Utente 209XXX
Salve... Ho 22 anni ed ho chiesto qualche tempo fa un consulto per dei presunti dolori cervicali.
Premetto che sono una ragazza sana e sportiva, anche se, ed è necessario dirlo, da un po' di tempo a questa parte leggermente ipocondriaca.
Mesi fa ho sofferto di queste parestesie facciali al lato sinistro e sono andata al pronto soccorso spaventata. Mi è stata eseguita una tac con contrasto, da cui non è risultato nulla, anche se il problema è comunque persistito per vario tempo.
Era molto che le parestesie non si manifestavano nuovamente ed è accaduto proprio oggi (questa sera, per la precisione).
Percepisco un formicolio diffuso sulla guancia e sul mento, accompagnato da un senso di calore e da una specie di pressione sull'orecchio. Quando muovo i muscoli li sento come gonfi, pesanti. L'occhio mi lacrima un po' e avverto una sensazione simile a quando ci entra qualcosa dentro,nell'angolo esterno.
Non so se sia suggestione o meno, ma mi pare che tali disturbi siano collegati all'uso prolungato del computer... però potrebbe essere solo un'impressione.
Poco fa ho fatto degli esercizi per il rilassamento cervicale e sono stata decisamente meglio.
Mi chiedo: può la cervicale comportare questo? Nel senso: mi fu diagnosticata una certa rigidità cervicale, tuttavia nulla di drammatico. Non conosco nessuno con i miei stessi sintomi, a questa età.
Da quando un ragazzo che conoscevo è morto per aneurisma cerebrale e dopo che ho scoperto di avere diversi casi (bisnonni) di tumori cerebrali in famiglia, ho iniziato a preoccuparmi.
Certo, non passo tutte le giornate a disperarmi, ma quando arriva il dolore l'angoscia mi impedisce di fare qualsiasi cosa.
Non so... essendomi già sottoposta a una tac alla testa con contrasto posso stare tranquilla?
Grazie mille dell'aiuto e del prezioso servizio che offrite.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

con tutti i limiti del consulto on line, mi sentirei di tranquillizzarLa ma se il sintomo dovesse persistere sarebbe opportuno farlo valutare ad un neurologo magari con un approfondimento mediante RM se lo specialista lo riterrà utile.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 209XXX

Grazie mille della disponibilità.
Vedrò il da farsi, anche se pure oggi il dolore è tornato puntuale.
La mattina quando mi sveglio sto benissimo, ma col passare del tempo peggiora fino a diventare poco sopportabile.
Sentirò nuovamente il medico di famiglia, anche perchè questa storia mi impedisce di concentrarmi per l'università e sta diventando abbastanza invalidante.

Saluti!

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

se vuole potrà farmi sapere l'esito.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 209XXX

salve, sentendo il mio medico di famiglia si ipotizza sia una forma di nevralgia del trigemino, sia un problema relativo ai denti. dovremo vedere.
comunque, in settimana, farò una Risonanza magnetica per stare più tranquilla.
da un po' i fastidi si sono spostati alternativamente anche all'altra guancia (la dx) ed è sopraggiunta un po' di nausea, calore intenso al viso e senso di "orecchio chiuso". adesso ho dei formicolii "in giro" per la testa.
sono davvero ansiosa di togliermi la paura attraverso gli accertamenti.

saluti!

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

ok, mi faccia sapere l'esito della RM encefalica.

Buonanotte
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 209XXX

salve dottore!
Ho effettuato da poco la RM encefalica con contrasto ed è risultato tutto a posto, anche se talvolta le parestesie tornano a farsi vive.
Avere, tuttavia, la certezza che in testa non ci sono problemi mi ha tolto un enorme peso dalle spalle!
A questo punto stiamo indagando sia in direzione dentaria, sia nei confronti del trigemino; vedremo quel che succederà.
La ringrazio moltissimo per l'interessamento!


[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

mi fa piacere che la RM encefalica sia negativa, sinceramente me lo aspettavo.
Se vuole può farmi sapere l'esito delle altre visite.

Buona domenica
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 209XXX

Salve dottore!
Mi scuso per la lunga attesa, ma ho aspettato un po' di tempo per vedere come andavano le cose.
Verso novembre ho iniziato una cura antibiotica e degli integratori per il trigemino.
La cosa è rientrata, non avevo quasi mai più fastidi né dolori, forse qualche sporadico ed impercettibile formicolio.
Nel frattempo (primi di gennaio) mi sono operata per un'apicectomia ad un molare superiore sinistro: il dentista ha trovato un'infezione delle dimensioni di un cece (scusi, ma non saprei come descriverglielo altrimenti) che è stata asportata con successo.
Adesso, da qualche giorno, i fastidi sono tornati.
Senso di calore, di insensibilità, di tensione al margine dell'occhio, fino a dietro la testa.
Ovviamente non sono più allarmata come un tempo, avendo svolto la Rm con contrasto e la Tac diverso tempo fa.
Mi domandavo soltanto una cosa: è possibile che sia il trigemino e che nonostante la cura abbia ricominciato a dare problemi? Cioè: è un problema recidivo?
Altrimenti? Soffro di cervicale e sto molto al computer.
Non saprei cosa altro pensare.

Grazie mille per la sua continua disponibilità.

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

sul trigemino avrei dei dubbi in quanto non risponde agli antibiotici e ad integratori vari.
Problemi di postura sono possibili così come problemi di tipo odontoiatrico, senza escludere del tutto risvolti psicosomatici.
Come vede il ventaglio delle possibilità è vasto, Ne parli col medico curante.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile paziente, mi incuriosirebbe sapere se le risulta di aver qualche problema, piccolo o grande, all'orecchio dello stesso lato delle parestesie : dolore, prurito, tappamento, vertigine, acufeni, e all'Articolazione Temporo Mandibolare , sempre dello stesso lato ( Immagino che anche la parestesia si presenti sempre dallo stesso lato) .
Che tipo di "problemi ai denti" ha ipotizzato il suo medico? Come é stao approfondito?
La ringrazio, cordiali saluti ed auguri .

Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#11] dopo  
Utente 209XXX

Salve dottore!
Ho scritto anche qualcosa in odontoiatria, ma sono contenta che si interessi al "problema" e altrettanto contenta di spiegarle meglio la situazione.
Spesso avverto l'orecchio "caldo", bollente, e sovente chiuso. Acufeni ne ho sempre percepiti, quindi non mi sono mai concentrata sulla loro provenienza (entrambe le orecchie? una soltanto? in determinate situazioni? ecc), presterò maggiore attenzione. Ho vertigini spesso, a dire la verità.
Per quello che riguarda il dolore all'articolazione temporomandibolare, ogni tanto ho un forte fastidio a DESTRA nell'aprire la bocca, e una tensione quando la tengo a riposo. E' un problema che si presenta ogni tanto, dopo momenti di stress, ecc.
Dal lato SINISTRO (quello delle parestesie e tutti i sintomi descritti da lei e sopra, per intendersi), ogni volta che faccio "slittare" la mandibola in avanti avverto un dolore, una puntura, una forte fitta sotto l'orecchio. Ed è una cosa usuale, accade sempre.
Mi capita sovente di sentire degli schiocchi aprendo e chiudendo la bocca, specialmente appena sveglia.
Ancora devo tornare dal mio odontoiatra per una valutazione specifica in merito, ma ha comunque constatato che il mio morso è "storto" ed i dolori che avverto sono probabilmente di origine mandibolare. Ho portato l'apparecchio fino a 16 anni, avendo sempre avuto il morso molto stretto; tutt'ora l'arcata dentale superiore è vistosamente "più sporgente" di quella inferiore.
Gli atri accertamenti (e rimedi) che ho intrapreso non hanno sortito effetti (antibiotici, Rm, Tac, ecc).

La ringrazio nuovamente, mi faccia sapere.
Tanti saluti.