Utente 129XXX
Buongiorno, mia nonna a seguito di ictus ischemico ha riportato emiplegia del lato destro del corpo. A 92 anni purtroppo un percorso riabilitativo diventa arduo, anche se ci abbiamo provato. Poichè la nonna è in cura con gli anti-coagulanti( sta facendo le punture sottocutanee di Clexane) attualmente gliele stiamo facendo solo sul lato buono, alternando braccio e pancia. Ma sarebbe possibile alternare anche col lato emiplegico oppure ci sono particolari contro-indicazioni? Magari in un braccio emiplegico la circolazione o qualcos altro non sono ottimali? Ringrazio per eventuali delucidazioni

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

il farmaco può essere somministrato da entrambi i lati senza problemi, infatti l'assorbimento sottocutaneo è ugualmente valido.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 129XXX

Dottore la ringrazio per il chiarimento. Approfitto per un altro consiglio, è da circa una settimana che la nonna sta avendo reazioni di tipo allergico alle punture di Clexane, orticaria, prurito irrefrenabile su tutto il corpo, rossore sparso su addome e viso. Tutto questo capita sempre a distanza di un'ora dalla puntura. Temo che dopo un anno e mezzo di eparina possa avere sviluppato una sorta di sensibilizzazione al farmaco. In questo caso, come potremmo ovviare? Cambiamo tipo di molecola passando ad esempio dall'enoxaparina alla calciparina? Oppure è il caso di passare al Coumadin orale? E' una scelta davvero difficile anche perchè il Coumadin mi spaventa tanto per una donna anziana

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

questa è una scelta che deve fare il medico che segue la nonna, non è possibile on line consigliare farmaci. Le posso dire però che non è opportuno insistere col clexane qualora sia certa la sua responsabilità nell'insorgenza della sintomatologia riferita. Comunichi tutto al medico curante o allo specialista.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro