Utente
Salve gentilissimi Dottori
Sono un ragazzo di 27 anni ipocondriaco, sto attraversando un anno difficile convinto di avere ogni malattia purtroppo..
Vi espongo il mio attuale problema: circa 6/7 mesi fa ho notato che il pollice della mia mano sinistra tremava se lo tenevo in certe posizioni,magari tenendo una forchetta in mano però solo in certe posizioni, o tenendo il cellulare in mano, anche in questo caso sempre in certe posizioni, in tensione comunque, mai a riposo..NON mi ha mai creato problemi di nessun genere questo tremore occasionale,ero sicuro si trattasse di stress perchè davvero avevo in testa un sacco di altri problemi..
Da circa un mese però ho notato che il muscolo tra pollice e indice della mano sx è più piccolo di quello della mano dx(in tutta la mia vita non mi sono mai messo a notare queste differenze quindi può essere che è così da sempre)..premetto che sono destro, scrivo, gioco a tennis ogni tanto..perciò vi chiedo, è possibile che quel muscolo si sviluppi di più in una mano che in un altra oppure può essere che il muscolo della mano sx si sta atrofizzando?
NON ho cali di forza, solo tremore in tensione che però non crea fastidi

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

una certa asimmetria tra parti speculari del corpo esiste senza per questo essere considerata patologica, nel Suo caso ovviamente non posso saperlo non avendo visionato i muscoli in questione.
Le consiglio di farsi vedere dal medico curante ma per Sua tranquillità.

<<ipocondriaco, sto attraversando un anno difficile convinto di avere ogni malattia purtroppo..>> affronti inoltre questo problema rivolgendosi ad uno psicologo o ad uno psichiatra, non lo lasci sedimentare perchè poi sarebbe più difficile trattarlo. Ha il diritto di vivere bene!

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta..
Secondo Lei è possibile che un muscolo si atrofizzi pian piano senza dare deficit alcuno di forza?
E inolte, un' atrofia tra indice e pollice, può portare solo a tremori circostanziali e assolutamente non debilitativi?
Grazie

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

Le rispondo in generale, senza considerare il Suo caso individuale che può essere normale.

<<è possibile che un muscolo si atrofizzi pian piano senza dare deficit alcuno di forza?>> è possibile per muscoli piccoli.

<<un' atrofia tra indice e pollice, può portare solo a tremori circostanziali e assolutamente non debilitativi?>> Può benissimo non causare tremori.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
quindi il muscolo tra indice e pollice è considerato piccolo?
e se inizia ad atrofizzarsi lentamente io ho comunque la stessa forza di sempre e inizierò ad accusare deficit solo quando si è rimpicciolito tantissimo?
Lei crede che essendo destro e quindi scrivendo, giocando a tennis, facendo più sforzi con quella mano abbia aumentato di più quei muscoli?E quindi è normale la differenza col sinistro, che non si nota se proprio non li si mette a confronto da vicino e ci si fa caso.
Perdoni tutte queste paranoie ma ho letto brutte cose sulla sla che mi sono entrate in testa..
Se fosse così cortese ancora da rispondere a tutte le mie domande gliene sarei grato
Grazie

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

le domande che pone sono un segno di stato ansioso con marcata componente ipocondriaca.
Lei è alla ricerca di rassicurazioni le quali a loro volta non fanno altro che alimentare il disturbo ansioso in un circolo vizioso che porterebbe alla cronicizzazione del problema.
Più che fare domande le cui risposte non portano alcun beneficio, deve fare solo una cosa, una visita dal Suo medico curante o, meglio, da un neurologo e sentire il suo parere.
In caso di esito negativo della visita, come Le dicevo prima, deve affrontare tempestivamente il problema rivolgendosi ad uno psicologo o ad uno psichiatra.
Capisco che la mia risposta non verrà "presa bene" ma Le assicuro che è la più razionale che Le posso dare ed ovviamente va nell'unica direzione del Suo interesse.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro