Utente 351XXX
Salve,
è da un po’ di tempo che mia madre lamenta continui mal di testa, ha 73, anni, ha un gozzo tiroideo stabile di 30 mm e una funzionalità tiroidea nella norma; prende medicinali per il colesterolo, l'ipertensione arteriosa, per l’osteoporosi e una cardioaspirina per il cuore. Recentemente ha eseguito anche una visita cardiologica che non dato segnali di preoccupazione.
Su consiglio del medico curante è stata quindi eseguita una risonanza magnetica con i seguenti risultati:
L’esame R.M. del distretto cranio-encefalico è stato eseguito con tecnica di TSE e T2 sui piani sagittale e coronale, TSE T1, FLAIR, GRE T2* e studio di diffusione sul piano assiale.
Ampi gli spazi di Virchow-Robin alla convessità cerebrale ed in regione nucleo-capsulare di ambo i lati.
In corrispondenza della sostanza bianca sopratentoriale, a sede sottocorticale, periventricolare e dei centri semiovali, si osservano rari nuclei di elevato segnale nelle immagini a TR lungo, da riferire a focolai gliotici su base vascolare cronica.
Lo studio di diffusione non ha mostrato alterazioni riferibili a lesioni in fase acuta-subacuta.
Presenza di diverticolo aracnoideo intrasellare (sella vuota).
Sistema ventricolare sopra e sottotentoriale in sede, di forma e volume regolare.
Normale morfologia degli spazi subaracnoidei pericerebrali e pericerebellari.

Vorrei cortesemente capire di cosa si tratta, in particolar modo quando si parla di “focolai gliotici” e di “diverticolo aracnoideo intrasellare (sella vuota)”. Tengo a precisare che mia madre ultimamente, nonostante due pillole al giorno, ha sbalzi di pressione arteriosa, in particolare quella sistolica, con punte che toccano il valore di 180.

Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

per focolai gliotici s'intendono delle alterazioni causate da problematiche pregresse che il cervello ha provveduto a riparare, immagini come minute cicatrici. Nel caso della Mamma il radiologo ritiene che tali aree siano state causate da deficit di ossigenazione.
Il diverticolo aracnoideo deve immaginarlo come una piccola cisti che occupa la sella turcica che è una parte del cranio dove è posizionata l'ipofisi. Il diverticolo posizionandosi nella sella non rende visibile l'ipofisi, ecco perché si parla di "sella vuota".
Faccia vedere la RM ad un neurologo e consulti pure un endocrinologo in quanto l'ipofisi è una ghiandola, pertanto di competenza endocrinologica.
Entrambi i reperti comunque possono avere uno scarso significato clinico qualora eventuali dosaggi degli ormoni ipofisari, se richiesti dallo specialista, siano nella norma.
Per quanto riguarda i focolai gliotici è importante tenere sotto controllo pressione arteriosa, glicemia, colesterolo e trigliceridi. Utile, ove possibile, una terapia antiaggregante ma vi dirà tutto il neurologo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 351XXX

Grazie dottore per la celere risposta...
scusi se approfitto della sua gentilezza...le volevo solo chiedere se il mal di testa che lamenta mia madre, in particolare nella zona frontale all'altezza degli occhi, può essere attribuito alla presenza del diverticolo o dei focolai gliotici oppure è di tutt'altra natura?...

Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

senza vedere le immagini non è possibile rispondere in maniera attendibile alla Sua domanda. Basandosi però esclusivamente su ciò che recita il referto, si possono escludere i focolai gliotici come causa della cefalea.
Un diverticolo voluminoso che comprime le strutture adiacenti può causare cefalea ma, considerato che il neuroradiologo non cita le dimensioni, né usa aggettivi come "voluminoso" e non descrive i rapporti con le strutture vicine, intuitivamente viene da pensare che il diverticolo sia di piccole dimensioni e pertanto asintomatico.
Non sappiamo però la funzionalità ormonale ipofisaria se sia normale.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 351XXX

La ringrazio per la disponibilità e buon Lavoro..
Cordiali saluti.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla, ci mancherebbe.

Buon fine settimana
Dr. Antonio Ferraloro