Risultato rmn encefalo

Salve, da sempre ho sofferto di emicrania ma, dopo la nascita di mio figlio due anni fa, le emicranie sono peggiorate e hanno la cadenza di una volta a settimana (anche due volte a settimana in periodi di forte stress). Spesso sono associate a nausea e vomito. Sono in cura al centro cefalee e ho richiesto una risonanza magnetica dell'encefalo. Mi potreste aiutare a decifrare il responso per favore?

"Esame eseguito con sequenze T1SE, T2FSE e FLAIR secondo piani assiali e coronali senza mdc come da richiesta. Minimo aumento in ampiezza degli spazi liquorali periencefalici in sede frontale. Non si rilevano alterazioni morfologiche o di segnale nel parenchima encefalico. Sistema ventricolare sovratentoriale normoespanso. In asse le formazioni della linea mediana. Non rilevabili alterazioni a carico del quinto, settimo e ottavo nervo cranico alla loro emergenza del tronco dell'encefalo e nel loro decorso intracranico".

Forse la dicitura che mi preoccupa di più è: "Minimo aumento in ampiezza degli spazi liquorali periencefalici in sede frontale." Che cosa vuol dire? E tutto il resto?

Grazie mille in anticipo.
Cordialmente,
Laura
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,2k 2,1k 23
Gentile Signora,

si tranquillizzi, in base al referto la RM si può considerare nella norma, non ci sono alterazioni degne di nota.
Piuttosto, considerata la frequenza elevata degli attacchi emicranici sta facendo una terapia farmacologica di prevenzione, in questo caso fortemente indicata, se possibile?

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie Dottore per la rapida risposta, ora mi sento più tranquilla. E' da dicembre che sto seguendo una terapia che alterna i seguenti farmaci: Cinazyn, EN, Laroxyl (goccine la mattina e la sera) e Maxalt durante gli attacchi. Però fin'ora non ho ottenuto molti risultati purtroppo.
Lei cosa consiglia?

Cordiali saluti.
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,2k 2,1k 23
Gentile Signora,

il maxalt è indicato solo in caso di attacco acuto per stroncare il dolore e va assunto prima possibile.
Gli altri farmaci da Lei menzionati sono poco indicati per l'emicrania, più utili, particolarmente il laroxyl, nelle cefalee di tipo tensivo.
Esitono molte altre molecole che possono essere utilizzate ma on line non è possibile indicarle. La diagnosi di emicrania è stata fatta dal centro cefalee? I farmaci sono stati prescritti dallo stesso centro?

Cordialmente
[#4]
dopo
Utente
Utente
Si Dottore, mi è stato diagnosticato al centro cefalee, dove sono in cura e dove mi hanno prescritto i farmaci. La prossima visita è a metà luglio e spero in una terapia migliore perchè per ora non ho riscontrato grandi miglioramenti.

La ringrazio ancora.
[#5]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,2k 2,1k 23
Gentile Signora,

Le confermo che possono ancora essere utilizzate molte altre molecole efficaci, i casi che non rispondono ai farmaci sono, per fortuna, una piccolissima minoranza.
Ha ancora a disposizione un largo ventaglio di opzioni, non si scoraggi.

Cordialità
[#6]
dopo
Utente
Utente
Grazie infinite Dottore e speriamo bene!

Cordiali saluti.
[#7]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,2k 2,1k 23
Grazie a Lei per aversci scelto.

Buon fine settimana

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test