Utente 411XXX
Salve, sono una ragazza di 19 anni e da gennaio soffro mal di testa con conseguenti vertigini. Una notte andai al ps perchè accusavo forti dolori alla testa e la sentivo "tirare". Il lato sinistro era completamente tirato così come la guancia. Al ps mi effettuarono una visita neurologica con conseguenti esami del sangue nella norma, ecg nella norma con enzimi nella norma (per attacco di panico e battiti accelerati). La visita neurologica è risultata negativa e da protocollo ho effettuato una tac cranio anche quest'ultima risultata negativa. La neurologa allora ha detto che questi episodi di mal di testa erano riconducibili alla cefalea ti tipo muscolo tensiva. Nei giorni successivi i sintomi non passavano specialmente gli sbandamenti che erano continui e mi recai dal medico curante che visitandomi notò una contrattura a livello cervicale e mi prescrisse airtal per una settimana e i raggi x al rachide cervicale risultati negativi. Inoltre per gli sbandamenti che non passavano cosi come la contrattura alla testa ho effettuato una visita otorino con conseguenti prove audiometriche e vestibolari risultate nella norma e visita oculistica con fondus oculare tutto nella norma. Dopo queste visite navigando in internet ho riscontrato che molti sintomi combaciavano con la sclerosi multipla. Cosi tornai dal medico curante per i dolori stiramenti alla gamba sinistra con precisione al polpaccio. Cosi per eliminare tutti i dubbi per togliermi dalla mente questo pensiero mi prescrisse una rm encefalo con mezzo di contrasto risultata negativa. Anche dopo la risonanza gli episodi di fastidio e di sbandamenti diminuirono cosi come il fastidio alla gamba. Tonai dal medico curante, che mi disse che dipendeva tutto dall'ansia, perchè gli sbandamenti non erano ancora passati del tutto. Cosi mi ha prescritto una visita ortopedico per controllare meglio la postura e la colonna vertebrale perchè convinta che tutto dipende da li. Adesso a distanza di 5 mesi ho visto che gli sbandamenti dipendono dal mal di testa che è diminuito (le contratture le percepisco alcune volte al giorno) infatti l'otorino che mi ha visitato parlava proprio di vertigini emicraniche. Solo che io ad oggi penso di avere la sclerosi multipla o che per lo meno è alle fasi iniziali. Solo che tutte le visite neurologiche in tutto 5 sono risultate negative. Forse dovrei effettuare una rm al midollo. La settimana scorsa andai dal mio medico curante impaurita dal fatto che forse non mi arriva abbastanza sangue al cervello ma lei mi ha smentito data la rm negativa. Detto questo è ancora possibile che dopo due mesi dalla rm non è cambiato nulla? ho molta paura di malattie demielinizzanti o di un' ischemia celebrale. Non è meglio effettuare un'altra rm? Un ultima cosa questo tiramento che sento alla base del ginocchio sinistro l'ho fatto controllare dal medico curante che mi ha riscontrato una lombosciatalgia dovuta dalla mia postura scorretta e per questo devo effettuare una visita ortopedico.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazza,

sinceramente dalla sintomatologia descritta non vedo nulla che possa fare sospettare una SM, non vada in internet per autodiagnosi perché è impossibile raggiungere questo obiettivo.
Altra RM? E per quale motivo, con visite neurologiche negative, assenza di sintomi sospetti ed una recente RM negativa?
I sintomi non passano? È come potrebbero senza un'adeguata terapia? A volte può accadere una remissione spontanea ma di regola occorre una terapia.
Curi anche il Suo stato ansioso.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 411XXX

Gentile dottore la ringrazio della sua tempestiva risposta . forse fare un'altra RM non è il caso. E che tipo di terapia potrei intraprendere? Ora come ora non vedo nulla da fare e da intraprendere oltre la visita ortopedico. Non riesco più a vivere una vita normale...

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

A distanza non è possibile consigliare farmaci, è vietato.
L'avrebbe dovuto fare il neurologo che l'ha visitata.
Mi è difficile capire come si fa a non curare una cefalea.
Detto questo, vedrei indicato anche un supporto psicologico per affrontare il disturbo d'ansia che mi sembra notevole.
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 411XXX

Quindi lei non farebbe altre indagini o esami riguardo i sintomi? oltre curare la cefalea non farebbe nient'altro?
Leggendo su internet so che si può fare l'ecodoppler al collo dei vasi sanguigni, ma parlandone con la mia dottoressa me lo ha sconsigliato proprio per la mia età e perchè non ho altri problemi a monte come valori del sangue alterati. Grazie per la Sua eventuale risposta. Mi rassicura molto!

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

una cefalea con RM encefalo negativa non crea nessuna preoccupazione, va soltanto diagnosticata e curata con idonea terapia che può essere prescritta per fare regredire l'attacco o in fase di prevenzione ove ci siano le condizioni.
Non servono altri esami diagnostici.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro