Utente
Buonasera. A marzo ho iniziato ad avvertire un dolore all'occhio sinistro, in particolare dietro e in prossimità della tempia. Inizialmente il dolore compariva di rado, poi è comparso per circa 10 giorni in maniera continua (mi addormentavo la sera per risvegliarmi la mattina seguente con lo stesso dolore). Ho pensato potesse derivare dal fatto che in quel periodo avessi lavorato in un laboratorio chimico e, avendo respirato per sbaglio un acido, si fosse potuta irritare la mucosa. Sono andata dal mio medico di base che mi ha diagnosticato una sinusite. Mi ha fatto fare una tac ai seni paranasali e mi ha prescritto una cura di sei siringhe di Rocefin e aerosol con Clenil e Fluibron, ma il problema non si è risolto. Intanto dalla tac è risultato: "Presenza di tessuto ipodenso, infiammatorio, che occupa totalmente il seno mascellare sinistro. Piccola pseudo-cisti mucosa nel seno mascellare destro. Lieve deviazione sinistro-convessa del setto nasale. Concha bullosa bilaterale. Modica ipertrofia dei turbinati nasali inferiori."
Con la tac, sono andata a consulto da un otorinolaringoiatra il quale mi ha prescritto una cura di Bentelan (3 giorni mattino e sera e 3 giorni solo la sera), Cerchio 1 compressa al giorno per 20 giorni, Biorinil spray nasale 2 spruzzi per narice 3 volte al giorno per 10 giorni, Sinuclean spray nasale 2 spruzzi per narice 2 volte al giorno per 10 giorni (il ciclo con gli spray nasali è stato ripetuto dopo un mese allo stesso modo).
Oggi ho fatto una seconda tac di controllo e sto aspettando di ritornare dal medico ma il dolore all'occhio è ancora presente. Inoltre nei mesi in cui ho iniziato ad avere il problema non sono mai stata raffreddata.
Temo che il dolore non sia derivante dalla sinusopatia ma dipenda da un problema neurologico, infiammazione del trigemino o altro. Potrebbe essere plausibile questa mia ipotesi? Mi conviene continuare a seguire l'otorino per risolvere il problema oppure dovrei rivolgermi anche ad un neurologo dato che ormai mi porto avanti questo problema da 6 mesi?
Grazie e attendo risposta.

Francesca

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Francesca,

se nonostante le cure per la sinusopatia il problema ancora da circa sei mesi non è risolto, Le consiglierei di rivolgersi anche al neurologo per avere un altro parere specialistico, senza tuttavia tralasciare la consulenza otorino in quanto alla TC le alterazioni sono state riscontrate. Faccia visionare la TC di controllo all'otorino.
Comunque la possibilità che possa trattarsi di un dolore di competenza neurologica è concreta.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Buonasera,
torno a scrivere poichè il 20 di questo mese ho effettuato uno svuotamento del seno mascellare per via endoscopica (a causa della presenza di un mucocele), in quanto l'otorino ha ritenuto necessario intervenire.
Vorrei sottolineare che i vari medici che ho consultato mi hanno detto che il dolore all'occhio e alla tempia sinistra, probabilmente, era generato da questa massa presente nel seno mascellare, ma vorrei anche evidenziare che l'otorino che mi ha operata mi ha anche detto che non poteva averne la certezza senza intervenire prima a livello del seno mascellare.
Due mesi fa ho effettuato anche una visita neurologica, per una mia maggiore tranquillità. Il neurologo mi ha detto anche lui che il problema era probabilmente attribuibile al seno mascellare ma che per sicurezza avrei dovuto effettuare una tac con mezzo di contrasto per essere sicuri non si trattasse di un inizio di infiammazione del trigemino (con la visita, il neurologo ha notato che, "pungendomi" l'interno dell'occhio sinistro col bordo di un fazzoletto, non avvertivo nessun fastidio diversamente da quanto avveniva con l'occhio destro).

Io ho preferito effettuare prima l'intervento otorinico. Sono trascorsi 10 giorni, respiro di nuovo bene dalla narice sinistra ma il dolore non è scomparso e, a questo punto, credo che dovrò effettuare la tac consigliatami dal neurologo.

Secondo lei, che possibilità c'è che si tratti di una nevralgia del trigemino o di una cefalea? Non mi è chiaro se c'è o meno una qualche netta differenza.

Sono molto preoccupata in quanto ho solo 27 anni, mi porto dietro il problema da quasi un anno e speravo che il tutto si risolvesse con l'intervento al seno mascellare (magari ci vuole del tempo prima che l'intervento dia i suoi frutti!!!).
Ringrazio e auguro buone feste a chi mi risponderà.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

come Lei giustamente ha ipotizzato, ancora è premauro per affermare che il dolore non era causato dal mucocele. Aspetti qualche settimana ancora.
Riguardo un'eventuale ricerca di conflitto neuro-vascolare è certamente più indicata una RM con contrasto e non una TC.
Quante possibilità ci sono di trovarci in presenza di una cefalea o di una nevralgia del trigemino non è possibile saperlo senza almeno una visita diretta, diciamo che teoricamente la possibilità è concreta, almeno per quanto riguarda una cefalea in generale. Le dico questo in base alla visita neurologica in cui lo specialista ha ipotizzato una maggiore probabilità del dolore di origine otorino, infatti dalla visita medica, nella maggioranza dei casi, non è difficile fare diagnosi di nevralgia del trigemino.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro