Utente 345XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 19 anni e volevo esporvi un problema che avverto dall'inizio dell'estate scorsa: un forte mal di testa che fatica ad andare via.
Premetto che é da circa 2-3 anni che ho uno strano rapporto con il sonno: pur addormentandomi in fretta la sera, (e passando notti quasi sempre tranquille), al mattino ho sempre un risveglio precoce, svegliandomi sempre ogni mattina intorno alle 6.30/7.00, senza poi più riuscire ad addormentarmi (nonostante abbia ancora moltissimo sonno), cercando di tenere gli occhi chiusi fino ad un'ora normale in cui uno si alzerebbe in un giorno festivo. Questo non mi ha mai dato problemi fino a quest'estate, quando alzandomi dal letto tutte le mattine dopo ore con gli occhi chiusi ho iniziato ad avvertire dei forti mal di testa che si protraggono fino a sera.
Nei giorni feriali, quando mi alzo abitualmente alle 6.30 per andare in università, il problema non sorge e quindi non avverto alcun mal di testa. La questione si solleva praticamente sempre nei giorni festivi, anche alzandomi apposta un po' prima per evitare il problema.
Sono andato più volte da un neurologo, che mi ha prescritto la prima volta del fluxarten, la seconda volta del laroxyl e del brotizolam. Ma le cose non sono cambiate per niente. Ho anche fatto una risonanza magnetica all'encefalo, ma da essa non é sorto alcun tipo di problema a livello fisico.
Ho sempre cercato di seguire le regole di igiene del sonno.
Al momento l'unica cosa che riesce un po' a cessare momentaneamente il dolore é una busta di oki da prendere al mattino, ma non posso usufruirne continuamente...
Voi cosa mi consigliate? Grazie dell'aiuto

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

esiste una cefalea cosiddetta da weekend che probabilmente è causata da un cambio di abitudine che si verifica nei giorni festivi. Infatti spesso alcune forme di cefalea sono scatenate, in soggetti predisposti , da un cambio delle abitudini di vita, nel Suo caso potrebbe essere un aumento delle ore di sonno rispetto al resto della settimana.
Provi ad alzarsi alla solita ora anche un giorno festivo per verificare questa ipotesi.
Per chi prende un caffè sempre alla stessa ora, per es., e il festivo lo posticipa di qualche ora, sempre in soggetti predisposti, può insorgere la cefalea, cosa che non succede se il soggetto lo anticipa anche il giorno festivo alla solita ora.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 345XXX

Gentile dottore, la ringrazio per la risposta.
Tuttavia la mia cefalea insorge non necessariamente nel weekend, ma in qualsiasi giorno della settimana in cui mi alzo dal letto ad un orario normale (sottolineo, nonostante sia già sveglio da ore nel letto). Penso che il dolore alla testa sia causato dal fatto di tenere costantemente gli occhi chiusi nel tentativo di prendere sonno, possibile?

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Una cefalea tensiva potrebbe starci. La notte stringe i denti?

Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 345XXX

Non penso, proverò comunque a farne caso le prossime mattine. Comunque non sento dolore ai denti, solo alla testa. Dimenticavo, quando ho questo mal di testa provo anche fastidio nel sentire rumori intensi.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
In caso di bruxismo è possibile svegliarsi con mal di testa però è curioso che eventualmente il fenomeno è circoscritto solo ai giorni festivi.

Il laroxyl a quale dosaggio è stato assunto e per quanto tempo? Non ha avuto nessun beneficio?

Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 345XXX

Ho assunto laroxyl 1 compressa e brotizolam mezza, per 1 mese e mezzo.
Non ha fatto pressoché nulla, mi dava solamente una sensazione ancora più acuta di stanchezza e sonno, soprattutto al mattino.
Penso che il fenomeno riguardi solo i giorni festivi perché é proprio in quei giorni che non mi alzo dal letto nel momento in cui mi sveglio spontaneamente.
Può darsi che tenda a degrugnire i denti proprio in quelle ore di continuo sonno-veglia (quindi solo nei giorni festivi). Le farò sapere

[#7] dopo  
Utente 345XXX

Comunque io mi addormento sempre a pancia in giù girato verso destra, forse é anche questa posizione che influisce il mal di testa?

[#8] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Le posture possono avere un ruolo importante nelle cefalee ma nel Suo caso non mi sembrano determinanti non presentandosi spesso ma solo nei giorni festivi.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#9] dopo  
Utente 345XXX

In pratica il mal di testa insorge quasi sempre di sabato, domenica e giovedì (giorno libero dall'università). In pratica, ogni giorno che non vado in università. Quindi non penso che sia correlato necessariamente al weekend, ma piuttosto al fatto che in quei giorni non mi alzo dal letto all'orario in cui mi sveglio, ma continuo a tenere gli occhi chiusi per ore nel tentativo di riaddormentarmi

[#10] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Infatti, il giovedì è per Lei come un giorno festivo.
E' quello che volevo sottolineare.

Buon fine settimana
Dr. Antonio Ferraloro

[#11] dopo  
Utente 345XXX

Ok, la ringrazio per la disponibilità. Le farò sapere se la causa del mal di testa possa essere il bruxismo

[#12] dopo  
Utente 345XXX

Recentemente sento un senso di fastidio ai denti, in più mi accorgo di tenere spesso la bocca serrata quando sono a letto al mattino. Per valutare se il problema sia il bruxismo o meno, sarebbe opportuno andare prima dal medico di base e poi dall'odontoiatra? Grazie dell'attenzione

[#13] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

probabilmente l'iter da seguire è recarsi da uno gnatologo che è un dentista perfezionato in problematiche dell'articolazione temporo-mandibolare e in bruxismo.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente 345XXX

Sono andato da un dentista, mi ha riferito che i denti sono in buone condizioni e per ora non é necessario nessun provvedimento. Se dovessi sentire ancora il fastidio ai denti, mi ha consigliato di utilizzare un bite su misura durante la notte. Negli ultimi giorni non ho più avvertito infatti dolore ai denti, ma il mal di testa non cessa di andar via. Tra l'altro avverto sempre di più un fastidio tremendo alle orecchie (come se fossero tappate), soprattutto quando sento rumori forti (specialmente al mattino).
Cosa mi consiglia di fare? Se mettessi fin da subito un bite, cesserebbero tutti questi dolori?

[#15] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Come si fa a sapere? Dipende dalla causa, se fosse di origine gnatologica dovrebbe avere benefici.
Dr. Antonio Ferraloro

[#16] dopo  
Utente 345XXX

Buonasera,
Dato che é da tempo che non scrivo più le riassumo brevemente: da 1 anno e mezzo soffro di cefalea tensiva tutti i giorni, il dolore é massimo al mattino per poi decrescere verso sera. Al dolore alla testa si aggiunge spesso nausea, dolore alle orecchie (fastidio ai rumori), dolore agli occhi, grande senso di affaticamento.
Dopo aver preso svariati farmaci prescritti sia dal neurologo sia dal medico di base nel giro di più di 1 anno (es. Fluxarten, laroxyl, Brufen, sirdalud, songar, sonirem, levobren) ,(ho effettuato anche una risonanza magnetica, con esito negativo) senza alcun successo, ho deciso di cambiare specialista. Mi sono quindi recato 2 settimane fa presso un altro neurologo, che ha individuato il problema nel digrignamento notturno dei denti (infatti é da mesi che durante il giorno ho iniziato a notare una strana sensibilità ai denti).
Mi ha quindi scritto la seguente terapia:

"Quadro di cefalea tensiva in paziente con bruxismo notturno. Utile byte notturno e terapia con RIVOTRIL 0.5 mg la sera. Rivalutazione neurologica tra circa due mesi"

Durante i primi 3/4 giorni di assunzione del farmaco ho notato dei netti miglioramenti, e gran parte dei sintomi sopracitati erano scomparsi. Mi sentivo molto meglio ed era il primo farmaco che funziona tra quelli presi in precedenza.
I giorni successivi, però, non ho più notato questo miglioramento iniziale, e il mal di testa é ritornato.
Recandomi poi da un dentista pubblico, mi ha fatto un preventivo di 550 euro per un byte (rigido)
Poiché non posso permettermelo economicamente, ho deciso di acquistarne uno di quelli morbidi che si adattano automaticamente all'arcata dentale.
(Il neurologo non ha specificato se acquistarlo rigido o morbido)
É da 4 giorni che lo uso (sempre combinato con il rivotril), e l'unica nota di cambiamento è un dolore molto forte sui denti posteriori nel momento che mastico del cibo.

La cosa che non riesco a capire é:
Come mai i primi giorni ho riscontrato l'effetto positivo del farmaco, mentre adesso non noto più alcun miglioramento dei sintomi a livello fisico?

La ringrazio per la disponibilità
Cordiali Saluti

[#17] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

per quanto riguarda il farmaco è possibile che subito abbia avvertito il miglioramento ma poi forse l'organismo, anche se troppo presto, richiedesse un dosaggio maggiore per mantenere lo stesso effetto, un po' come un'assuefazione precoce.
Le ricordo però che questa è solo un'ipotesi a distanza.

Per quanto riguarda il problema del bruxismo, del bite o di eventuali altri fattori odontoiatrici o mandibolari Le consiglio di postare il consulto nella sezione "Gnatologia clinica" sempre di questo sito.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#18] dopo  
Utente 345XXX

La ringrazio, se ho bisogno di altri chiarimenti le farò sapere.

[#19] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Con piacere, restiamo a disposizione per quanto possibile in un consulto a distanza.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#20] dopo  
Utente 345XXX

Rivotril é compatibile con la camomilla (da prendere la sera per addormentarsi più facilmente ) e con dei normali antidolorifici (tipo oki)?

[#21] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Sì, non sono riferite interazioni negative tra i farmaci che menziona.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#22] dopo  
Utente 345XXX

Buongiorno, rivotril ha fatto effetto solo per i primi 3 giorni, (é da quasi due mesi che prendo una Compressa 0,5 mg ogni sera), quindi il mio medico di base mi ha consigliato di raddoppiare la dose (1 mg) per due settimane, fino al prossimo appuntamento con il neurologo (16 dicembre).
Volevo chiederle: poiché in questi giorni sono parecchio influenzato sto assumendo della tachipirina (anche la sera). Presenta compatibilità con Rivotril?
Grazie, cordiali saluti

[#23] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non sono segnalate interazioni negative tra i due farmaci in questione.

Buona domenica
Dr. Antonio Ferraloro

[#24] dopo  
Utente 345XXX

Grazie, un' altra domanda: Rivotril é compatibile con zerinol?

[#25] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Sì, si può associare.
Dr. Antonio Ferraloro

[#26] dopo  
Utente 345XXX

Buongiorno,
Sono stato stamattina dal mio neurologo per un controllo.
Gli ho fatto notare che con 2 compresse di rivotril il mal di testa risulta molto più dimensionato. Mi ha scritto una nuova diagnosi:
"Cefalea di tipo tensivo. Prosegue RIVOTRIL 0.5 mg cpr 1 la mattina + 1 la sera. Aggiunge SERTRALINA 50 mg cpr 1 dopo cena. Rivalutazione ambulatoriale tra tre, quattro mesi".
Non capisco una cosa, quanto deve durare questa terapia?
(o si é espresso male o non ho ben compreso io)

[#27] dopo  
Utente 345XXX

Inoltre volevo chiederLe altre due informazioni:
1) Al mattino, rivotril va assunto dopo colazione?
2) Sia rivotril sia la sertralina provocano difficoltà alla guida (c'è scritto sul bugiardino). Prima assumevo solo rivotril e solamente la sera prima di dormire, quindi il problema non me lo ponevo neanche. Può essere quindi pericoloso guidare ad esempio la sera dopo cena (dopo aver assunto sertralina) o al mattino (dopo aver assunto rivotril)?
Grazie

[#28] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente.

da come è scritto si capisce che la terapia va protratta almeno fino al prossimo controllo.
Il rivotril lo può assumere indifferentemente prima o dopo colazione, personalmente preferisco dopo.
Riguardo la guida potrebbe provare a non guidare un paio di giorni, se non ha sonnolenza potrà poi riprendere, comunque la maggioranza dei pazienti che assume questi farmaci non ha problemi al riguardo (con la sertralina ancora meno) ma ogni soggetto risponde in modo diverso ad una terapia farmacologica.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#29] dopo  
Utente 345XXX

Va bene, grazie per l'esauriente risposta

[#30] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Buon sabato sera
Dr. Antonio Ferraloro

[#31] dopo  
Utente 345XXX

Buongiorno,
Volevo chiederle un parere: dato che il mal di testa é ancora persistente anche con la nuova terapia, non potrei assumere, oltre ad 1 sertralina 50 mg (dopo cena) anche 2 compresse di rivotril 0.5 mg la sera prima di dormire? (Al posto che 1 di mattina e 1 di sera).
Infatti, mentre la sertralina, secondo il neurologo, dovrebbe fare l'effetto di "ridurre gli stimoli esterni", non capisco a cosa possa servire il rivotril la mattina, dato che é di notte che digrigno i denti (forse riduce l'intensità del dolore?).
Le ho inoltre parlato comunque del fatto che, secondo me, il mio digrignamento é dovuto al nervosismo accumulato dall'ambiente in cui dormo, essendo camera mia una stanza comunicante con un altra, da cui passano ben 3 persone. É quindi un ambiente molto rumoroso e per nulla rilassante, ma d'altronde devo accontentarmi poiché non c'è nessun altro ambiente libero in casa mia.
Grazie e buone feste!

[#32] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

queste decisioni terapeutiche non è possibile suggerirle a distanza in un paziente che non si conosce, è vietato. Deve chiedere al neurologo o al medico curante.
Buone feste anche a Lei

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#33] dopo  
Utente 345XXX

Va bene, capisco perfettamente.
Per qualsiasi altro dubbio non esiteró a contattarla.
Grazie per la Sua disponibilità!

[#34] dopo  
Utente 345XXX

Buongiorno,
Volevo chiederle un parere: dato che il mal di testa é ancora persistente anche con la nuova terapia, non potrei assumere, oltre ad 1 sertralina 50 mg (dopo cena) anche 2 compresse di rivotril 0.5 mg la sera prima di dormire? (Al posto che 1 di mattina e 1 di sera).
Infatti, mentre la sertralina, secondo il neurologo, dovrebbe fare l'effetto di "ridurre gli stimoli esterni", non capisco a cosa possa servire il rivotril la mattina, dato che é di notte che digrigno i denti (forse riduce l'intensità del dolore?).
Le ho inoltre parlato comunque del fatto che, secondo me, il mio digrignamento é dovuto al nervosismo accumulato dall'ambiente in cui dormo, essendo camera mia una stanza comunicante con un altra, da cui passano ben 3 persone. É quindi un ambiente molto rumoroso e per nulla rilassante, ma d'altronde devo accontentarmi poiché non c'è nessun altro ambiente libero in casa mia.
Grazie e buone feste!

[#35] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

probabilmente è stato inviato per errore un post a cui avevo risposto.

Dr. Antonio Ferraloro

[#36] dopo  
Utente 345XXX

Ha ragione, probabilmente é stato un errore

[#37] dopo  
Utente 345XXX

Buonasera, ho contattato il mio neurologo per chiedergli la conferma sulla durata della terapia, mi ha risposto che devo assumere sia rivotril sia sertralina (le avevo già scritto la diagnosi dettagliata tempo fa) fino al prossimo controllo (tra 2 mesi circa), poiché la terapia dura in totale 3-4 mesi, e l'avevo cominciata a dicembre.
In generale, sento che la mia cefalea tensiva é sicuramente diminuita, ma rimane comunque un fastidio costante, specialmente al mattino appena alzato.
Inoltre,in alcuni giorni il mal di testa si fa molto più sentire che in altri, costringendomi a prendere un antidolorifico.
Inoltre permane sempre quella strana sensazione quando chiudo i denti.
Le presento il mio dubbio : é salutare assumere i due farmaci per così tanto tempo? Il rivotril l'avevo già assunto nella terapia precedente (0.5 mg al giorno per 2 mesi), che aveva dato qualche risultato solamente raddoppiando le dosi.
Quindi, al termine di quest'ultima terapia, avrò assunto rivotril per 6 mesi e sertralina per 4 mesi.
Non potrebbero esserci degli effetti collaterali?
Grazie, cordiali saluti

[#38] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

di solito il rivotril per l'uso che fa Lei viene prescritto per tempi più brevi perché potrebbe dare assuefazione e quindi minore efficacia terapeutica, mentre per la sertralina il ragionamento è opposto, cioè 4 mesi potrebbero risultare insufficienti.
Veda cosa Le dirà il collega tra due mesi.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#39] dopo  
Utente 345XXX

La ringrazio per la rapida risposta.
Per il momento non sento assuefazione dal rivotril, vedrò cosa mi dirà il neurologo.
Grazie, se avrò altri dubbi la contatterò

[#40] dopo  
Utente 345XXX

Salve,
Recentemente mi é stata misurata la pressione, e mi hanno riferito che risulterebbe un po' fuori norma per un ragazzo di 20 anni. Minima:93, Massima 140
Dovrei riferire anche questo al neurologo (o al mio medico curante)?
Grazie, cordiali saluti

[#41] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

certamente, deve riferirlo sia al neurologo ma soprattutto al medico curante.
Consigliabile per un periodo un controllo frequente della pressione per valutare se l'aumento è occasionale o continuativo. Utile appuntare i valori pressori riscontrati e l'orario del rilevamento.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#42] dopo  
Utente 345XXX

Buonasera,
Dal 16 dicembre scorso stavo attuando la terapia seguente:
"Cefalea di tipo tensivo. Prosegue RIVOTRIL 0.5 mg cpr 1 la mattina + 1 la sera. Aggiunge SERTRALINA 50 mg cpr 1 dopo cena. Rivalutazione ambulatoriale tra tre, quattro mesi"

Oggi, durante, il nuovo controllo dal neurologo, gli ho detto esplicitamente che questa terapia non ha sostanzialmente diminuito il dolore e il fastidio alla testa.
La nuova terapia è:
"Persistenza del quadro cefalalgico. Prosegue RIVOTRIL come ora ed aumenta SERTRALIN 50 mg cpr 1 la mattina + 1 la sera. Rivalutazione tra tre, quattro mesi"

Quindi mi ha solamente aggiunto una compressa di sertralina in più la mattina.
Spero davvero che il dolore inizi drasticamente a diminuire con tale modifica, perchè ormai soffro di cefalea da quasi 2 anni (tutti i giorni...) e a volte il dolore è insopportabile.
Ho fatto presente inoltre al neurologo che spesso soffro anche di forte mal di pancia e acidità di stomaco (percepito appena mi alzo dal letto la mattina, accompagnato dal mal di testa), mi ha poi fatto presente che la sertralina può agire anche sullo stomaco.

Volevo chiederLe: qual è l'orario migliore per prendere sertralina dopo cena, affinchè faccia al meglio effetto?
Ad esempio: andando a letto alle 23 di sera, quando è meglio assumerla in modo tale da beneficiare gli effetti durante il sonno?

Grazie, cordiali saluti

[#43] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la sertralina è preferibile assumerla dopo cena, quando prescritta in doppia somministrazione.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#44] dopo  
Utente 345XXX

Grazie, quindi é indifferente assumerla subito dopo cena (ad es. alle 20) oppure prima di di andare a letto (es. alle 23)?
Poi un'altra richiesta: quando la mattina assumo rivotril e sertralina dopo colazione, possono essere assunte nello stesso momento?
Perché la sera, invece, rivotril lo assumo 15 minuti prima di andare a letto, e quindi solitamente i due farmaci non li assumo in contemporanea.
Grazie della sua disponibilità

[#45] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
È buona norma assumere i due farmaci che menziona a distanza almeno di mezz'ora l'uno dall'altro ma queste sono indicazioni che deve dare il medico che li prescrive.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#46] dopo  
Utente 345XXX

La ringrazio. Allora provvederò a contattare il mio neurologo per risolvere il dubbio.

[#47] dopo  
Utente 345XXX

Buonasera,
Ho contattato il mio neurologo e mi ha detto che i due farmaci, al mattino, possono essere assunti contemporaneamente, dopo colazione.