Utente
Salve,sono un ragazzo di 24 anni...da un anno non sono piu felice con me stesso,ho tutto (un bel lavoro,una bella famiglia e una ragazza,non mi manca niente.....)ho solo un problema con la testa,la sbatto giu e su non di continuo però...(e come se dicessi sempre si...)sono andato da neurologici, pschiatri,dicono che non si danno una spiegazione a questo fatto strano.mi potreste aiutare voi per favore???ho fatto tutte le visite possibili non ho niente,tutto apposto...solo questo maledetto vizio che non se ne va....vi ringrazio in anticipo....

[#1]  
Dr. Alex Aleksey Gukov

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
lo chiama "questo maledetto vizio"; lo vive come un "vizio" ? Questi movimenti sono controllabili dalla Sua volontà ? Se cerca di trattenersi e non farli, ci riesce ? Se sì, come si sente senza farli ? Questi movimenti sono più presenti in alcune situazioni ? Quanto tempo fa sono comparsi ? Sono sempre stati e sono gli unici problemi di salute ? Assume o assumeva i farmaci ?
Dr. Alex Aleksey Gukov


[#2] dopo  
Utente
salve,si ogni tanto li controllo certe volte mi trattengo per un paio di minuti però poi ricomincio...questo problema mi viene in tutte le circostanze..e da 3anni che ho questo problema e mai ho assunto farmaci,non fumo e non bevo,sono stato solo una volta all ospedale per un operazione al piede,credo che non centri nulla.....spero di avere una cura o una soluzione per questo....grazie mille in anticipo.

[#3]  
Dr. Alex Aleksey Gukov

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
via internet non si può fare diagnosi o prescrivere i rimedi, ma magari indirizzarLa ad uno specialista o/e ad un approfondimento corretti.
Porgo ancora alcune domande:

Fra l'intervento al piede e l'insorgenza del fenomeno c'è stata una coincidenza temporale ? Di quale tipo di intervento si trattava ? E' stato condotto sotto l'anestesia ?

Come si sente se cerca di trattenersi dal farlo più tempo del solito ? Come si sente nel momento di aver "lasciato" al proprio corpo a farlo ?

Tale fenomeno è più intenso in alcune circostanze ? Dipende dal Suo stato d'animo ? Dalla stagione ?

Fra i Suoi familiari qualcuno ha manifestato un fenomeno simile ?

Nel titolo Lei parla del "Tic". Gli specialisti che L'hanno visitato hanno confermato che si tratta del Tic ?




Dr. Alex Aleksey Gukov


[#4] dopo  
Utente
salve,prima di tutto lo posso dire che si è trattato di un operazione per una lacerazione che ho subito sotto il primo dito del piede (questo è avvenuto mentre lavoravo),cmq il vizio in quel periodo non ce l avevo.questo "vizio"mi viene sopratutto quando sono nervoso però alcune volte lo faccio anche quando sono rilassato,nessuno dei miei familiari ha questo fenomeno, e da piccolo non ho mai avuto problemi...infine gli specialisti hanno detto che non è un tiz ma un vizio involontario e quindi deve dipendere da me.

[#5]  
Dr. Alex Aleksey Gukov

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
chiedo scusa della pausa.

Nonostante i pareri espressi, dalla Sua descrizione, non posso escludere che possa trattarsi di un Tic. Inoltre, se è un vizio definito "involontario", ciò sarebbe in contraddizione con la conclusione che dipenda completamente da Lei (dalla Sua volontà). Più che un "parere alternativo" è una considerazione che mette in dubbio le conclusioni fatte. Bisognerebbe purtroppo fare un'altra visita da un neurologo.

Se si conferma l'ipotesi di Tic, esistono le cure sintomatiche, che possono essere anche efficaci, ma possono avere anche gli effetti collaterali. Dall'altra parte, il fenomeno dei Tic è correlato con l'età, e si manifesta maggiormente all'epoca adolescenziale, qualche volta, fino a o nella prima età adulta, per poi attenuarsi. Le cure sintomatiche alle quali ho accennato, potrebbero dunque richiedersi anche per un periodo limitato di anni, per controllare il sintomo. Tenendo però in considerazione la suddetta prognosi (che si ha in molti casi, benché non è garantita in ogni caso individuale), è da valutare se ricorrere a tale terapia farmacologica o di aspettare.

Importante in ogni modo individuare la diagnosi (se è un Tic o qualcos'altro), con la visita diretta, altrimenti sono discorsi in aria. Inoltre, sebbene dalla Sua descrizione è difficile capirlo, talvolta i Tic sono un sintomo di una situazione più complessa: sono spesso (ma non sempre) associati ad altri disturbi neurologici o psichici (fra i più frequenti, ad esempio, le tendenze ossessive o altri disturbi d'ansia), e sarebbe importante fare un buon esame neurologico e psichico per curare non un sintomo, ma la malattia. Dunque, eventualmente, potrebbe rendersi utile anche la visita e la cura psichiatriche.
Dr. Alex Aleksey Gukov