Utente
Salve,
chiedo un vostro consulto in merito a un mal di schiena che ho da circa 3 mesi. Il mal di schiena purtroppo me lo provocai in palestra dopo aver sostenuto un esercizio sbagliato di sollevamento pesi. Il risultato fu un mal di schiena alla zona lombo-sacrale che gradualmente si è accentuato sempre più. Per essere più preciso quando mi piego con il busto in avanti, come se volessi prendere qualcosa per terra, e ritornando nella posizione eretta, sento un dolore, non proprio forte, ma fastidioso, come un forte affaticamento, tipo come se sollevassi 100 kg in un colpo, esattamente alla zona bassa della schiena. Quando mi alzo la mattina, il fastidio è maggiore, mentre, mettendomi mano mano in moto durante il giorno, diciamo che il fastidio-dolore si placa. Sono andato dal mio medico di fiducia, il quale mi ha fatto sostenere una RX alla zona lombo-sacrale, ma dalla radiografia è uscito tutto a posto. Tornando dal mio medico mi ha consigliato di stare quanto più possibile a riposo e di non fare sforzi per almeno 2 mesi, dicendomi che probabilmente si tratta di una forte infiammazione o lesione che dovrebbe risolversi da sola. Ho fatto molti massaggi alla zona interessata con Voltaren emulgel, che in pratica mi porta solo un leggerissimo sollievo e nient'altro. Un buon sollievo ce l'ho soltanto quando vado a camminare all'aria aperta (passeggiata veloce). Diciamo che fino ad ora è l'unico rimedio un pò più efficiente, ma che comunque non risolve il problema. Anzi... ultimamente quando faccio un movimento di piegamento in avanti e ritorno nella posizione eretta il fastidio è come se si propagasse anche al centro della testa (più o meno nella zona centrale del cranio), come se i nervi o muscoli dalla schiena, propagassero il fastidio di sforzo fino a quella zona lì. Ora mi chiedo, siccome sono un pò preoccupato, cosa può essere? Mi devo preoccupare realmente? Perchè mi prende anche alla testa? Come posso risolve questo problema molto fastidioso? Possibile che una lesione o infiammazione o contrattura non si risolva più con del riposo e dei messaggi con voltaren alla zona dolorosa? Grazie in anticipo. Un saluto.

[#1]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile ragazzo,
a distanza non è possibile ipotizzare alcuna diagnosi, però se qualcuno accenna a una <lesione> o <infiammazione>, dovrebbe anche dire che tipo di lesione, in quale sede e quale processo infiammatorio e perchè si è instaurato e dove.
I due termini non sono da sottovalutare poichè hanno un loro proprio significato specifico e possono riferirsi a patologie di estrema importanza.
Non credo nel Suo caso si debba ipotizzare una patologia seria, ma le parole, in medicina soprattutto, vanno ben soppesate.

Detto questo, l'ipotesi è che si sia trattato di una contrattura muscolare dolorosa e/o di una iniziale protrusione di un disco lombare.
Escludendo, seppur nei limiti della consulenza a distanza, un attuale interesse neurochirurgico, Le consiglierei di consultare un medico Fisiatra perchè presuppongo che un buon ciclo di fisiokinesi terapia possa essere efficace.

Disponibile per eventuali ulteriori chiarimenti, invio cordiali saluti
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dott. Migliaccio, innanzitutto la ringrazio per la sua risposta.
In effetti nel mio caso, diciamo che il medico di base è stato un pò superficiale ed io infatti do assoluta ragione a lei.
Nè approfitto ancora della sua bontà per chiederle: posso fare qualche altro esame, oltre alla RX, per chiarificare meglio cosa ho nello specifico?
Lei crede, quante fisiokinesi mi servirebbero per togliere questo fastidio? Potrebbe essere utile anche il nuoto-piscina?

Grazie in anticipo.

Saluti sinceri.

Arturo.

[#3]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Proprio per rispondere alle Sue domande che L'ho invitata a consultare direttamente un Fisiatra ( o se vuole un neurochirurgo), visto che io, senza visitarLa, non posso pronunciarmi su terapie e indagini da eseguire.

Cordialmente
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#4] dopo  
Utente
Gentile Dottore, dopo circa 2 mesi abbondanti dal suo consulto e consiglio on-line, sono ancora qui a soffrire con questo mal di schiena. Ho effettuato una visita fisiatrica con rispettive terapie di fisiokinesi ma il mal di schiena è ritornato dopo un pò. A dire la verità sono stato un pò meglio, ma solo per qualche settimana, senza fare sforzi eccessivi o movimenti bruschi. Quando è ritornato (circa un mese fa) sono andato dal mio medico di base, il quale mi ha dato per 4 gg. Brufen 800 mg., che mi ha almeno calmato il dolore e mi ha espressamente consigliato di fare una Tac lombo-sacrale. Per farla breve, ecco a Lei il referto, e spero che mi possa dare qualche buon consiglio a riguardo (perchè non ce la faccio più con questo fastidio!). Grazie in anticipo.
Normale ampiezza del canale spinale osseo nel tratto esaminato. A livello del disco intersomatico L5-S1 si apprezza una sporgenza focale del contorno postero-laterale sinistro del disco intersomatico, associata a produzione osteofitaria in corrispondenza del profilo postero-laterale sinistro del margine sacrale superiore. Ne derivano fenomeni compressivi a carico della faccia anteriore del sacco durale. Normale morfodensitometria dei restanti dischi intersomatici in assenza di immagini da riferire ad ernie o protrusioni discali.

[#5]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Egr. signore,
è possibile che quanto evidenziato alla RM a livello L5-S1 possa avere un ruolo nei Suoi sintomi , ma per accertarlo è necesario l'esame clinico specialistico.

Cordialmente
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano