sono io, ma non sente e non reagisce ai nostri discorsi, ed è molto agitata, come se ha delle smanie. Vorrei sapere su cosa significa la tac e a cosa andiamo incontro, visto che per i medici è ancora in pericolo di vita. La ringrazio. La Signora ha 75 anni e non ha mai avuto nè problemi di cuore, ne di pressione.
[#1]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Gentile signora,
senza vedere le immagini è un po' arduo esprimere giudizi. Si può solo intuire che sia necessario fare una diagnosi attraverso una angio-TC o angio-NMR per escludere malformazioni come causa del sanguinamento.
Non so dirLe poi se,vista la significativa compressione sulle strutture mediane encefaliche, sia comunque necessario intervenire e quindi decidere di accelerare le indagini radiologiche.
La signora è ricoverata in un reparto neurochirurgico, quindi in ambiente idoneo.

Cordiali saluti e auguri.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio