Una terapia farmacologica che magari non ha nessun senso

Buonasera,
sono il papà di un bambino di 3 anni che soffre di convulsioni febbrili da quando aveva 1 anno, la prima crisi convulsiva e' durata circa 20 min poi le altre crisi si sono sempre risolte nel giro di pochi min, ,massimo 5 min.
Il 12/02/2014 e' stato effettuato il primo EEG e questo e' il referto:
In veglia tracciato costituito da un ritmo di fondo a 6-7 c/s, bilaterale.
In sonno (viene raggiunta la fase N-REM; presenza de fusi del sonno sincroni )si riscontra la presenza di attività tuta ipervoltata in sede fronti-temporale bilaterale, più evidenti a dx.
Al risveglio non anomalie di rilievo.

Conclusioni: Tracciato caratterizzato dalla presenza in sonno di anomalie lente ipervoltate in sede fronti-temporale bilaterale, più evidenti a dx



Il 08/12/2014 e' stato eseguito un secondo EEG e questo e' il referto:

In veglia tracciato costituito da un ritmo di fondo a 6 c/s, bilaterale, simmetrico.
In sonno (viene raggiunta la fase II di sono N-REM) si riscontra la presenza di componenti lente in sede fronti-centrale bilaterale, più evidenti a sx dove talora assumono aspetto aguzzo.
Eseguita registrazione EMG dei due muscoli deltoidi.

Conclusioni: tracciato caratterizzato dalla presenza di componenti lente in sede fronti-centrale bilaterale, più evidenti a sinistra dove talora assumono aspetto aguzzo.



Dovevamo eseguire la RM ma abbiamo dovuto rimandarla per ben tre volte a causa di febbre o di raffreddore.
Lui e' sotto cura con Depakin, e nonostante questo circa tre settimane fa a seguito di febbre alta ha avuto una crisi convulsiva febbrile.
Secondo il vostro parere, i due tracciati sono chiaro sintomo di epilessia o possono avere altri riscontri?
Cosa mi consigliate di fare?
Non vorrei mai continuare una terapia farmacologica che magari non ha nessun senso.
Ringrazio fin da ora .
Cordiali saluti
[#1]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 6,8k 189 51
Le convulsioni febbrili dell'infazia furono l'argomento della mia tesi di laurea.

Sarebbe interessante conoscere preliminarmente una dettagliata descrizione della tipologia delle crisi.
Pertanto riuscisse a descriverle ciò risulterebbe molto utile.
Può chiedere anche al neurologo o neuropsichiatra infantile che segue suo figlio se le crisi sono:
-generalizzate tipo grande male,
-generalizzate tipo piccolo male,
-generalizzate tipo piccolo male atipico,
-parziali semplici,
-parziali complesse.

E' importante sapere se suo figlio ha avuto una sofferenza alla nascita (parto difficile, alcuni giorni in incubatrice, ritardo nel piangere, colorito scuro della cute appena nato).

E' altrettanto importante che esegua la RM dell'Encefalo !!

Il valproato sodico (Depakin) è il farmaco di scelta nelle manifestazioni critiche infantili, pertanto ritengo di poter dire come il trattamento sia corretto.

Personalmente necessito almeno di queste poche informazioni per poter esprimere un parere seppur solo nel contesto di un consulto a distanza.
E' indispensabile la RM o almeno il suo referto riportato in "virgolettato".

Cordialmente.

Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Buonasera Dr.,
la ringrazio della tempestiva risposta.
Mio figlio è nato il08/12/2014 in 31+1settimane,da parto cesareo per presentazione podalica,pianto spontaneo e valore massimo bilirubina 8.5 mg/dl trattato con 36h di fototerapia, 1 settimana di ossigeno mediante kappa di hood, ha presentato apnee fino al 17/12 trattato con caffeina sospesa a scalare il 10/01.
La prima crisi che si è verificata il 11/10/12 diagnosi di stato di male epilettico in corso di virosi febbrile 38,3*
Seconda crisi 24/01/13 diagnosi convulsioni febbrili da virosi
Terza crisi 16/11/13 diagnosi flogosi prime vie aeree convulsioni febbrili
Quarta crisi 21/01/14 diagnosi convulsione febbrile in corso di virosi
Quinta crisi 31/03/14 diagnosi crisi convulsione febbrile recidivante
Sesta crisi 12/11/14 diagnosi crisi convulsive scatenate dalla febbre
Ora aspettiamo per la RM da eseguire il prima possibile,ma volevo chiederle,il tracciato secondo lei è di tipo epilettico?
Grazie ancora,è stato gentilissimo.
[#3]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 6,8k 189 51
Ritengo intenda indicare come data di nascita il 2011?
Crisi convulsive, pertanto generalizzate tipo grande male, sempre in corso di febbre.
Ritengo importante e "prognosticamente di impatto la prima" ovvero lo "stato di male" (pertanto crisi prolungata) durante il quale l'encefalo può aver sofferto per cui tanto più importante ed esaustivo sarà l'esame RM.
Il tracciato (che io non ho veduto) contiene refertati grafoelementi a possibile significato irritativo.
Vediamo la RM.
A favore il fatto che gli episodi critici si siano sempre manifestati solo in corso di febbre.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio