Utente
Buongiorno,
ho 40 anni e soffro di mal di testa ricorrenti. Da circa 2 mesi questi mal di testa sono diventati piu' frequenti e soprattutto durano per giorni interi.
Aggiungo che non soffro di pressione alta, e anche nelle giornate che presento il mal di testa se la misuro la riscontro massimo a 140/75. Aggiungo inoltre per inquadrare meglio la situazione che in famiglia ho avuto un caso di ictus a 60 anni.

Normalmente mi sveglio al mattino gia' con il mal di testa, cerco di resistere il piu' possibile senza assumere medicinali e a volte anche se assumo una tachipirina da 1g il mal di testa non scompare.
Da circa 1 mese si e' aggiunto anche un fastidioso tic palpebrale sinistro, piuttosto frequente. Anche questo si alterna a giorni in cui e' presente e altri in cui va tutto bene.
Il medico di famiglia dopo aver ascoltato la sintomatologia mi ha prescritto una RM celebrale di cui vi allego il referto:

Spazi liquorali corticali e ventricolari di normale ampiezza. Strutture mediane in asse. Non segni di massa. Multiple alterazioni di segnale con aspetto iperintenso nella acquisizioni a TR lungo e FLAIR in corrispondenza della sostanza bianca frontale e piu' evidenti in sede parietale, presenti anche alle giunzioni cortico-sottocorticali, come per focolai gliotici preferibilmente da sofferenza vascolare. Non alterazioni di segnale in sede sottotentoriale.

Dal referto vengono evidenziate queste multiple alterazioni di segnale con aspetto ipertintenso .. come per focolai gliotici da sofferenza vascolare.

Sono normali per la mia eta' ?
Sono la spia di segnalazione di patologie che potrebbero degenerare in cose piu' gravi?
Che ulteriori accertamenti mi consiglia di fare per avere un quadro preciso delle'eventuale patologia?
Il mal di testa puo' essere provocato da carenze di qualche elemento? Nelle ultime analisi del sangue avevo un valore di ferritina di 15, che mi hanno detto essere molto molto basso.
Potrebbe essere la causa scatenante?

Grazie e cordiali saluti

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

a 40 anni non è normale riscontrare "multiple alterazioni di segnale" diffuse per cui è consigliabile approfondire il problema rivolgendosi ad un neurologo.
Sarebbe utile anche effettuare lo screening trombofilico per valutare la coagulazione del sangue (veda se lo consiglierà il collega) ed una visita cardiologica con eventuale ECG ed ecocardiogramma se ritenuti utili dal cardiologo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Dimenticavo, l'anemia con deficit di ferro può causare cefalea ma occorre avere una visione d'insieme degli altri parametri utilizzati in questi casi, per es. il valore dell'emoglobina.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#3] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore,
la ringrazio per la sollecita risposta.
Eh infatti quando ho visto il referto con indicate queste multiple alterazioni mi ero allarmato, ma il medico di famiglia mi ha
rassicurato dicendo che sono normali, che sono presenti in tutte le persone.
Cosa potrebbero indicare queste alterazioni? Problemi di vascolarizzazione o rottura di qualche piccolo vaso?
Mi pare di capire che come causa scatenante potrebbe esserci una componente cardiaca giusto?

Per quanto riguarda il profilo trombofilico in che cosa consiste?

Per la visita neurologica mi sto attivando per effettuarla al piu' presto, ma visto il referto della RM Le volevo chiedere se e' corretto effettuare una visita neurologica "semplice" o quella presso i centri specializzati per le cefalee?
Mi scuso , ma in ospedale ho visto che esiste questa distinzione e non vorrei sbagliare visita.

Come da sua richiesta allego l'esito degli esami del sangue :
EMOCROMO
Leucociti 4,77 3-12
Eritrociti 4,79 4,6-6
Emoglobina 14,9 14-18
Ematocrito 44,2 41-52
MCV 92,3 82-98
MCH 31,1 25-34
MCHC 33,7 32-36
Piastrine 225 140-440

Formula leucocitaria
Neutrofili 66,3 40-74
Linfociti 25,7 19-48
monociti 5,5 3,4-12
Eosinofili 2,3 0-7
Basofili 0,1 0-1,5
Neutrofili ass. 3,16 1,8-8
Linfociti ass. 1,23** 1,5-4,5
Monociti ass. 0,26 0,1-1
Eosinofili ass. 0,11 0-0,8
basofili ass. 0,01 0-0,1

Glicemia 86 50-100
Creatinina 0,8 0,7-1,2
Bilirubina totale 0,5 0,2-1,2
Bilirubina diretta 0,1 0-0,4
ALT 25 6-78
Trigliceridi 32 30-175
colestorolo totale 207** 80-200
HDL colesterolo 93** 35-55
Ferritina 15** 30-300

Elettroforesi proteica
EF Rapporto Alb/Glob 1,83
Alfa1 glob. 3,4 2,6-5,2
Alfa2 glob. 6,7** 7-12,8
Elettrof. Albunima 64,7 55-67
Beta 1 glob. 5,8 4,5-7,4
Beta 2 glob. 4,3 2,7-6,7
Gamma glob. 15,1 10-19
Albumina 4,300 3,2-5,5
Prot.totali 7,2 6-8

Mi scuso per le numerose domande, ma non vorrei sottovalutare la sintomatologia, in quanto continuo ad avere anche la testa come pesante (e' una sensazione difficile da descrivere) e si stya aggiungendo anche un fastidio agli occhi.

Grazie ancora e cordiali saluti.

[#4]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

al momento ritengo che sia maggiormente indicato individuare la causa delle alterazioni riscontrate alla RM per cui il centro cefalee lo tralascerei anche perchè un neurologo, anche al di fuori di questi centri, è certamente in grado di diagnosticare anche il tipo di cefalea.
Ha già una diagnosi per il mal di testa? Ha mai fatto una visita neurologica?

Lo screening trombofilico consiste in una serie di esami del sangue per la ricerca di eventuali fattori che potrebbero influenzare la coagulazione in senso trombotico. Ne parli di persona col neurologo.

<<Cosa potrebbero indicare queste alterazioni? Problemi di vascolarizzazione o rottura di qualche piccolo vaso?>> basandosi soltanto su ciò che recita il referto, queste alterazioni sarebbero l'esito di piccole ischemie.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro