Utente
Buongiorno. Volevo un consulto su sospetta nevralgia trigeminale sx. Iniziata 3 anni fa con un mal di denti (che mi ha portato alla devitalizzazione del dente), avevo periodicamente (ogni 4-6 mesi)dolori alla guancia, sopportabili con antinfiammatori. I dolori si sono fatti sempre più acuti e frequenti e dopo visita da 1 otorino, 2 esperti maxillofacciali che hanno escluso (dopo esami TAC e DENTASCAN) problemi ai denti, ed 1 neurologo, è stata sospettata nevralgia trigeminale al 2° ramo. dal 22 dicembre mi è venuta una nuova crisi molto più forte delle precedenti che per la prima volta mi ha causato anche forti dolori sotto al mento. Esternamente, al tatto, non provo dolore però ho i denti ipersensibili e il dolore più acuto è quando bevo o mastico cose molto calde o molto fredde (mi parte una fitta dolorosissima, come se avessi i denti scoperti) Altrimenti ho un dolore persistente di base che con i semplici antinfiammatori non passa. Sto prendendo carbamazepina (200 g al giorno)da 20 giorni su prescrizione del medico di base,in attesa di ulteriore consulto neurologico e mi da sollievo. Ho già fatto RMN con esito negativo, settimana prossima la ripeto con mezzo di contrasto. Ci sono giorni in cui il dolore sembra quasi scomparire, ma appena diminuisco il farmaco o prendo un colpo di freddo o d'aria il dolore torna fortissimo. Cosa posso fare? E' corretta la diagnosi fino ad ora fatta? Grazie in anticipo

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Cara utente di Novara,
in base alla descrizione che lei fa dei suoi sintomi mi permetto di dubitare fortemente che si tratti di nevralgia del trigemino in quanto lei ha un dolore di base persistente mentre questo tipo di nevralgia da un dolore acutissimo come una fitta o stilettata della durata di qualche secondo per poi scomparire e così può ripresentarsi più volte in un giorno e per periodi più o meno lunghi. Opterei per un altro tipo di nevralgia. Ma siccome lei risponde bene alla carbamazepina,per giunta a basse dosi,e gli esami strumentali hanno dato esito negativo, le consiglio di continuare con l'attuale farmaco per lungo tempo, per es. un mese ancora e poi diminuire a 100 mg al giorno per 15 giorni e infine a 50 mg per ulteriori 15 giorni e poi sospenderlo.
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dr. Ferraloro, innanzi tutto la ringrazio infinitamente per la sua cortesia. Che tipo di nevralgia potrebbe essere? Quale la causa? Effettivamente il dolore è sempre molto forte, e sono praticamente 2 mesi che non molla, diventando in alcuni momenti quasi insopportabile. Tra 10 giorni ho un appuntamento all'Ist. Besta di Milano (per me il più vicino) dove sono specializzati nelle cefalee e nevralgie facciali. Crede sia una buona strada da seguire o mi consiglia altre possibili alternative? Mi rendo conto che via mail è difficile fare una diagnosi ma sto sentendo pareri contrastanti e nessuno al momento pare aver capito di cosa si tratti. Mi hanno consigliato anche l'utilizzo di un "bite" notturno per alleviare la tensione ai denti. Che ne pensa? Grazie ancora per la disponibilità.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
se lei ha già preso appuntamento al Carlo Besta le posso dire che è in ottime mani per cui le consiglio di affidarsi alle loro cure. Quale possa essere la causa, come bene dice lei, mi è impossibile senza una visita e un esame neurologico nonchè accertamnti strumentali, per cui le rinnovo il consiglio datole all'inizio. L'unica cosa che mi sentirei di scartare è proprio la nevralgia del trigemino. Mi tenga informato per ciò che le diranno al Besta.
Stia tranquilla. Saluti.
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Grazie infinite, non mancherò di aggiornarla dopo la visita.

[#5] dopo  
Utente
Gentile Dottor Ferraloro, la aggiorno sulla situazione. Ho chiesto consulto da una neurologa a Borgomanero e da uno specialista all'Ist. Besta: entrambi hanno definito la mia nevralgia una nevralgia trigeminale ATIPICA, consigliandomi d aumentare il tegretol gradualmente fino a 400 mg al dì (dose che sto attualmente prendendo da un mese...in totale lo sto prendendo da 3 mesi). Sto anche sottoponendomi all'agopuntura. Di fatto NON ho più avuto crisi forti con dolori insopportabili ma permane sempre un dolore di base all'arcata dentale superiore sx, che a volte si estende un po' a tutta la guancia. Di notte NON ho dolore e noto che migliora molto nelle giornate calde e di sole, mentre peggiora in caso di vento e umido. Di fatto però il dolore fa fatica a passare definitivamente, anche se devo dire essere sopportabile (è un come se avessi sempre un po' di mal di denti). La neurologa mi consiglia di andare avanti con tegretol (che però noto fare meno effetto rispetto ai primi tempi). Lei ha qualche ulteriore consiglio? sono un po' preoccupata dall'idea di doverci convivere..è molto fastidioso! E' il caso che faccia un nuovo controllo ai denti? Grazie infinite.

[#6]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
sono contento che il dolore si è molto attutito. Le consiglio di continuare con il Tegretol e con l'agopuntura, tecnica questa molto efficace in caso di dolore, cioè come terapia antalgica. Penso che col passare del tempo e gradualmente dovrebbe avere una remissione completa della sintomatologia. Mi tenga informato e auguri per il futuro.
Dr. Antonio Ferraloro