Attivo dal 2014 al 2014
Buongiorno. Sono una ragazza di 22 anni e scrivo per avere un consulto riguardo a un problema che lamento da tempo e che mi mette molta agitazione. Tutto iniziò quattro anni fa, quando un pomeriggio cominciai ad avvertire un senso di offuscamento della vista, la sensazione di avere i battiti più accelerati e un senso di depersonalizzazione (e quindi vedermi come esterna al mio corpo) e déja-vu che mi portò a svenire. Questo svenimento somigliava più, però, ad una convulsione, infatti i miei genitori che erano lì con me dissero che ero rigida, sbattevo, e con i denti mi mordevo la lingua. Andai al pronto soccorso per fare degli accertamenti, mi fecero esami del sangue e della tiroide ed i valori erano tutti normali, feci due EEG (uno normale e uno con privazione del sonno) ed entrambi erano normali, lo stesso per cardiogramma, tac e risonanza, tutte nella norma. Secondo i medici era perciò una convulsione causata da un periodo di stress e dal mio modo di essere troppo emotiva e ansiosa ( aggiungo che già all'età di 10 anni per disturbi di ansia mi prescrissero Lexotan), ed esclusero qualsiasi tipo di malattia o epilessia .
Dopo un anno senza disturbi però svenni ancora una volta, sempre dopo aver provato le stesse sensazioni, venni ricoverata in ospedale e feci ancora tutti gli esami scritti sopra, e tutti risultarono ancora nella norma: ancora una volta mi dissero che il periodo di forte stress mi aveva portato ad avere questa convulsione.
Tutto andò bene poi per anni fino a qualche giorno fa. Cominciai infatti ad avvertire quelle sensazioni che provavo prima di svenire (quelle di depersonalizzazione e déja-vu) per qualche secondo o minuto durante le giornate, e riuscivo a farmele passare respirando profondamente e cercando di pensare ad altro. L'altra mattina però questa sensazione era più forte e mi fece svenire un'altra volta, sempre come le altre volte con convulsioni. Sono stata ricoverata ancora e ho rifatto ancora una volta tutti gli esami: tutti sono nella norma come sempre, e per i medici sono solo convulsioni per attacco di panico, legati a "disturbi di conversione", e quindi ad un problema mio psicologico.

Mi hanno così prescritto le capsule "Frisium" clobazam , da prendere una ogni sera per 3 mesi.

Volevo però richiedere un consulto anche a voi medici, secondo voi è davvero possibile che questi miei svenimenti/ convulsioni siano causati da attacchi di panico e da questi miei stati d'ansia??
Visti i risultati degli esami posso escludere altre patologie o l'epilessia?
E inoltre queste capsule che mi sono state prescritte possono aiutarmi davvero a non avere più ricadute e ad attenuare le mie ansie?

Vi ringrazio anticipatamente per la cortese attenzione.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazza,

a volte differenziare una crisi epilettica da una crisi psicogena non è per nulla agevole e qualche volta il problema resta irrisolto, impossibile è dare un giudizio a distanza.
Ovviamente può escludere malattie gravi considerato l'esito negativo degli esami effettuati.
Il frisium è un farmaco che viene utilizzato nell'ansia e nelle varie somatizzazioni ma è a volte anche prescritto come antiepilettico per gli effetti antiepilettogeni che possiede.
E' stata finora seguita da un epilettologo?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Attivo dal 2014 al 2014
La ringrazio per la sua rapida risposta. Finora sono stata seguita dai neurologi dell'ospedale in cui ero stata ricoverata e da una psicologa.
Quindi secondo il suo parere si potrebbe trattare comunque di crisi epilettiche anche se tutti gli esami eseguiti (soprattutto gli EEG) sono negativi e nella norma?
Mi rasserena almeno il fatto di poter escludere delle malattie gravi.
La ringrazio ancora,
cordiali saluti

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
A distanza non si può escludere nulla, pertanto per noi è impossibile sbilanciarci soprattutto in casi come questi quando tra le due condizioni esiste spesso un sottile confine che non è facile da definire, per questo motivo Le avevo consigliato di rivolgersi ad un epilettologo (neurologo esperto in epilessie).

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Attivo dal 2014 al 2014
La ringrazio per il consulto, mi rivolgerò allora ad un esperto.
Cordiali saluti.

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
E' la scelta migliora da fare.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro