Utente 385XXX
Salve,
nel mese di marzo scorso ebbi un episodio di tremore in tutto il corpo durato circa 20 minuti. al pronto soccorso non rilevarono nulla di strano ( il tremore era già passato). Successivamente ho effettuato eco tronchi sovra aortici con sonda duplex scanner da 7,5 MhZ che ha evidenziato :
carotidi comuni , interne ed esterne ed arterie vertebrali e succlavie normali per calibro e pulsatilità;
ispessimento intimale diffuso e placca a struttura omogenea , isoecogena e a superficie regolare sulla parete post del bulbo carotideo sx che determina stenosi di grado lieve( 25% in diametro).
Successivamente ho eseguito una RSM in condizioni basali con immagini sagittali T1, cornali, FLAIR,assiali T1,T2, Flair, GE e diffusione:
presenza di multiple aree di iperintensità di segnale in T”, localizzate rispettivamente in corrispondenza del peduncolo cerebellare medio dx a sede sovravermiana paramediana sn, nel contesto sostanza bianca iuxta corticale frontoparietale bilaterale riferibili verosimilmente ad esiti di sofferenza tissutale su base cerebro vascolare ischemica.
non area di diffusività ristretta.
IV ventricolo normale ed in sede
sistema ventricolare sovratentoriale lievemente dilatato ed in asse rispetto alla linea mediana.
Discreta dilatazione degli spazi della volta e della base.
Verosimile calcificazione parafancale sinistra.
Il medico curante mi ha prescritto solo cardiospirina oltre MICARDISPLUS e atenololo che prendo già da 7 anni, e sostiene che l’ episodio del tremore non ha nulla a che fare con quanto evidenziato sulla RSM. Io invece sono preoccupato.... chiedo un Vs parere su cosa fare ….Grazie

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

concordo con quanto Le ha detto il medico curante, cioè non vedo una correlazione tra l'episodio di tremore e l'esito della RM encefalica.
Le consiglio però ugualmente una visita neurologica sia per una valutazione diretta del caso sia per fare visionare le immagini della RM.
Oltre la visita neurologica sarebbe anche utile, se il collega ne vedrà l'indicazione, effettuare un EEG.
Tenga sotto controllo pressione arteriosa, glicemia, colesterolo e trigliceridi.
Pratichi inoltre, se possibile, regolare attività fisica.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 385XXX

Grazie Dr, per la cortese e tempestiva considerazione.
I valori degli esami consigliati ( tranne EEG, mai fatto) sono stati finora nella norma, tranne l' attività fisica....da migliorare e lo farò subito.
In aggiunta, segnalo che già dal 1990 (ma non conservo i documenti) in una eco vasi aortici risultava una riduzione del flusso aortico ( ma non conservo i documenti, non sono preciso) e che nel 2013, con l'arrivo degli acufeni tuttora fiorenti, feci una RSN dove venivano evidenziati degli gliosi in sede cerebellare a dx ed in sede cortico-sottocorticale fronto-parietale bilateralmente.
Sono un po' preoccupato, gradirei, se possibile, un Suo parere circa i risultati degli esami.
La ringrazio molto



[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

all'ecodoppler TSA è stata riscontrata una stenosi di grado lieve (25%) che non ci preoccupa. L'ispessimento "intimale diffuso" non è stato quantificato, oggi si tende spesso a riportare questi valori di ispessimento (IMT) perchè al di sotto di 0,9 non sono da considerarsi patologici. Nel Suo caso questo valore non è stato riportato perchè basso? Può essere ma non abbiamo la certezza. Un controllo TSA all'anno può essere una buona norma da seguire, con quantificazione dell'IMT.
Alla RM encefalica invece sono stati riscontrati esiti di pregresse piccole ischemie mentre la lieve dilatazione del sistema ventricolare può essere compatibile con l'età qualora quella dichiarata all'atto dell'iscrizione al sito sia la Sua.
Detto questo, una valutazione neurologica diretta è certamente indicata.
Una precisazione sull'attività fisica, questa non deve essere "pesante" o costringerla ad effettuare sforzi di una certa entità. E' sufficiente anche una passeggiata a passo svelto di circa 45 minuti al giorno.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 385XXX

Ancora grazie Dr., seguirò il Suo consiglio. Oggi stesso mi attiverò per una visita da un neurologo, ma mi sento già più tranquillo......
Ringraziandola per l'assistenza professionale e umana che ci offre, Le auguro una buona giornata

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla, grazie a Lei per avere scelto Medicitalia e buon fine settimana.

Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 385XXX

Gent.mo Dr, mi scuso ancora per il disturbo.
Su indicazione del neurologo ( poco socievole per non dire altro) , ho effettuato un EEG con il seguente esito:

descrizione: ritmo di fondo alfa a 9-10 hz di medio voltaggio, irregolare,instabile, simmetrico, rappresentato maggiormente sui settori parietoccipitali.
sporadica attività theta,mediovoltata, diffusa
reazione d'arresto presente
l'attivazione con iperventilazione, eseguita per 3', non modifica l'attività di fondo.
non trascinamento alla s.l.i.
conclusioni: minime anomalie aspecifiche diffuse

chiedo ancora gentilmente un Suo parere,ringraziandola in anticipo

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il tracciato non presenta alterazioni degne di nota per cui non lo si può correlare col disturbo descritto. Faccia visionare l'esame al neurologo per avere un parere diretto.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro